Come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se stiamo per affrontare l'esame di maturità, bisognerà conoscere gli argomenti più importanti che sicuramente saranno trattati. Una delle materie che ci preoccuperà di più sarà la matematica, soprattutto se frequentiamo il liceo scientifico. Generalmente uno degli argomenti molto frequenti nel questionario dell'esame di stato di matematica, è il teorema di Cauchy. Nella seconda prova di maturità, spesso almeno un esercizio pretende l'applicazione di questo particolare teorema su una funzione f (x). Continuiamo nella lettura di questa interessante guida che saprà fornirci delle utili informazioni su come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione, ed ottenere così la corretta risoluzione di un esercizio matematico.

27

Occorrente

  • conoscenze di analisi matematica 1
37

Tuttavia, uno degli esercizi che possiamo trovare in qualsiasi test di matematica, soprattutto all'esame di maturità, dopo che ci verrà assegnato una funzione f (x) e una g (x), e un intervallo (a; b), sarà un esercizio che ci chiederà di verificare se tali funzioni soddisfano pienamente il teorema di Cauchy. In poche parole, dovremmo stabilire se tutte le condizioni che tale teorema pone, siano tutte verificate. Quindi la risoluzione di un esercizio consisterà sostanzialmente sulla verifica di tali condizioni in relazione alla funzione f (x) e alla g (x) proposte dall'esercizio in questione.

47

Adesso cerchiamo di capire e spiegare nella maniera più semplice il teorema di Cauchy: il teorema di Cauchy, afferma che, se tali funzioni y = f (x) e y = g (x) sono derivabili (con g'(x) diverso da zero) nell'intervallo aperto ] a; b [ e, almeno continue nell'intervallo chiuso [ a; b ], allora esisterà per forza almeno un punto c, appartenente ad (a; b) in cui valga la seguente relazione: [ f (b) - f (a) ] / [ g (b) - g (a) ] = f'(c) / g'(c). Se le ipotesi sono tutte verificate, allora tramite la formula in grassetto potremmo ricavare il punto o i punti che il teorema ci chiede di trovare.

Continua la lettura
57

Questo teorema, anche detto teorema degli incrementi finiti, sostanzialmente afferma che nel caso in cui due funzioni soddisfano, in un certo intervallo (a; b), le ipotesi del teorema, si determina che, il rapporto tra gli incrementi delle funzioni è uguale al rapporto tra le rispettive derivate, calcolate in un opportuno punto c interno all'intervallo definito. Questo sarà il concetto e, le linee guida che bisognerà seguire in un eventuale esercizio che ci prospetterà di intervenire con l'applicazione di tale teorema. Anche per risolvere meglio ogni problema, riguardo a tali tipi di funzioni, sarà consigliabile fare particolarmente attenzione ai concetti di derivata e rapporto incrementale.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai...
Superiori

Teorema di Ascoli-Arzelà: dimostrazione

In questo articolo vogliamo proporvi una guida, mediante la quale essere in grado di comprendere meglio e nel migliore dei modi, il Teorema di Ascoli-Arzelà e nello specifico la sua dimostrazione. Il teorema di Ascoli-Arzelà è un teorema di analisi...
Superiori

Come dimostrare che una funzione è derivabile in un intervallo

Assai di frequente capita che uno studente di scuola superiore ma anche universitario sia chiamato a dimostrare la derivabilità di una funzione data in un determinato intervallo. Per riuscire nella prova è necessario padroneggiare con abilità concetti...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Superiori

Come determinare il carattere di una serie

La serie è un'evoluzione delle successioni ricorsive. Presenta come argomento una successione e ogni termine della serie è una somma dei termini precedenti. Ad esempio prendiamo una serie di ragione q elevato ad n. Il primo termine è q, il secondo...
Università e Master

Appunti: equazioni differenziali

Proponiamo degli appunti riguardanti le equazioni differenziali. L'equazione differenziale è la relazione tra una funzione f (x) non nota e alcune sue derivate. La funzione che soddisfa tale relazione è chiamata soluzione. Le derivate possono arrivare...
Università e Master

Come risolvere le serie di potenze

Prima di poter capire e illustrare come risolvere una serie di potenze, descriviamo il contesto e quindi di cosa si tratta. Ci troviamo di fronte a un argomento di matematica e per essere più precisi, lo ritroviamo nei programmi degli esami di Analisi...
Università e Master

Disuguaglianza di Cauchy-Schwarz

Tra le tante materie scolastiche che si studiano appunto a scuola, c'è la matematica. Essa è risultata dai tanti sondaggi fatti con i mass-media, tra le discipline più odiate dai giovani. Ma essa si sa che è molto importante studiarla per tanti e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.