Come calcolare i quartili in una distribuzione in classi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La statistica è una scienza che si occupa di elaborare e raccogliere dati. Lo studio dei dati a disposizione si basa su strumenti matematici molto potenti. Questi a sua volta ci consentono di trarre diverse conclusioni dall'analisi dei dati. Uno di questi strumenti è la distribuzione di frequenze. La seguente viene data da una tabella composta da due colonne. Nella prima vengono inseriti i valori assunti dalla variabile aleatoria in esame. Mentre, nella seconda il numero di occorrenze di tale valore assunto. Se il numero di dati a disposizione è molto grande, solitamente i dati vengono raggruppati in classi. In questo modo si semplificherà l'analisi dei dati. Nella seguente guida spiego come come calcolare i quartili in una distribuzione in classi.

27

Occorrente

  • Manuale di statistica
37

Quando si deve considerare il peso di un gruppo di persone, è importante raggruppare i dati in classi. In modo da trattare degli intervalli di peso e non tutti i vari pesi. In questo caso si tratta di frequenza della classe. I quartili sono degli indici di posizione. Questi sono molto utili per capire quali sono i valori assunti da una distribuzione.

47

I quartili non sono altro che dei valori che ci consentono di ripartire la popolazione di dati in esame in quattro parti caratterizzate dalla stessa numerosità. Il primo quartile, definito con q1, suddivide la popolazione in due blocchi così definiti: 25% della popolazione a sinistra e 75% a destra. Il secondo quartile, q2 o quartile inferiore, si trova a metà della popolazione e la divide in due parti perfettamente uguali in termini di numerosità (50%). Il quartile q2 coincide con la mediana. Il terzo quartile, q3 o quartile superiore, rappresenta il quartile al di sotto del quale si trovano il 75% dei valori della popolazione.

Continua la lettura
57

Il calcolo dei quartili è molto semplice. Infatti, per calcolarlo occorre, innanzitutto, ordinare i dati in modo crescente. Per calcolare i quartili si utilizzano delle apposite formule. Questi ci consentono di determinare la posizione di ogni quartile. Il quartile q1, ad esempio, si calcola moltiplicando il valore 0,25 per la numerosità N del campione. Per calcolare il secondo quartile dovremo moltiplicare 0,5 per N. Mentre il terzo quartile viene dato dal prodotto tra 0,75 ed N. In conclusione, il calcolo dei quartili in una distribuzione in classi. Questo si può riassumere semplicemente con la formula: qn = [(N+1)/4] x n, con n che va da 1 a 3 ed N pari alla numerosità del campione. Ecco come calcolare i quartili in una distribuzione in classi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Svolgete diversi esercizi per capire bene i concetti teorici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la distribuzione esponenziale

In campo matematico, la distribuzione serve a calcolare il valore di probabilità di una variabile aleatoria. Si definisce variabile aleatoria, quella funzione che, a causa di fenomeni aleatori, può assumere valori differenti. Consente di calcolare gli...
Superiori

Come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza

All'interno di questa guida andremo a occuparci di distribuzione di frequenza, attraverso dei calcoli. Nello specifico andremo a scoprire come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza. Per farlo, abbiamo bisogno di alcune conoscenze, che...
Superiori

Come calcolare la curva della distribuzione normale

Per distribuzione normale o gaussiana, si intende una funzione di densità di probabilità continua, la quale descrive il modo in cui si distribuiscono i valori assunti da una determinata variabile casuale. In statistica, la distribuzione normale viene...
Superiori

Come calcolare la distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

Il gas è uno stato della materia che si trova allo stato aeriforme ed a seconda dei casi vi sono delle velocità di movimento che esse possiedono. In base alla velocità ai può calcolare la quantità di molecole presenti in un determinato oggetto contenente...
Superiori

Come disegnare un diagramma delle classi

Nel linguaggio di modellizzazione unificato (UML), il diagramma delle classi è una delle rappresentazioni essenziali più comunemente utilizzate ed è utile per illustrare la struttura statica del sistema object-oriented, scomponendolo in classi definite...
Superiori

Come disegnare una distribuzione normale

La distribuzione normale, definita anche come distribuzione di Gauss o gaussiana, nella teoria delle probabilità viene utilizzata per descrivere, attraverso l'utilizzo di immagini, delle variabili causali a valori reali, che tendono a presentare una...
Superiori

Il calcolo della distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

La teoria cinetica descrive i gas perfetti come particelle, atomi e molecole costantemente in movimento. James Clerk Maxwell (1831-1879) studiò le velocità di queste particelle, intorno a quella quadratica media. Nel 1859, con un calcolo esponenziale,...
Superiori

Come calcolare mediana e moda in statistica

All'interno di questa guida andremo a sviluppare la tematica relativa alla statistica. Entrando nel dettaglio, come avete già avuto l'opportunità di intuire dal titolo, ci concentreremo su come si debba calcolare la mediana e la moda in statistica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.