Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di ferro

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La chimica risulta spesso essere una materia ostica per la maggior parte degli studenti e li mette spesso in crisi durante gli studi. Quando si studia la configurazione elettronica degli atomi si cerca di capire la disposizione degli elettroni ed il loro comportamento sui vari livelli energetici dei vari atomi. Nella teoria degli orbitali è possibile calcolare per ogni elemento tale disposizione elettronica nei vari livelli. In questa guida ci occuperemo, a titolo di esempio, dell'atomo di Ferro (simbolo Fe) e vedremo come calcolarne i livelli energetici.

25

Occorrente

  • Tavola periodica degli elementi
  • Tabella orbitali
  • Quaderno e penna
35

Il riempimento dei livelli energetici da parte degli elettroni segue il principio dell' Aufbau, ovvero gli elettroni occupano via via lo stato libero ad energia minore. Il principio di esclusione di Pauli dice che non possono esistere atomi che abbiano due elettroni con tutti e quattro i numeri quantici uguali. La regola di Hund dice che gli elettroni si disporranno in modo da occupare tutti i sottolivelli disponibili di un livello energetico. Gli orbitali sono divisi infatti in livelli che vanno da 1 a 7 e sottolivelli indicati dalle lettere s (2 elettroni), p (6 elettroni), d (10 elettroni), f (14 elettroni). Esiste un'apposita tabella che indica l'ordine di riempimento dei vari livelli e che ci viene in aiuto nel calcolo del diagramma elettronico di Lewis, ovvero nel calcolo dei livelli energetici.

45

Per prima cosa, con l'ausilio della tavola periodica, dobbiamo leggere quanti elettroni sono presenti in un atomo di Ferro. Nel nostro caso esso ne avrà 26 e dovremo disporli nei vari orbitali seguendo l'ordine di riempimento della tabella e ricordando che ogni casella può contenere massimo due elettroni. Otterremo quindi la seguente configurazione energetica: (1s^2)(2s^2)(2p^6)(3s^2)(3p^6)(4s^2)(3d^6). Analogamente è possibile trovare la configurazione di tutti gli altri atomi.

Continua la lettura
55

Ricordate che con il modello atomico di Sommerfeld gli elettroni non percorrono orbite circolari attorno al nucleo (cosa impossibile in base a considerazioni di tipo energetico) ma si muovono su orbitali, che rappresentano zone con maggiore probabilità di incontrare un elettrone. Sommerfeld introduce 4 numeri quantici: numero quantico principale (n), che determina la distanza dal nucleo e la dimensione dell'orbitale; numero quantico secondario (l), che si riferisce al momento angolare dello stato; numero quantico magnetico (ml), che fa riferimento al campo magnetico generato dall'elettrone in movimento e numero di spin (ms), che può valere +1/2 oppure -1/2 in base al verso di rotazione dell'elettrone su se stesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di piombo

Nella seguente breve guida che troverete enunciata ottimamente nei passaggi successivi, proverò a spiegarvi come bisogna calcolare i livelli energetici dell'atomo di piombo: quello che si occupa dell'effettuazione di queste determinazioni si chiama meccanica...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di carbonio

La meccanica quantistica è una materia strettamente legata alla chimica, alla fisica ed all'astronomia ed è una disciplina che può andare a creare non pochi problemi e dubbi agli studenti. Nonostante sia molto ostica e non semplice da affrontare può...
Superiori

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di argento

La chimica, insieme alla matematica, è sicuramente una di quelle materie più ostiche e quindi di conseguenza meno amate dagli studenti. Essa viene insegnata presso gli istituti tecnici industriali e i licei scientifici e le sue difficoltà sono dovute...
Superiori

Chimica: i numeri quantici

L'argomento di chimica frequentemente collegato ai numeri quantici è piuttosto astioso per gli studenti. Particolarmente lo è per le persone che si approcciano per la prima volta a tale materia interessante. Non è particolarmente difficile, in realtà....
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Università e Master

Chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Ciascun elettrone perciò si muoverà non più attorno al proprio orbitale atomico, ma intorno ad uno molecolare che coinvolge anche l’altro atomo dove si verifica il legame. Se si considera che l’orbitale (che indicheremo con il simbolo "Ψ"), è...
Università e Master

Come calcolare i livelli energetici dell'atomo di idrogeno

Secondo la teoria meccanica quantistica, un elettrone legato ad un atomo non può avere qualsiasi valore di energia, anzi può occupare solo certi stati corrispondenti a certi livelli energetici. La formula che definisce i livelli di energia di un atomo...
Superiori

Chimica: la struttura dell'atomo

Tutto ciò che ci circonda è composto da piccolissime unità di materia, chiamate "atomi", invisibili all'occhio umano ma visibili al SuperSTEM, un microscopio elettronico ad altissima precisione made in UK. Queste unità possono formare legami tra loro,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.