Come applicare la seconda legge di Gay - Lussac

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La seconda legge di Gay-Lussac è la legge sperimentale che esprime come la pressione di un gas aumenti quando, a volume costante, la sua temperatura subisce una variazione. Rappresentando graficamente l'andamento della pressione del gas in funzione della temperatura si ottiene una retta. Questo significa che tra le variazioni di pressione e le variazioni di temperatura esiste una proporzionalità diretta. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad applicare correttamente la seconda legge di Gay Lussac.

25

La formula che ci illustra la relazione esistente tra pressione e temperatura a volume costante è la seguente: p = p0 alfa t dove p è la pressione (espressa in pascal) alla temperatura t, p0 è la pressione a 0 °C, t è la temperatura in °C e alfa è il coefficiente di dilatazione volumica ed è uguale a 1/273 °C. Se utilizziamo la temperatura assoluta T (gradi Kelvin), invece della temperatura espressa in °C, possiamo rappresentare la seconda legge di Gay-Lussac con questa formula: PT = (P0/T0) T dove PT è la pressione alla temperatura T, P0 la pressione a 273 K, T0 =273 e T è la temperatura espressa in gradi Kelvin.

35

Ora impareremo come applicare la seconda legge di Gay-Lussac. Pensiamo alla nostra bicicletta in garage. Supponiamo che ad una data temperatura, ad esempio t1 = 18,3 °C la camera d'aria di una delle sue ruote contenga aria alla pressione p1 = 2,15 10^5 Pa. Se lasciamo la nostra bicicletta al sole, la temperatura dell'aria degli pneumatici aumenta. Consideriamo, ad esempio, il caso in cui la temperatura raggiunga il valore t2 = 34,7 °C. Quale sarà il nuovo valore di pressione p2 all'interno della camera d'aria, considerando trascurabile la variazione di volume?

Continua la lettura
45

Dato che il volume della camera d'aria non cambia, possiamo ricavare p2 dalla seconda legge di Gay-Lussac .
p2 = p0 alfa t ma dobbiamo conoscere il valore di p0. Per calcolare p0 dobbiamo partire da p1 e t1 utilizzando sempre la seconda legge di Gay-Lussac: p1 = p0 alfa t1 dalla quale trovi p0 = p1/(alfa t1) = (2,15 10^5 Pa) / [1 (1/273°C) 18,3 °C] = (2,15 10^5 Pa) /1,07 = 2,01 10^5 Pa. Se sostituiamo questo valore nella prima formula ricaviamo: p2 = (2,01 10^5 Pa) [1 (1/273) °C 34,7 °C] = 2,27 10^5 Pa.

55

Quindi seguendo i pochi e semplici passaggi riportati all'interno di questa guida, sapremo finalmente come fare per riuscire ad applicare correttamente la seconda legge di Gay-Lussac. Per chi è alle prime armi con il mondo della fisica, potrà trovare i passaggi precedenti leggermente complicati, tuttavia con un po' di pazienza e provando varie volte, riusciremo alla fine ad ottenere un risultato perfetto. A questo punto non ci resta che provare subito ad applicare le indicazioni di questa guida magari svolgendo qualche semplice esercizio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come verificare la legge di Charles

Nella seguente guida cercheremo di verificare in una serie di passi esplicativi la legge di Charles, conosciuta anche come legge isocora dei gas, oppure come prima legge di Gay-Lussac. Nel Settecento, Jacques Charles appurò come un gas, sottoposto ad...
Università e Master

Come Risolvere Una Trasformazione Isocora Per Un Gas Ideale

La fisica ci insegna che i c. D. "gas ideali" (quelli che rispettano, contemporaneamente, la legge di Boyle-Mariotte e la prima e la seconda legge di Gay-Lussac) nella realtà non esistono. Tuttavia sappiamo che vi sono sostanze gassose che, in particolari...
Università e Master

Come verificare la legge di Boyle

Ecco una bella ed anche molto interessante guida, mediante il cui aiuto, poter essere in grado di imparare ed anche capire per bene, come e cosa occorre far per poter verificare, nel modo corretto ed anche del tutto efficace, la famosa legge di Boyle....
Università e Master

Legge delle aspettative iterate: dimostrazione

La “legge delle aspettative iterate” è una legge della statistica (per variabili casuali doppie) che stabilisce la seguente affermazione: date due variabili casuali A e B, di cui almeno A sicuramente integrabile, si ha che la media di A equivale...
Università e Master

Come spiegare la legge di Joule

La fisica è una materia non molto amata dagli studenti, ma di fondamentale importanza. Infatti la fisica è, assieme alla matematica, la base di tutte le materie scientifiche. Per questo occorre studiarla con passione e sopratutto far propri i concetti...
Università e Master

Come verificare la legge di conservazione di massa

Grazie allo studio fatto nelle nostre scuole, riusciamo a dare una spiegazione a termini sino ad allora sconosciuti, in questa breve guida cerchiamo di capire insieme: come verificare la legge di conservazione di massa, la legge di Lavoisier, nota anche...
Università e Master

Legge della rifrazione

La rifrazione è un fenomeno fisico che si verifica quando un'onda si trova a dover superare la superficie di separazione di due determinati mezzi che hanno proprietà diverse o qualora nel mezzo di appartenenza si verificasse una disomogeneità. In particolare...
Università e Master

Come spiegare la legge di Ohm

Questo articolo ha lo scopo di spiegare come funziona la legge di Ohm e la resistenza elettrica. In un regime stazionario la carica elettrica Q che attraversa una sezione S del circuito nel tempo t è: Q = I*t. La relazione relativa all'energia ceduta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.