Come bilanciare una reazione di decomposizione

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il vasto mondo della chimica è composto da innumerevoli reazioni. Queste sono così tante da rendere difficile una loro suddivisione in categorie, ma ciò non toglie la possibilità di classificare una buona parte di reazioni inorganiche in quattro grandi gruppi:
- Reazioni di sintesi; trattasi di quelle reazioni dove due reagenti danno la formazione di un unico prodotto, A + B ---> C.
- Reazioni di scambio semplice; un primo reagente libero sostituisce un elemento del secondo reagente portando alla formazione di un diverso composto e un nuovo elemento libero, A + BC ---> B + AC.
- Reazioni di doppio scambio; il principio è lo stesso di quella a scambio semplice, con la differenza che in questo caso avviene uno scambio di elementi tra due composti, per intenderci AB + CD ---> AD + BC.
- Reazioni di decomposizione.
In questa guida ci occuperemo delle ultime e di come bilanciare questo tipo di reazioni.

26

Occorrente

  • Tavola periodica
  • Esercizi sul bilanciamento di reazioni
  • Libro di stechiometria
36

Reazioni di decomposizione

Le reazioni di decomposizione sono quelle che vedono formarsi due o più prodotti partendo da un unico reagente: AB ---> A + B.
Essendo in genere reazioni endotermiche necessitano di energia per poter avvenire; l'energia può essere trasmessa in diversi modi: alte temperature (decomposizione termica), elettricità (decomposizione elettrolitica), luce (fotodecomposizione). Nel caso una reazione sia esotermica, la decomposizione può portare ad un'esplosione.
Le reazioni di decomposizione in generale possono essere classificate in base ad uno dei prodotti ottenuti:
- Formazione di anidride carbonica (CO2). Portando ad alte temperature il carbonato di calcio, esso reagisce liberando anidride carbonica:
CaCO3 ---> CaO + CO2; la formazione di CO2 avviene per tutti i carbonati esclusi quelli I e II gruppo (Na2CO3).
- Formazione di ossigeno molecolare (O2). Per produrre ossigeno in laboratorio viene sfruttata la decomposizione del clorato di potassio:
2 KClO3 ---> 2 KCl + 3 O2.
- Formazione di acqua. Eccetto quelli del I gruppo, tutti gli idrossidi portano alla formazione di acqua per decomposizione termica:
Ni(HO)2 ---> NiO + H2O.

46

Bilanciamento

Il bilanciamento di una reazione può sembrare qualcosa di complicato per chi è alle prime armi, ma questo argomento è forse una delle cose più semplici da trattare in chimica.
Quando si bilancia una reazione bisogna rendere uguale il numero di atomi di ciascun elemento sia alla sinistra che alla destra della freccia di reazione, questo perché le reazioni sono un'equazione chimica.
La prima cosa da fare è quella di identificare la reazione formulando così la sua equazione chimica; dopodiché si effettua il conteggio di tutti gli atomi suddividendoli per specie chimica.
A questo punto si passa al bilanciamento considerando per primi i coefficienti stechiometrici dei non metalli e poi bilanciando quelli dei metalli, infine i coefficienti di idrogeno o ossigeno (è indifferente la priorità su questi ultimi due).Facciamo un esempio pratico per comprendere meglio il meccanismo: ipotizziamo di voler produrre ossigeno dal clorato di potassio senza conoscere l'equazione chimica. Per sapere quantitativamente quanto clorato di potassio ci occorre usare dobbiamo prima di tutto scrivere l'equazione chimica e poi bilanciarla. Dunque l'equazione sarà:KClO3 ---> KCl + O2.Ora abbiamo a sinistra 1 atomo di potassio sia a sinistra che a destra, idem per il cloro; il metallo e il non metallo sono dunque bilanciati. Passiamo all'ossigeno, abbiamo 3 atomi a sinistra ma solo 2 destra, dunque deve essere bilanciato. Per fare ciò dobbiamo semplicemente moltiplicare l'ossigeno molecolare per 3 e il clorato di potassio per 2. A questo punto abbiamo ottenuto 6 atomi di ossigeno sia a sinistra che a destra. Se controlliamo anche il potassio e il cloro notiamo di avere 2 atomi di ciascuno a sinistra e uno solo a destra. Moltiplicando il KCl per 2 completiamo l'opera avendo bilanciato tutta l'equazione chimica.
Il metodo consigliato non è obbligatorio, ma viene preferito per evitare confusioni.

Continua la lettura
56

Legge di Lavoisier

Molti di voi si potrebbero domandare perché è necessario bilanciare una reazione chimica. La risposta a questa domanda risiede nella legge di Lavoisier: essa afferma che durante un processo chimico la somma delle masse dei reagenti è uguale alla somma delle masse dei prodotti. In poche parole, nel corso di una reazione chimica la materia né si crea né si distrugge.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di fare più esercizi possibile; migliorerà le vostre capacità!
  • Usate la tavola periodica per intuire l'equazione chimica

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come bilanciare le reazioni di redox

Le reazioni di redox sono delle reazioni chimiche in cui si ha un trasferimento di elettroni da una specie riducente, che si ossida, ad un'altra specie ossidante, che si riduce. Questo tipo di reazioni, di ossidazione e di riduzione, devono avvenire nello...
Superiori

Come scrivere la reazione di combustione di un alcano

Una Combustione completa (in quantità sufficiente di ossigeno) di qualsiasi idrocarburo produce anidride carbonica e acqua. Con gli idrocarburi è più difficili eseguire la combustione quando le molecole diventano più grandi; questo perché le molecole...
Superiori

Come calcolare i coefficienti stechiometrici di una reazione chimica

All'interno di questa breve guida vi illustrerò, con molta attenzione e cura, come riuscire ad calcolare i coefficienti stechiometrici di una determinata reazione chimica. Tale operazione, chiamata anche bilanciamento di una reazione chimica, viene eseguita...
Superiori

Come calcolare la resa di una reazione chimica

In una reazione chimica può capitare che i reagenti siano presenti in una percentuale non sufficiente per creare i prodotti. È quindi necessario scoprire quale sia il reagente limitante, così da poter calcolare la resa totale della reazione. La resa...
Superiori

Come calcolare la costante di equilibrio di una reazione

In questa guida vi illustrerò come calcolare la costante di equilibrio di una reazione, cioè il rapporto presente tra le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti.Infatti nel campo chimico, si definsce una reazione quel evento in cui uno o più reagenti...
Superiori

Come calcolare l'ordine di reazione

Lo studio è molto importante nella vita di ognuno, non soltanto per trovare lavoro. Esso infatti permette anche di tenere in allenamento la mente e farsi una cultura personale. Esistono diverse scuole medie superiori da frequentare ed una delle più...
Superiori

Come misurare la velocità di una reazione chimica

La velocità di reazione è definita come la variazione di velocità della quantità dei reagenti (diminuzione) nel tempo oppure come la variazione della quantità dei prodotti (aumento) nel tempo ed è ricavata sperimentalmente. Le grandezze che possono...
Superiori

Come calcolare le concentrazioni in una reazione chimica in equilibrio

Una reazione chimica è composta da reagenti e prodotti: i reagenti sono le sostanze iniziali presenti, i prodotti sono sostanze formate dai reagenti. Molte equazioni sono reversibili; pertanto, i reagenti possono formare i prodotti e viceversa. L'equilibrio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.