Come calcolare i vettori di una forza

Tramite: O2O 22/06/2021
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il calcolo principale dei vettori delle forze nei corsi d'introduzione alla fisica, provoca la decomposizione di un vettore forza in componenti perpendicolari: i vettori si scompongono in serie, dove la testa di ciascuno di essi è corrispondente alla coda del successivo, formando una catena equivalente ad un singolo vettore tracciato dalla coda alla testa, fino all'estremità opposta della complessiva serie. Nella seguente guida, vi illustreremo come si devono calcolare esattamente i vettori di una determinata forza. Vediamo dunque come occorre procedere per effettuare un calcolo degno dello studente più preparato.

28

Occorrente

  • Manuale di fisica
  • Teorema di Pitagora
38

Rappresentare graficamente il vettore di una forza

Innanzitutto, dovete supporre di avere un corpo fermo sopra un piano inclinato, dove la forza d'attrito tra il corpo stesso e l'inclinazione è parallela alla superficie inclinata: precisamente, si tratta di una funzione della forza normale del corpo sulla pendenza provocata dalla gravità. Immaginando che l'inclinazione sia di 30°C rispetto al piano orizzontale ed il corpo pesi "500 gr", si potrebbe rappresentare la forza gravitazionale su quest'ultimo come un vettore verticale rivolto verso il basso e partente dal centro del corpo.

48

Tracciare i vettori paralleli a quello principale

Per rappresentare due vettori più piccoli, realizzando un triangolo rettangolo con il vettore verticale, le operazioni che dovrete compiere sono le seguenti: tracciare un vettore parallelo alla pendenza, con la coda toccante quella del vettore verticale; fare un terzo vettore perpendicolare al secondo, affinché la coda tocchi la testa del secondo vettore e la testa lambisca quella del vettore verticale; disegnare le lunghezze di questi due vettori, in maniera da creare un angolo retto in cui s'intersecano tra loro.

Continua la lettura
58

Misuare la lunghezza del vettore verticale

La lunghezza del vettore verticale è corrispondente alla grandezza della forza che rappresenta: siccome l'intensità della forza verticale è di "500 gr", essa corrisponde a "4,90 N" (Newton), ovvero il prodotto tra "0,5 kg" e la costante della forza gravitazionale "9,80". L'angolo d'inclinazione è il medesimo dell'angolo dove il vettore normale s'interseca con il vettore verticale ed è di 30°C: con una magnitudine uguale a "4.90 N", la lunghezza del vettore tangenziale dev'essere "4,90 N * sen 30 N = 2,45 N", mentre la lunghezza del vettore normale deve essere "4,90 N x cos 30 N = 4,24 N".

68

Calcolare la forza di attrito

Come affermato nel Teorema di Pitagora, i quadrati dei due vettori maggiormente piccoli sono pari al quadrato del vettore verticale: "4,24^2 N + 2,45^2 N = 4,90^2 N", dove l'accento circonflesso indica l'elevamento a potenza. Adesso, bisogna calcolare la forza d'attrito tangenziale moltiplicando la forza normale (4,24 N) per il coefficiente di attrito (supponete che esso sia "0,05"): pertanto, la forza d'attrito agisce per mantenere il corpo in posizione, con una forza di "0,21 N".

78

Descrivere un esempio pratico per il calcolo della forza di un vettore

Avvaliamoci ora di un altro esempio per confermare quanto fin qui analizzato, relativamente al calcolo dei vettori di una forza. Supponiamo quindi di essere al centro di una stanza e di volerci spostare in linea retta per 1 metro lungo tale stanza. È possibile conoscere quale sia il punto finale che raggiungeremo? La risposta è negativa, in quanto non siamo a conoscenza della direzione e del verso che dovremo utilizzare per spostarci. Potremmo infatti, trovarci in uno qualsiasi dei punti di una circonferenza che abbia un raggio pari ad 1 metro. Dunque ben si comprende come, per calcolare il vettore di una forza, sia sempre indispensabile fornire, oltre all'intensità dello spostamento, anche la sua direzione, ossia quella specifica retta lungo la quale avviene lo spostamento, ossia in senso orizzontale o verticale, ma anche il suo verso, cioè se ci si sta spostando da destra a sinistra o viceversa. Anche per descrivere una forza, dunque, occorrerà specificare, oltre alla sua intensità, la retta lungo la quale tale forza agisce, che altro non è la sua direzione, e il verso in cui è orientata. Dunque, si può concludere affermando che anche la forza è un vettore.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ogni vettore deve sempre eguagliare il vettore maggiormente grande, ovvero quello verticale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l’angolo tra due vettori

Tra le varie materie di approfondimento e di specializzazione scolastica, è possibile citare la letteratura, le scienze e la matematica. In particolare, quest'ultima materia rappresenta per molti la bestia nera del proprio percorso scolastico, proprio...
Superiori

Come calcolare la forza elastica e il moto armonico

Molto spesso la fisica sembra complicatissima da capire, con tutte le definizioni da imparare e tutte le formule da comprendere, ma basta una guida chiara e semplice per riuscire a capire i concetti fondamentali. Nella guida seguente vedremo come fare...
Superiori

Come calcolare il momento di una forza

In statica, i momenti sono gli effetti di una forza che provocano la rotazione. Nel calcolo di equilibrio, bisogna essere in grado di calcolare un momento per ogni forza, sul diagramma del corpo libero. Per determinare un momento di una forza, si utilizzano...
Superiori

Come calcolare la forza di attrito minima

La forza di attrito è una forza che si oppone al movimento di due corpi ed è uno degli argomenti cardine della fisica. Oggi si possono osservare degli esempi pratici di questo argomento nel mondo reale e per questo potrebbe risultare molto utile sapere...
Superiori

Come calcolare la forza media

La forza, indipendentemente dalla sua natura, generalmente è la causa dell'accelerazione di un corpo. In Fisica, in particolare, essa è definita come un vettore, cioè una grandezza dotata di precise intensità, direzione e verso. Nonostante possa sembrare...
Superiori

Come calcolare la forza centrifuga

La forza centrifuga è sicuramente un concetto astratto che non tutti sanno descrivere. Un movimento fisico che si associa ad oggetti che si muovono, basta pensare alla centrifuga della lavatrice. Un movimento veloce che sembra quasi inesistente ma che...
Superiori

Come calcolare la forza di attrito su un piano inclinato

L'attrito è la forza che si oppone al moto di qualsiasi oggetto. Esso, nel caso di un corpo appoggiato su di un piano indefinito, è dovuto alla rugosità microscopica delle due superfici a contatto. La forza di attrito è sempre contraria al moto del...
Superiori

Come calcolare la forza elastica di una molla

Il movimento di un corpo che si muove da un punto ad un altro viene definito come la forza fisica ed elastica. Nelle lezioni di fisica, per spiegare il concetto di questo movimento, si utilizza un oggetto ben definito, cioè la molla. La molla presa come...