Come assegnare il voto ad un'interrogazione

Tramite: O2O 18/07/2019
Difficoltà: media
17

Introduzione

La valutazione di un'interrogazione è l'aspetto più complesso del processo di insegnamento e apprendimento. Aspetto tenuto in grande considerazione dai diversi sistemi attuati nella scuola riguardanti i voti da assegnare agli studenti. Curiosando, infatti, nel panorama internazionale o nella storia del sistema educativo troviamo diverse formulazioni dei voti: scala decimale, lettere, giudizi, competenze. La professione di insegnante è una di quelle più delicate e cariche di responsabilità. Per la quale è necessaria una predisposizione naturale, una grande passione; quasi una vera e propria "vocazione". Come assegnare un voto ad un'interrogazione orale? Occorre tenere presente una molteplicità di fattori e aver ben chiaro, prima di porgere le domande, il quadro delle conoscenze minime richieste.

27

Valutazione dello stato d'animo dello studente

Quando uno studente si presenta alla cattedra per mostrare quanto assimilato dalla lezione assegnata dal docente, tanti sono i fattori che interferiscono con la resa dello studio effettivamente svolto. L'emotività, la timidezza o la disinvoltura a volte possono incidere sul rendimento di uno studente chiamato a mettersi alla prova davanti al resto della classe. Un docente che gestisce l'interrogazione deve tener presente almeno tre indicatori nel valutare la risposta alle domande poste: conoscenza degli argomenti, competenza espressiva e ricchezza lessicale, capacità di rielaborazione.

37

Indicatori di valutazione delle risposte

La conoscenza degli argomenti è certamente l'indicatore centrale, una padronanza più o meno sufficiente e approfondita fa piegare l'ago della bilancia verso l'alto o il basso nel metro della valutazione decimale. Anche l'esposizione con proprietà di linguaggio e l'uso d'una sintassi articolata contribuisce a valorizzare la prova, che potrebbe anche risultare penalizzata per scarso lessico e poca disinvoltura nell'espressione. Ultima, ma non meno importante, è la capacità di rielaborare gli argomenti, distaccandosi da uno studio mnemonico e poco autonomo. Tre indicatori, quindi, in base ai quali attribuire un voto per ogni singola domanda, un voto che risulterà dalla media sempre di questi tre fattori: conoscenza, espressione e rielaborazione.

Continua la lettura
47

Analisi dell'esposizione

Così uno studente per poter ottenere la sufficienza dovrà conoscere le cause che determinarono la guerra del Peloponneso, ad esempio, e quali potenze si affrontarono nelle diverse fasi dello scontro. Dovrà anche esporre i contenuti articolandoli con chiarezza e con termini pertinenti all'ambito storico, rielaborando concetti ed espressioni del libro di testo. Potrà mirare ai piani alti della valutazione se avrà memorizzato la cronologia delle battaglie e saprà esporre con sicurezza i fatti. Facendo dunque precisi riferimenti a personaggi storici, citati per nome, ordinando gli eventi secondo un nesso di causa ed effetto o tematico. In conclusione si raggiunge alla vetta della lode se si padroneggiano i contenuti per precisione di conoscenza, ricchezza lessicale e rielaborazione personale.

57

Autonomia professionale dell'insegnante

Nel diritto scolastico, il Regio Decreto numero 623 del 1925 all'articolo 78 disciplina come assegnare un voto. Pur se piuttosto remota, la suddetta normativa è sempre valida e di fondamentale importanza. Essa regolamenta l'assegnazione del voto da parte degli insegnanti in base ad un giudizio riferito ad "un congruo numero" di interrogazioni e di compiti scritti eseguiti sia a scuola che a casa. Il giudizio non può prescindere dalle modalità tipiche di rilevazione. Pertanto l'insegnante deve attenersi ad esse senza rischiare che la propria autonomia professionale possa trasformarsi in libero arbitrio. Modalità di sperimentazione diverse adottate dall'insegnante potranno considerarsi in aggiunta a quelle classiche. Ma senza doverle e poterle mai sostituire.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Puoi leggere un interessante contributo di Pellerey, La valutazione delle interrogazioni, in "Scuola Viva" (1996) 3, 22-23.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come nascondere un brutto voto ai genitori

Avete preso un brutto voto a scuola e non sapete come dirlo ai vostri genitori, volete nasconderlo ma non sapete come fare? Seguendo questa guida potrete risolvere il vostro problema, qui vedrete come nascondere l'esistenza di quel compito o di quella...
Elementari e Medie

Come calcolare il voto delle prove invalsi

Con il nuovo approccio alla scuola, sono stati introdotti sistemi di valutazione più o meno utili, fra cui i Test Invalsi. Si tratta di una prova scritta, costruita appositamente per valutare i livelli di apprendimento degli studenti in tre materie:...
Elementari e Medie

Come sfuggire ad un compito in classe

La scuola è un mondo in cui si imparano davvero moltissime cose. Sin dalle scuole elementari, oltre allo studio intenso e alle varie materie da approfondire e capire in classe attraverso la spiegazione dei maestri e dei professori, è indispensabile...
Elementari e Medie

10 regole per un buon rendimento scolastico

È risaputo. Chi ha buoni voti a scuola è favorito sia all'università che nel mondo del lavoro. Non di rado infatti gli annunci di lavoro prediligono persone con una media di voti abbastanza buoni.C'è chi è portato ad ottenere a scuola ottimi risultati,...
Elementari e Medie

Ultimo giorno di scuola: cosa fare

Dopo un anno intenso di studio e di compiti a casa, passando dalle interrogazioni e verifiche in classe, tutti attendono con ansia l’ultimo giorno di scuola! Andiamo quindi a raccontare cosa dovrebbe essere programmato l’ultimo giorno di lezioni....
Elementari e Medie

Come calcolare la media dei voti

Nelle valutazioni che gli insegnanti effettuano sugli alunni e sul loro percorso scolastico bisogna tener conto di molte cose. Fra queste vi è certamente l'abilità dello studente di capire la materia ed esporla in maniera più o meno chiara per iscritto...
Elementari e Medie

Come creare una griglia di valutazione

Se siete docenti e cercate un modo per organizzare in maniera ordinata e dettagliata le valutazioni dei corsi, sicuramente la scelta che fa al caso vostro è quella di utilizzare una griglia di valutazione. I test a risposta multipla sono notevoli strumenti...
Elementari e Medie

Come andare bene nelle materie scientifiche

La matematica non è un’opinione! Purtroppo per essere bravi nelle discipline scientifiche bisogna avere un po’ di predisposizione naturale, oltre che, ovviamente, nutrire un certo interesse per gli argomenti che vengono trattati. Ciò nonostante,...