Come calcolare il gradiente barico

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Se dovete calcolare il gradiente barico e non sapete proprio da dove iniziare, non preoccupatevi: tramite questo tutorial, infatti, vi illustreremo dettagliatamente il metodo più veloce ed immediato per risolvere il problema.
In fisica e in meteorologia, viene definito gradiente quella forza originata da una diversa pressione, presente su una determinata superficie: nel caso di due aree caratterizzate da pressione dissimile, quindi, assisterete ad un’accelerazione dal punto più elevato di pressione a quello più basso. Il procedimento per quantificare tale forza è abbastanza contorto e laborioso, ma con la giusta delucidazione ed un’accurata applicazione, riuscirete a capirne facilmente i meccanismi.
Vi suggeriamo, quindi, di porre estrema attenzione nella lettura dei passi che seguiranno, così da poter apprendere le varie fasi descritte e impadronirvi dei concetti esplicati.

27

Occorrente

  • Un buon libro di fisica
37

Il gradiente barico si distingue in verticale ed orizzontale: nel primo, il cambiamento di pressione è determinato dall’abbassamento o innalzamento di quota ed è stabilito in 8,23 m (27 piedi) ogni millibar (hPa); in una situazione definita “standard” (ad una temperatura di 15°C, su livello del mare), l’aria campione misurerà una pressione di 1.013,25 hPa. Ad ogni mutazione non solo di altezza, ma anche di densità dell’aria, il valore del gradiente è destinato a modificarsi.
Concludendo, il gradiente barico verticale (Gv) deriva dalla variazione sia della pressione (Δp) che dell'altezza (Δz), e potete concludere che:
Gv=Δp/Δz

47

Il gradiente barico orizzontale, invece, è legato alla diversa pressione di due isobare limitrofe e alla loro distanza. Si tratta, quindi, di quella forza da cui scaturiscono le masse d’aria, con venti che risulteranno più intensi, se la distanza tra le isobare è minore e la loro differenza di pressione è maggiore, e viceversa.
Se ne deduce che il gradiente barico orizzontale (Gh) dipende dal mutamento sia della pressione (Δp) che della distanza orizzontale (Δs), quindi:
Gh=Δp/Δs

Continua la lettura
57

Un ulteriore approfondimento: se considerate la forza gradiente (Fg) come un comune vettore, potete applicare la seconda legge di Newton, il cui principio afferma che una forza è uguale al prodotto della massa per l’accelerazione: Fg = m • a.
Prendete in esame il volume della zona da analizzare, e consideratene l’altezza (h), l’area (A) e la sua densità (d).
Per ottenere la misurazione della massa, vi basterà applicare la seguente formula:
m = d • A • h
A questo punto, sostituite “m” con i valori sopra riportati:
Fg = m • a
Fg = (d • A • h) • a
Il risultato ottenuto rappresenta il vettore della forza gradiente.
Come avrete notato, il concetto è abbastanza macchinoso, ma con un’adeguata applicazione ed una esercitazione costante, riuscirete sicuramente a superare le difficoltà.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studio assiduo, esercitazione costante ed acquisizione del procedimento

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Superiori

Fisica: la pressione atmosferica

In questa breve guida parleremo di fisica e in particolare della pressione atmosferica, ovvero la pressione esistente in qualunque punto dell'atmosfera terrestre. Il suo valore varia in base al punto dell'atmosfera terrestre in cui viene misurata, e corrisponde...
Superiori

Come calcolare i gradienti su una mappa topografica

Molti di noi sanno che la pendenza di una riga viene calcolata come "dislivello durante la corsa". Tuttavia, l'applicazione di calcolo della pendenza può sembrare un po' più complicata. Nelle scienze geologiche, è possibile che venga chiesto di calcolare...
Superiori

Come calcolare volume e densità

A volte, quando si frequentano gli istituti superiori, i professori chiedono di calcolare il volume e la densità di un solido di forma regolare oppure irregolare. All'inizio il problema sembra di difficile soluzione, ma non bisogna demoralizzarsi. Basta...
Superiori

Come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in triangolo rettangolo

In questo tutorial, potrete scoprire oggi, come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo, meglio anche conosciuto come secondo teorema di Euclide. Il calcolo dell'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo è...
Superiori

Come calcolare la funzione inversa di una parabola

In ambito matematico viene spesso richiesto di calcolare la funzione inversa di una parabola. Ciò che è in grado di mettere in difficoltà qualsiasi studente delle scuole superiori, è in realtà un'operazione semplicissima che può essere svolta agevolmente,...
Superiori

Come calcolare il raggio di una circonferenza inscritta in un triangolo

Questa guida potrà essere utile per scoprire come calcolare in modo semplice e veloce il raggio di una circonferenza inscritta in un triangolo. Nonostante possa sembrare un calcolo complesso e che richiede una base di studio e metodo, si tratta invece...
Superiori

Come calcolare le derivate parziali miste

In questa guida ti insegnerò come calcolare le derivate parziali miste. Le derivate parziali miste servono nelle funzioni a due variabili per calcolare, per esempio, massimi, minimi e punti di sella. Può sembrare un concetto incredibilmente complesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.