Come applicare la formula di Abbe

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Con il termine "potere di risoluzione" si intende la capacità (solitamente dell'occhio umano, o di una macchina) di distinguere come separati due punti estremamente vicini tra di loro. L'occhio umano, ad esempio, è in grado di distinguere al massimo particolari ad una distanza massima di 0,2 millimetri circa. Nella seguente guida vedremo passo dopo passo come all'applicare la cosiddetta formula di Abbe.

27

Innanzitutto dovete sapere che, quando aumentate l'ingrandimento di un microscopio ottico, ci si può facilmente rendere conto sperimentalmente che, oltre ad un certo limite, non potrete mai distinguere perfettamente ulteriori particolari. Questo significa che il semplice ingrandimento non è in grado di aumentare il potere di risoluzione di un microscopio ottico. Si dice allora che l'ingrandimento utile, fornito da un microscopio ottico, è di circa 1000 volte. Per calcolare il limite di risoluzione R del microscopio devi adoperare quella che è definita come la formula di Abbe, esposta nella sua teoria pubblicata nel 1973 dall'omonimo scienziato.

37

Nella formula di Abbe abbiamo i seguenti fattori: R (che è il potere risolutivo) X (lunghezza d'onda della radiazione incidente), che nel nostro caso è e sarà sempre la luce; n è, invece, un indice di rifrazione del mezzo interposto tra oggetto e lente che solitamente è l'aria. Il prodotto n x sen viene definito apertura numerica. Dovete quindi a questo punto sostituire i valori reali nella formula: considerate anche che l'indice di rifrazione per l'aria è circa 1 e sen può essere generalmente considerato, nei migliori obiettivi, anch'esso prossimo a 1; quindi la formula si è già alleggerita un po'.

Continua la lettura
47

Ora considera la luce con lunghezza d'onda di 400 nm, il potere di risoluzione sarà quindi 1/2 di 400 cioè di 200. Ora, se desiderate aumentare il potere di risoluzione, cioè se volete vedere più nel dettaglio non puoi agire su sen che è già prossimo ad 1, ma potete anche aumentare il valore dell'indice di rifrazione del mezzo interposto n.

57

Interponete ora, quindi, tra la lente dell'obiettivo e l'oggetto un mezzo con indice di rifrazione più alto, ad esempio una goccia di olio con indice di rifrazione circa uguale a quello del vetro (poiché n = 1,5). A questo punto si parla di osservazione microscopica ad immersione, ovvero una utilissima tecnica che vi permetterà di distinguere punti distanti poco più di 0,1.

67

In questo caso, però, essendo la luce ultravioletta invisibile all'occhio umano, per il rilevamento delle immagini vi occorrerà fare ricorso a pellicole fotografiche sensibili all'ultravioletto. Il limite rappresentato da 0,1 lo potete superare soltanto utilizzando radiazioni a lunghezza d'onda ancora più breve, quali gli elettroni, che però richiedono strumenti completamente diversi dai microscopi a lenti di vetro, cioè i microscopi elettronici.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come utilizzare la formula di Stirling per i limiti di successioni

Nello studio dell'analisi matematica compaiono spesso quelli che vengono definiti come limiti di successioni. Sostanzialmente si tratta di capire a che valore tende una determinata funzione a mano a mano che si avvicina a limiti che non potrebbe raggiungere....
Università e Master

Formula di Eulero: dimostrazione

Leonhard Paul Euler può essere considerato il più grande matematico svizzero, vissuto nel periodo illuminista. Fu accostato dai suoi contemporanei ai più grandi matematici della storia, da Euclide a Pitagora fino a Newton. Dedicò i suoi studi a tutte...
Università e Master

Come applicare la seconda legge di Gay - Lussac

La seconda legge di Gay-Lussac è la legge sperimentale che esprime come la pressione di un gas aumenti quando, a volume costante, la sua temperatura subisce una variazione. Rappresentando graficamente l'andamento della pressione del gas in funzione della...
Università e Master

Come applicare il metodo per la verifica di aste soggette a carico di punta

In ingegneria l'instabilità dovuta ad un carico assiale di punta agente su un'asta è un improvviso collasso di un membro strutturale soggetto ad intensi sforzi di compressione,. Questo tipo di collasso è anche chiamato collasso dovuto ad instabilità...
Università e Master

Come e quando applicare il teorema di Bayes in probabilità

Per poter fare il calcolo delle probabilità, generalmente ci si avvale di varie tecniche, come ad esempio il famoso Teorema di Bayes. Questo specifico teorema deriva esattamente da due importantissimi teoremi: il teorema della probabilità composta...
Università e Master

Come applicare il metodo di Ritter

Quando si rivela necessario effettuare il calcolo di una travatura reticolare isostatica, possiamo ricorrere al metodo relativo alle sezioni di Ritter. Si tratta sostanzialmente di un teorema analitico che ci consente di determinare l'entità dello sforzo...
Università e Master

Come applicare il criterio di Routh

In matematica il criterio di Routh-Hurwitz viene utilizzato per determinare il numero delle radici a parte reale, le quali possono essere sia positive che negative. Tale radici fanno riferimento ad un polinomio, nel quale si parte dai suoi coefficienti...
Università e Master

Come applicare il teorema di Norton

Il teorema di Norton afferma che è possibile semplificare qualsiasi circuito lineare, a prescindere da quanto esso sia complesso, ricavando un circuito equivalente con un solo generatore di corrente e resistenza collegati in parallelo ad un carico. Come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.