Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Secondo la teoria meccanica quantistica, un elettrone legato ad un atomo non può avere qualsiasi valore di energia, anzi può occupare solo certi stati corrispondenti a certi livelli energetici. La formula che definisce i livelli di energia di un atomo di idrogeno sono date dalla equazione: E = -E0 / n2, dove E0 = 13.6 eV (1 eV = 1.602 × 10-19 Joule) e n = 1,2,3... E così via. L'energia viene espressa come un numero negativo per separare (ionizzare) l'elettrone dal nucleo. È convenzione comune dire che un elettrone non legato ha energia zero (vincolante). Un elettrone legato ad un atomo può assorbire fotoni di determinate energie esattamente corrispondenti alla differenza di energia tra due stati energetici. Nella guida a seguire, sarà spiegato dettagliatamente come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno.

24

Quando un fotone scende da uno stato eccitato alla seconda orbitale, è importante che i fotoni emessi da questa transizione siano in regime visibile. Tutte le transizioni che cadono al primo orbitale (cioè lo stato fondamentale) emettono fotoni della serie Lyman. Tutte le transizioni che cadono al terzo orbitale sono conosciuti come la serie Paschen.

34

Nel momento in cui l'idrogeno è eccitato emette luce come fotoni de-excite, oppure assorbe fotoni di determinate energie. La forza della linea da una fonte di idrogeno dipende da quanti elettroni sono in un particolare stato eccitato. Se solo pochi elettroni sono al primo stato eccitato, le linee di Balmer saranno molto deboli; se molti atomi di idrogeno sono nel primo stato eccitato, le linee Balmer saranno forti. Il simulatore di distribuzione termica dimostra quanti sono gli atomi di idrogeno in una distribuzione statistica i quali dipendono dalla temperatura della fonte di idrogeno.

Continua la lettura
44

Quando un elettrone assorbe un fotone guadagna l'energia del fotone stesso; ad esempio: un elettrone nello stato fondamentale ha un'energia di -13.6 eV, mentre nel secondo livello l'energia è pari a -3.4 eV. Se un fotone ha più energia di legame rispetto all'elettrone, allora libererà quest'ultimo dall'atomo. Quando un elettrone scende da un livello elevato ad un livello inferiore, si libera l'energia in eccesso (una quantità positiva), emettendo un fotone. In generale, lo stato eccitato non è lo stato più stabile di un atomo. Un elettrone ha una certa probabilità di cadere spontaneamente da uno stato eccitato ad uno inferiore (cioè più negativo). Infine l'energia del fotone emesso è data dalla Formula Rydberg, dove n1 < n2 e (come prima) E0 = 13.6 eV. Con la restrizione n1 < n2 si dimostra che l'energia del fotone è sempre positiva; ciò significa che il fotone viene emesso e che l'applicazione originale di Rydberg funziona anche se n1, n2 di restrizione è rilassata; l'energia negativa viene assorbita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di piombo

Nella seguente breve guida che troverete enunciata ottimamente nei passaggi successivi, proverò a spiegarvi come bisogna calcolare i livelli energetici dell'atomo di piombo: quello che si occupa dell'effettuazione di queste determinazioni si chiama meccanica...
Università e Master

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di silicio

Quando si parla di livelli energetici è utile associare il termine di orbitale. L'orbitale è una zona attorno al nucleo che gli elettroni percorrono.Convenzionalmente un orbitale è indicato con un quadrato, dove all'interno possiamo inserire al massimo...
Superiori

Come calcolare la carica di uno ione

Gli ioni sono entità molecolari elettricamente cariche che si formano a partire da un atomo che perde o acquista uno o più elettroni. Tale fenomeno viene definito "ionizzazione". Gli atomi che perdono uno o più elettroni presentano una o piu cariche...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di ferro

La chimica risulta spesso essere una materia ostica per la maggior parte degli studenti e li mette spesso in crisi durante gli studi. Quando si studia la configurazione elettronica degli atomi si cerca di capire la disposizione degli elettroni ed il loro...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di argento

La chimica, insieme alla matematica, è sicuramente una di quelle materie più ostiche e quindi di conseguenza meno amate dagli studenti. Essa viene insegnata presso gli istituti tecnici industriali e i licei scientifici e le sue difficoltà sono dovute...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di carbonio

La meccanica quantistica è una materia strettamente legata alla chimica, alla fisica ed all'astronomia ed è una disciplina che può andare a creare non pochi problemi e dubbi agli studenti. Nonostante sia molto ostica e non semplice da affrontare può...
Superiori

Come calcolare il peso atomico di una molecola

Se state studiando chimica e dovete affrontare un esame, un test oppure una interrogazione, sicuramente dovete sapere come calcolare la massa atomica e la massa molecolare di un atomo o di una molecola. Sebbene si tratti di un calcolo semplice, che non...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.