Come calcolare i massimi e minimi di una funzione a due variabili

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Quando si va a scuola o all'università, sono moltissime le materie in cui è difficile trovare un approccio immediato. Tra le varie materie più complesse, per molte persone la matematica rimane sempre al primo posto. I problemi dati dai teoremi che vengono proposti da questa materia, riescono a far entrare in confusione moltissimi ragazzi che si ritrovano a dover fare dei corsi di recupero per approfondire tale materia. Tra le varie cose complesse da studiare vi sono le funzioni e proprio in questa guida, cercheremo di spiegarvi come poter calcolare i massimi e i minimi di una funzione a due variabili. L'argomento è abbastanza complesso e sicuramente avrà bisogno di un grande approfondimento per entrare nell'ottica di questa materia.

27

Occorrente

  • Studio dell'analisi e delle funzioni.
37

Studiare le funzioni, significa studiare qualcosa che ha bisogno sicuramente di grande concentrazione di grande impegno per poter capire tutto in maniera logica e immediata. Studiare la ricerca dei massimi e dei minimi delle funzioni a due variabili, è sicuramente difficilissimo per chi deve avere a che fare con materie universitarie che si riferiscono all'analisi 2. Queste tipologie di funzioni vengono infatti chieste molto spesso negli scritti universitari che riguardano questa materia e molto spesso, si fa fatica a capire benissimo il loro meccanismo. Per poter capire tale argomento, è indispensabile anche capire come poter calcolare le varie derivate parziali delle funzioni a due variabili determinando la matrice 2x2.

47

Per poter calcolare i massimi e i minimi di due variabili, potete semplicemente riferirvi ad un esempio classico che comunque rende molto più semplice capire tale argomento. Avendo una funzione f (x, y) = 3 y (y-x2) che viene ovviamente definita all'interno di un insieme aperto D = {(x, y): y < 1 - x2, x <= y+ 1} si evita di utilizzare il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per evidenziare il calcolo. Quando si tratta di massimi e minimi assoluti, è sempre meglio non utilizzare la matrice Hessiana, proprio perché dovrete inizialmente fare il disegno del vostro dominio, poi calcolare le derivate parziali e iniziare a trovare gli eventuali candidati che possono essere massimi o minimi.

Continua la lettura
57

Per chi vuole calcolare la matrice Hessiana di f, che si indica con Hf (x, y), è importante sapere che viene definita come la matrice delle derivate parziali seconde di f. Si tratta infatti di una matrice con delle componenti date da funzioni varie. L'argomento è alquanto complesso ed è necessario approfondirlo con lo studio delle derivate, della matrice Hessiana e dei punti stazionari.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiate approfonditamente l'analisi 2.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il limite di una funzione a due variabili

L'analisi matematica presenta sempre parecchie insidie, ed ecco che appena riusciamo a capire come funzionano i limiti di funzioni a singola variabile, compare il limite di funzione a due variabili. Ma non temete, perché il limite di una funzione a due...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione a due variabili

Una funzione a due variabili è una legge, definita f, che ad ogni coppia di numeri x e y, i quali costituiscono le variabili indipendenti, associa ad entrambi un numero z, vale a dire la variabile dipendente. Chiunque frequenti una facoltà scientifica...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Superiori

Come disegnare il dominio di una funzione a due variabili

Se siete studenti della facoltà di ingegneria, matematica o anche di un comune liceo scientifico, sicuramente prima o poi vi imbatterete nelle funzioni a due variabili. Anche se questo argomento può sembrare davvero ostico all'inizio, piano piano con...
Superiori

Come calcolare le derivate parziali miste

In questa guida ti insegnerò come calcolare le derivate parziali miste. Le derivate parziali miste servono nelle funzioni a due variabili per calcolare, per esempio, massimi, minimi e punti di sella. Può sembrare un concetto incredibilmente complesso...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione a tratti

In questa bella guida, che abbiamo pensato di proporvi, vogliamo cercare di capire ed insegnare a tutti voi, cari lettori, come poter calcolare, nel migliore dei modi ed in maniera semplice e veloce, il dominio di una funzione a tratti. Le funzioni sono...
Superiori

Come calcolare il massimo e il minimo di una funzione

In matematica si possono trovare tra le varie operazioni da compiere, le cosiddette funzioni. Una funzione è in sostanza una relazione che si crea tra due valori generici, x, detto dominio, ed y, detto codominio. Il massimo e minimo di una funzione invece...
Superiori

Come calcolare il dominio di una funzione con valore assoluto

In matematica viene definita funzione, un legame fra due variabili, una indipendente (x) e l'altra dipendente (y). Questo legame fa sì che ad ogni valore della x corrisponda un solo valore della y tale per cui si possa scrivere sempre:y = f (x)Una categoria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.