Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Secondo la teoria meccanica quantistica, un elettrone legato ad un atomo non può avere qualsiasi valore di energia, anzi può occupare solo certi stati corrispondenti a certi livelli energetici. La formula che definisce i livelli di energia di un atomo di idrogeno sono date dalla equazione: E = -E0 / n2, dove E0 = 13.6 eV (1 eV = 1.602 × 10-19 Joule) e n = 1,2,3... E così via. L'energia viene espressa come un numero negativo per separare (ionizzare) l'elettrone dal nucleo. È convenzione comune dire che un elettrone non legato ha energia zero (vincolante). Un elettrone legato ad un atomo può assorbire fotoni di determinate energie esattamente corrispondenti alla differenza di energia tra due stati energetici. Nella guida a seguire, sarà spiegato dettagliatamente come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno.

24

Quando un fotone scende da uno stato eccitato alla seconda orbitale, è importante che i fotoni emessi da questa transizione siano in regime visibile. Tutte le transizioni che cadono al primo orbitale (cioè lo stato fondamentale) emettono fotoni della serie Lyman. Tutte le transizioni che cadono al terzo orbitale sono conosciuti come la serie Paschen.

34

Nel momento in cui l'idrogeno è eccitato emette luce come fotoni de-excite, oppure assorbe fotoni di determinate energie. La forza della linea da una fonte di idrogeno dipende da quanti elettroni sono in un particolare stato eccitato. Se solo pochi elettroni sono al primo stato eccitato, le linee di Balmer saranno molto deboli; se molti atomi di idrogeno sono nel primo stato eccitato, le linee Balmer saranno forti. Il simulatore di distribuzione termica dimostra quanti sono gli atomi di idrogeno in una distribuzione statistica i quali dipendono dalla temperatura della fonte di idrogeno.

Continua la lettura
44

Quando un elettrone assorbe un fotone guadagna l'energia del fotone stesso; ad esempio: un elettrone nello stato fondamentale ha un'energia di -13.6 eV, mentre nel secondo livello l'energia è pari a -3.4 eV. Se un fotone ha più energia di legame rispetto all'elettrone, allora libererà quest'ultimo dall'atomo. Quando un elettrone scende da un livello elevato ad un livello inferiore, si libera l'energia in eccesso (una quantità positiva), emettendo un fotone. In generale, lo stato eccitato non è lo stato più stabile di un atomo. Un elettrone ha una certa probabilità di cadere spontaneamente da uno stato eccitato ad uno inferiore (cioè più negativo). Infine l'energia del fotone emesso è data dalla Formula Rydberg, dove n1 < n2 e (come prima) E0 = 13.6 eV. Con la restrizione n1 < n2 si dimostra che l'energia del fotone è sempre positiva; ciò significa che il fotone viene emesso e che l'applicazione originale di Rydberg funziona anche se n1, n2 di restrizione è rilassata; l'energia negativa viene assorbita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere l'esercizio di reazione tra 3-esene ed idrogeno molecolare

il 3-esene è una molecola lineare composta da sei atomi di carbonio appartenente al gruppo degli Alcheni. Gli alcheni sono idrocarburi (molecole costituite da atomi di carbonio legati ad atomi di idrogeno) contenenti uno o più doppi legami. Il 3-esene,...
Università e Master

Come preparare l'idrogeno dall'alluminio

L'idrogeno è un gas (dato che, a temperatura ambiente e a pressione atmosferica, si trova allo stato aeriforme) ed è il primo elemento della tavola periodica di Mendeleev e anche il più leggero.Può essere prodotto con lo scopo di fare un esperimento...
Università e Master

Come calcolare l'elettronegatività di un composto

L'elettronegatività di un elemento misura la sua tendenza ad ottenere elettroni quando è combinato chimicamente con un altro atomo, e più alto è il suo valore e maggiore è la capacità di attrarli. Pauling questo il nome del suo scopritore, spiega...
Università e Master

Come Calcolare Il Grado Di Insaturazione Di Una Molecola

Calcolare il grado di insaturazione di una molecola o un composto chimico è una procedura essenziale e primaria per il primo approccio conoscitivo della sostanza con cui stiamo operando. Infatti questa operazione viene fatta subito dopo l'acquisizione...
Università e Master

Come Calcolare il pH

In questa guida ci occuperemo di dare alcune informazioni molto utili su un argomento molto importante: il ph dell'acqua e, nello specifico, vedremo come calcolare questo ph. Questa operazione si rende necessaria molto spesso, soprattutto se si possiede...
Università e Master

Come calcolare il peso molecolare

Chi frequenta un corso di chimica, sia a livello universitario che presso una scuola media superiore, sa benissimo che esistono delle nozioni di base per essere in grado di superare l'esame o più semplicemente per avere un buon risultato in un compito...
Università e Master

Come calcolare il punto isoelettrico di un amminoacido

Come voi lettori e lettrici probabilmente saprete, la biochimica è una scienza branca della chimica, la quale si occupa dello studio della biologia e della chimica relazionate al funzionamento degli organismi viventi, tra cui ovviamente l'uomo. Più...
Università e Master

Chimica organica: le reazioni degli alcani

Gli alcani sono quegli idrocarburi (composti formati da idrogeno e carbonio) in cui tutti gli atomi di carbonio sono legati tra loro tramite legami semplici. Esistono particolari tipi di alcani, detti cicloalcani, che non sono altro che idrocarburi che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.