Come Attribuire Il Nome Iupac Agli Alcani

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La chimica è una materia che se studiata in maniera giusta non è poi così complicata come sembra; basta seguire pochissime e semplicissime regole per risolvere parecchi quesiti che vengono posti. Naturalmente è basilare dover conoscere gli elementi, le loro caratteristiche ed ogni cosa che riguarda la base della chimica e delle reazioni che possono presentarsi. Tra le varie assegnazioni presenti, quella IUPAC è una delle più utilizzate e conosciute. Leggiamo attentamente questa guida per capire come attribuire il nome Jupac agli alcani permettendo la comunicazione con altri studiosi di tutto il mondo ed evitando di commettere errori quando si dà un nome agli elementi chimici composti.

26

Innanzitutto la prima cosa che dobbiamo fare è disegnare la formula di struttura dell'alcano: cerchiamo di individuare la catena carboniosa più lunga. Per poterci arrivare bisogna anche contare i carboni che si diramano. Stabilita la catena carboniosa più lunga, questa viene aggiunta come prefisso alla parola "ano". Se la catena è di 6 atomi di carbonio, scriviamo "esano" e così via.

36

Adesso individuiamo i gruppi alchilici e la loro posizione. Numeriamo gli atomi di carbonio della catena carboniosa in modo che il gruppo alchilico più lontano sia il più vicino al primo atomo di carbonio della catena carboniosa. Tuttavia, visto che possiamo partire a numerare dai due estremi della catena, verifichiamo la distanza del gruppo alchilico più lontano rispetto ad un estremo, la stessa cosa va ripetuta per l'altro estremo.

Continua la lettura
46

Ricordiamo che la distanza minore stabilisce da quale estremo parte la numerazione. Per scrivere il nome secondo IUPAC di un alcano, si descrive la posizione del gruppo alchilico/i rispetto alla catena carboniosa, il numero di tali gruppi alchilici tramite prefisso, il nome del tipo di gruppo e il nome attribuito alla catena. Supponiamo: CH3-CH2-CH (CH3)-CH (CH3)-CH3 (andando su questa pagina è possibile capire meglio la formula di struttura del 2,3 dimetilpentano).

56

La catena carboniosa più lunga è data dalla prima riga orizzontale e, la chiameremo pentano. I due gruppi alchilici sono i due CH3 (gruppo metile) che si diramano sotto. Numeriamo la catena da destra verso sinistra, e avremo modo di constatare che per l'estremo destro il gruppo alchilico più lontano dista 3 posizioni (considerando l'estremo), mentre da sinistra l'ultimo gruppo alchilico dista 4 posizioni (considerando l'estremo). Da destra scriveremo le posizioni a cui si agganciano i due gruppi alchilici, con numero, nome e nome della catena: 2,3 dimetil-pentano. Da questo momento è possibile operare tranquillamente risolvendo molti nomi dei vari composti, basta seguire alla lettera ogni passaggio altrimenti si rischia di commettere errori anche gravi passando un composto per un altro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per gli alcani con atomi di carbonio da 1 a 4, i nomi sono già stabiliti: Metano, Etano, Propano, Butano
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come attribuire il nome ad un sale terziario

Quando a scuola si studia una disciplina quale la chimica e come compito in classe viene assegnato quello di ricavare una formula attribuendogli un nome, può sembrare un'operazione abbastanza difficile da mettere in atto. Tuttavia, se si riesce a comprendere...
Superiori

Il Nome della Rosa: temi e considerazioni

Il Nome della Rosa è il romanzo più famoso dello scrittore italiano Umberto Eco. Pubblicato nel 1980, ha ottenuto un successo internazionale senza precedenti, tanto da essere tradotto in venti lingue diverse. L'opera appartiene al genere del giallo...
Superiori

Come dare la Nomenclatura ai derivati monosostituiti del benzene

Tutti i composti che contengono un anello benzenico, sono aromatici e derivati; i ​​sostituiti di benzene del costituiscono la maggior classe dei composti aromatici. Molti di questi composti sono denominati collegando il nome del sostituente come...
Superiori

Chimica inorganica: la nomenclatura

La chimica inorganica è quella parte della chimica generale che studia gli elementi, la sintesi e la caratterizzazione dei composti inorganici, ossia tutti quei composti chimici in cui risultano assenti atomi di carbonio, o in cui il carbonio non presenti...
Superiori

Come convertire un alcano in un alchene

Quando si studia chimica organica alle scuole superiori e all'università, un argomento piuttosto importante da trattare nel programma è quello relativo ai composti organici.Tra questi, troviamo gli idrocarburi, ovvero composti che uniscono tra loro...
Superiori

Come Dare La Nomenclatura Ai Derivati Disostituiti Del Benzene

Una vasta ed importante famiglia di composti chimici, è quella raggruppante i derivati disostituiti, vale a dire contenenti due sostituenti del benzene, i quali trovano largo impiego in laboratorio proprio per le loro pregevoli proprietà ed utilità....
Superiori

Come realizzare un semplice schema sui gruppi funzionali organici

Una branca molto importante della chimica è rappresentata, senza dubbio, dalla chimica organica, che ha come oggetto lo studio dei processi biologici. Nell'ambito di questa materia non sempre risulta di agevole comprensione la vasta gamma di reazioni...
Superiori

Appunti di chimica organica

La Chimica Organica è generalmente quella parte della chimica che si occupa dei composti del carbonio. In origine essa trattava solamente i composti derivanti dagli esseri viventi, da cui deriva appunto il termine "organica" e solo successivamente si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.