Come calcolare gradiente, rotore e divergenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

In matematica o in fisica, o più in generale nello studio di materie in cui si applica il concetto di campo vettoriale e scalare, si incappa nello studio di alcuni operatori molto particolari, ovvero il gradiente, il rotore e la divergenza. Questi concetti, che all'inizio possono sembrare dei veri enigmi, sono in realtà abbastanza semplici, e bisogna padroneggiarli bene per potersi dedicare allo studio di argomenti più complessi. Tali concetti infatti sono alla base di molte applicazioni. In particolare esistono due teoremi, il teorema di Gauss (o della divergenza) e il teorema di Stokes (o del rotore), che permettono di semplificare rispettivamente degli integrali volumici e superficiali sotto opportune condizioni. Ma iniziamo dai concetti di rotore, gradiente e divergenza, cosa sono? E soprattutto, come si calcolano?

Se per voi sembrano concetti astratti non temete, in questa guida vi mostreremo come calcolare tali operatori.

28

Occorrente

  • Libro di matematica
38

Riconoscere vettori e scalari

In matematica esistono due tipi di numeri, gli scalari, che si trattano allo stesso modo di come siamo abituati a trattare i numeri fin dalle scuole elementari, e poi ci sono i vettoriali, che vengono spesso indicati con un modulo, un verso e una direzione. In realtà i vettoriali indicati tramite questi tre elementi fanno riferimento ad una visualizzazione di un vettore su un piano bi o tridimensionale. Esistono tuttavia altri modi, più completi e corretti, di indicare un vettore.
Come prima cosa bisogna sapere cos'è un vettore. Il vettore è definito come il generico elemento di un campo vettoriale e viene identificato tramite le sue componenti. In un piano tridimensionale avrà quindi le tre componenti x, y e z, ma in generale può avere N in un campo N-dimensionale. Per i scopi didattici che ci poniamo in questa guida, sarà sufficiente far riferimento ad un campo tridimensionale.

48

Calcolare il gradiente

I tre operatori sono fondamentalmente tutti delle derivate parziali. Si indicano tutti e tre tramite il simbolo Nabla ∇. Hanno però delle distinzioni. In particolare le distinzioni doverose da fare riguardano il tipo di risultato che ogni operatore produce e il tipo di numero sul quale può essere applicato. Partiamo allora dal più semplice, il gradiente.
Generalmente il gradiente è indice di una dispersione spaziale. Il gradiente è applicabile ai soli scalari o ad una funzione scalare e restituisce un vettoriale o una funzione vettoriale.
Il gradiente di una funzione scalare è spesso definito come quel vettore che ha per componenti le derivate parziali della funzione, anche se questo vale solo se si utilizzano coordinate cartesiane ortonormali.
Il gradiente allora assume tale faccia:
∇f = df/dx i + df/dy j + df/dz k
Dove f è la funzione scalare sulla quale si applica il gradiente, i, j e k sono rispettivamente i versori dell'asse x, y e z, e df/dx, df/dy e df/dz sono le derivate parziali della funzione rispetto a x, y e z.

Continua la lettura
58

Calcolare il rotore

Ben più complesso ed laborioso è il calcolo del rotore. Questo si applica ai soli vettori e restituisce ancora un vettore. Il verso di tale vettore è coerente con il verso imposto dalla regola della mano destra e il suo modulo (la lunghezza) è il valore della circuitazione del campo vettoriale sul quale è applicato. Quando il rotore di un campo vettoriale è nullo il campo viene detto conservativo.
Il rotore assume allora tale faccia:
∇ x F = i (dFz/dy - dFy/dz) + j (dFx/dz - dFz/dx) + k (dFy/dx - dFx/dy)


Dove la x al primo membro indica il prodotto vettoriale. La F è la funzione vettoriale di componenti Fx, Fy e Fz.

68

Calcolare la divergenza

Infine c'è la divergenza. La divergenza restituisce uno scalare che misura la tendenza di un campo vettoriale a divergere o convergere verso un punto dello spazio. In coordinate cartesiane tale quantità è la somma delle derivate parziali delle componenti di F lungo le direzioni degli assi:
∇ F = dFx/dx + dFy/dy + dFz/dz
.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I concetti illustrati mutano a seconda del tipo di riferimento utilizzato. In questa guida si è utilizzato un riferimento cartesiano perché è il più diffuso, ma a volte sono utilizzati anche riferimenti cilindrici o sferici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione in un punto

"Perché devo studiare le funzioni?". Chi non ha mai pensato una cosa del genere? Bambini, adolescenti e adulti, la matematica è una disciplina con cui tutti prima o poi devono fare i conti! Sebbene, da ragazzi, ci sembri del tutto inutile studiare la...
Superiori

Come calcolare il gradiente barico

Se dovete calcolare il gradiente barico e non sapete proprio da dove iniziare, non preoccupatevi: tramite questo tutorial, infatti, vi illustreremo dettagliatamente il metodo più veloce ed immediato per risolvere il problema. In fisica e in meteorologia,...
Superiori

Come calcolare i gradienti su una mappa topografica

Molti di noi sanno che la pendenza di una riga viene calcolata come "dislivello durante la corsa". Tuttavia, l'applicazione di calcolo della pendenza può sembrare un po' più complicata. Nelle scienze geologiche, è possibile che venga chiesto di calcolare...
Superiori

Come calcolare volume e densità

A volte, quando si frequentano gli istituti superiori, i professori chiedono di calcolare il volume e la densità di un solido di forma regolare oppure irregolare. All'inizio il problema sembra di difficile soluzione, ma non bisogna demoralizzarsi. Basta...
Superiori

Come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in triangolo rettangolo

In questo tutorial, potrete scoprire oggi, come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo, meglio anche conosciuto come secondo teorema di Euclide. Il calcolo dell'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo è...
Superiori

Come calcolare la funzione inversa di una parabola

In ambito matematico viene spesso richiesto di calcolare la funzione inversa di una parabola. Ciò che è in grado di mettere in difficoltà qualsiasi studente delle scuole superiori, è in realtà un'operazione semplicissima che può essere svolta agevolmente,...
Superiori

Come calcolare il raggio di una circonferenza inscritta in un triangolo

Questa guida potrà essere utile per scoprire come calcolare in modo semplice e veloce il raggio di una circonferenza inscritta in un triangolo. Nonostante possa sembrare un calcolo complesso e che richiede una base di studio e metodo, si tratta invece...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.