Come calcolare il calore specifico di un corpo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella disciplina della termodinamica, la capacità termica di una qualsiasi sostanza corrisponde alla quantità di energia necessaria per far salire la sua temperatura di 1°. Calcolare il calore specifico di un corpo è molto importante per la scoperta della quantità energia consumata per mantenersi in vita. Oppure, è possibile sapere quanta energia si consuma prima dell'usura e della definitiva inutilizzabilità. Nella guida seguente, vi spieghiamo rapidamente come calcolare il calore specifico di un corpo. Speriamo di essere molto esaurienti.

26

Conoscete i valori del calore specifico

Cosa fare per calcolare il calore specifico di un corpo? Prima di tutto, dovete conoscere i suoi valori in maniera precisa. Partiamo dal calore specifico del rame, che è di 0,093 cal/g °C a temperatura ambiente. Di conseguenza, la capacità termica di una sbarra di rame dal peso di 100 grammi è di 9,3 cal/ °C. Le comuni unità di calore scaturiscono dal calore specifico dell'acqua ad una temperatura standard. Una caloria è la quantità di energia calorifica che serve per innalzare la temperatura di 1 grammo d’acqua di 1 °C. Al tempo stesso, la BTU (British Thermal Unit) corrisponde al calore necessario per far schizzare di 1°F la temperatura di una libbra d'acqua. La maggior parte dei materiali mantiene un calore specifico abbastanza costante nel normale intervallo delle temperature. Tuttavia, se le temperature risultano estremamente basse, i calori specifici tendono a diminuire in misura molto elevata.

36

Scoprite il calore specifico del gas

Un determinato volume di gas acquisisce maggiore energia termica per ogni singolo grado di temperatura in aumento lasciato libero di espandersi. Tutto ciò avviene se il gas non risieda in un volume costante. Di conseguenza, i gas si caratterizzano per la presenza di due valori differenti di calore specifico. Il primo corrisponde ad un valore denominato a pressione costante. Il secondo è più piccolo ed è a volume costante. In base all'entità del gas, varia anche il rapporto tra questi due valori. Stiamo parlando di un valore di elevata importanza per la descrizione del comportamento di un gas sottoposto a trasformazioni termodinamiche. Vediamo ancora come calcolare il calore specifico di un corpo.

Continua la lettura
46

Sottolineate l'importanza della caloria

Molto importante è la caloria. Si tratta dell'unità di misura dell'energia tecnica, ossia della quantità di energia di calore necessaria ad innalzare da 14,5 a 15,5 °C la temperatura di 1 grammo di acqua. Oggi il valore della caloria è equivalente a 4, 18400 watt/sec, o joule (j). Essa si definisce più in valori meccanici che termici. Potete calcolare il calore specifico di un essere umano mediante il metabolismo. Le calorie che occorrono ad un adulto medio per sopravvivere corrispondono a circa 200 kcal/giorno. Vi abbiamo spiegato come calcolare il calore specifico di un corpo.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per calcolare il valore specifico di un corpo ricordatevi sempre di conoscere precedentemente i valori specifici della tipologia degli stessi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il calore specifico molare

Possiamo definire il CSM come la quantità necessaria di calore per incrementare di 1 grado kelvin la temperatura di una certa sostanza. Attraverso il tutorial che segue vedremo, passo dopo passo, come bisogna procedere per calcolare il calore specifico...
Superiori

Come calcolare la capacità termica di un corpo

La capacità termica specifica è la quantità di calore necessaria per modificare la temperatura di una sostanza. L'acqua ad esempio, per aumentare la sua temperatura, richiede più tempo a bollire rispetto all'alcol. In altre parole, l'acqua ha una...
Superiori

Appunti di fisica: la dilatazione termica

La scuola è un luogo fondamentale dove poter studiare e approfondire le varie materie. Tra le tantissime materie troviamo l'italiano, la storia, la geografia, l'arte e la matematica. Quest'ultima è importante per calcolare al meglio qualsiasi cosa....
Superiori

Come determinare la capacità termica di un calorimetro

Il calorimetro è lo strumento con il quale si possono misurare quantità di calore, ma anche di calori specifici e le capacità termiche. Questo viene utilizzato principalmente per misurare il flusso di calore durante una trasformazione e questa fase...
Superiori

Come studiare la conducibilità termica dei metalli

La chimica e la fisica sono due discipline che consentono di conoscere e di studiare i vari fenomeni che accadono ogni giorno in natura e tramite esse è possibile anche riprodurli in laboratorio o attraverso dei semplici esperimenti. Tra le tante nozioni...
Superiori

Come calcolare il coefficiente di dilatazione termica

In ingegneria e scienza dei materiali, l'espansione termica si riferisce al fenomeno attraverso il quale molti materiali ed alcune sostanze, come l'acciaio, si espandono con l'aumento della temperatura interna. Il coefficiente di dilatazione lineare misura...
Superiori

Come Calcolare la dilatazione termica di un corpo

Tutti i corpi, sottoposti ad una variazione di temperatura, subiscono deformazioni più o meno evidenti. Qualitativamente questo fenomeno si può giustificare nel seguente modo: qualsiasi aumento di temperatura di un corpo materiale è accompagnato da...
Superiori

Come capire la differenza tra calore e temperatura

Chiunque abbia intrapreso un indirizzo scientifico, potrà trovarsi nel proprio corso di studio a dover chiarire la differenza tra calore e temperatura. I due termini, il più delle volte considerati erroneamente sinonimi, si riferiscono a due nozioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.