Come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se stiamo per affrontare l'esame di maturità, bisognerà conoscere gli argomenti più importanti che sicuramente saranno trattati. Una delle materie che ci preoccuperà di più sarà la matematica, soprattutto se frequentiamo il liceo scientifico. Generalmente uno degli argomenti molto frequenti nel questionario dell'esame di stato di matematica, è il teorema di Cauchy. Nella seconda prova di maturità, spesso almeno un esercizio pretende l'applicazione di questo particolare teorema su una funzione f (x). Continuiamo nella lettura di questa interessante guida che saprà fornirci delle utili informazioni su come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione, ed ottenere così la corretta risoluzione di un esercizio matematico.

27

Occorrente

  • conoscenze di analisi matematica 1
37

Tuttavia, uno degli esercizi che possiamo trovare in qualsiasi test di matematica, soprattutto all'esame di maturità, dopo che ci verrà assegnato una funzione f (x) e una g (x), e un intervallo (a; b), sarà un esercizio che ci chiederà di verificare se tali funzioni soddisfano pienamente il teorema di Cauchy. In poche parole, dovremmo stabilire se tutte le condizioni che tale teorema pone, siano tutte verificate. Quindi la risoluzione di un esercizio consisterà sostanzialmente sulla verifica di tali condizioni in relazione alla funzione f (x) e alla g (x) proposte dall'esercizio in questione.

47

Adesso cerchiamo di capire e spiegare nella maniera più semplice il teorema di Cauchy: il teorema di Cauchy, afferma che, se tali funzioni y = f (x) e y = g (x) sono derivabili (con g'(x) diverso da zero) nell'intervallo aperto ] a; b [ e, almeno continue nell'intervallo chiuso [ a; b ], allora esisterà per forza almeno un punto c, appartenente ad (a; b) in cui valga la seguente relazione: [ f (b) - f (a) ] / [ g (b) - g (a) ] = f'(c) / g'(c). Se le ipotesi sono tutte verificate, allora tramite la formula in grassetto potremmo ricavare il punto o i punti che il teorema ci chiede di trovare.

Continua la lettura
57

Questo teorema, anche detto teorema degli incrementi finiti, sostanzialmente afferma che nel caso in cui due funzioni soddisfano, in un certo intervallo (a; b), le ipotesi del teorema, si determina che, il rapporto tra gli incrementi delle funzioni è uguale al rapporto tra le rispettive derivate, calcolate in un opportuno punto c interno all'intervallo definito. Questo sarà il concetto e, le linee guida che bisognerà seguire in un eventuale esercizio che ci prospetterà di intervenire con l'applicazione di tale teorema. Anche per risolvere meglio ogni problema, riguardo a tali tipi di funzioni, sarà consigliabile fare particolarmente attenzione ai concetti di derivata e rapporto incrementale.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat. Il teorema di solito di...
Superiori

Come applicare il secondo teorema di De l'Hopital

Nel caso in cui si voglia effettuare il calcolo di un limite, la giusta procedura da compiere consiste nell'applicare il secondo teorema di De l'Hopital. Questa regola, può anche essere applicata per il calcolo di funzioni appartenenti ad altre forme...
Superiori

Come applicare il teorema di Thevenin

Una delle materie scolastiche che vengono apprezzate da tanti studenti durante le superiori è l'elettronica. Comprendere le nozioni basilari di questa materia risulta abbastanza semplice, purché ci si appassioni agli argomenti trattati nel corso dell'anno....
Superiori

Come applicare il teorema dei triangoli rettangoli

La matematica è una delle materie più odiate sia dai bambini che dai ragazzi. Il motivo principale di di tale rifiuto generalmente è dato dal fatto che tale materia viene insegnata nella maniera sbagliata, infatti la base della matematica è il ragionamento...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il teorema che affronteremo in questa guida, ovvero il teorema di Lagrange (detto anche teorema del valor medio), fu formulato e dimostrato nella sua forma moderna da Cauchy nel 1823, inizialmente descritto da Parameshvara, dalla scuola del https://it.m.wikipedia.org/wiki/Scuola_del_Kerala...
Superiori

Teorema di De L'Hopital: dimostrazione

Spesso quando si studiano funzioni, o comunque in tanti altri casi, a seconda delle esigenze di studio occorre sapere come si possono calcolare i limiti. Talvolta tale calcolo risulta difficoltoso e questo nella maggior parte dei casi è dovuto al fatto...
Superiori

Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti...
Superiori

Geometria: il Teorema di Erone

Se hai bisogno di una guida per studiare, comprendere ed applicare il Teorema di Erone, o formula di Erone, in vista di un compito o di un esame di geometria, ecco delle valide ed utili indicazioni per riuscire a capire questa formula che, fortunatamente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.