Come applicare il metodo di Ritter

Tramite: O2O 22/02/2017
Difficoltà: difficile
19

Introduzione

Quando si rivela necessario effettuare il calcolo di una travatura reticolare isostatica, possiamo ricorrere al metodo relativo alle sezioni di Ritter. Si tratta sostanzialmente di un teorema analitico che ci consente di determinare l'entità dello sforzo in un'asta o trave di qualsiasi tipo. Ciò avviene nel momento in cui non occorre conoscere gli sforzi delle altre aste.
In questa guida, con pochi e semplici passaggi, cercherò di spiegarvi in modo chiaro come applicare il cosiddetto "Metodo Ritter". Il procedimento non è molto semplice, ma possiamo farcela lo stesso.

29

Occorrente

  • Strutture reticolari
  • Conoscenza del metodo di Ritter
39

Il primo step da mettere in atto, nell'applicare il metodo di Ritter, consiste nel verificare che la struttura sia isostatica. In caso contrario, non possiamo avvalerci di questa modalità di calcolo. Inoltre, abbiamo l'opportunità di individuare le reazioni vincolari esterne. Possiamo calcolare queste ultime con l'equilibrio alla traslazione verticale. In più, ci è possibile usare la simmetria della struttura e del carico.
Quando abbiamo dinanzi una struttura simmetrica e caricata simmetricamente, in automatico anche le reazioni vincolari sono simmetriche.

49

Calcolando le reazioni vincolari, metteremo in evidenza le azioni di contatto, ovvero gli sforzi normali nelle aste, dopodiché effettueremo un taglio virtuale della struttura in due parti tramite una sezione di Ritter. Per "sezione di Ritter" si intende un elemento che divide in due parti ben distinte una struttura. In pratica si applica un taglio a tre aste non convergenti nello stesso nodo.

Continua la lettura
59

Successivamente andiamo a dividere idealmente la travatura in due parti separandole con una sezione. Ricordiamo che tutte le aste risultanti dal taglio della sezione dovranno convergere in un unico punto, tranne quella di cui vogliamo determinare lo sforzo.
Dopo aver individuato la sezione che soddisfa queste richieste, possiamo proseguire. Scegliamo il troncone in cui si applica un minor numero di forze esterne.

69

Scriviamo ora la rotazione d'equilibrio alla rotazione del troncone rispetto ad un punto "O", nel quale convergono le aste tagliate. A tal proposito ci torna utile un'equazione ad un'incognita.
Qui dovremo determinare lo sforzo dell'asta dal momento che quello delle altre risulta essere nullo a causa del loro passaggio nel punto "O". In tale equazione, compare una sola incognita, cioè lo sforzo dell'asta da determinare, in quanto quello delle altre aste è nullo, poiché passano per quel punto.

79

Lo sforzo che dobbiamo calcolare si identifica nell'incognita "Y". Volendo, possiamo determinare anche gli altri sforzi, che identificheremo con le lettere "X" e "Z". Solitamente i segni che otteniamo sono tutti positivi. Dunque possiamo dedurre che quando le aste ricevono un taglio dalla sezione di Ritter e sono tutte quante parallele, ci servirà l'equazione in direzione perpendicolare per trovare lo sforzo "Y".

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultate il manuale di ingegneria oer chiarire ogni dubbio circa il metodo di Ritter.
  • Se incontrate difficoltà nel calcolare le sezioni, osservate qualche esercizio svolto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere una matrice con il metodo di Kramer

Il metodo di Cramer, o regola di Cramer, a volte anche metodo o regola di Kramer, è un procedimento inventato dal matematico Gabriel Cramer nel XVIII secolo che può essere utilizzato per risolvere sistemi di equazioni lineari. Più precisamente, il...
Università e Master

Come disegnare un pezzo in proiezione con il metodo americano

In ambito di disegno industriale esistono due diversi metodi di rappresentazione delle proiezioni ortogonali che sono quello del primo diedro, o metodo europeo, e quello del terzo diedro, o metodo americano. Quindi è molto importante sincerarsi sempre...
Università e Master

Calcolo delle rimanenze: metodo del lifo

Il metodo del lifo valuta l'ammontare dell'inventario finale in un periodo di reporting. Questo è utile nelle seguenti situazioni: per periodi di intervalli tra i conteggi dell'inventario fisico e quando non è più presente l'inventario ed è necessario...
Università e Master

Come disegnare una proiezione con il metodo europeo

Nell'ambito del disegno industriale esistono due metodi diversi per ottenere una proiezione ortogonale. Essi differiscono solo per la posizione delle varie viste: il metodo europeo (chiamato anche 'metodo del primo diedro'), il metodo americano (o 'del...
Università e Master

Come trovare un metodo di studio universitario

Concludere il percorso di studi alle scuole superiori è un punto di svolta nella vita di uno studente. Si comincia a pensare seriamente al futuro, a scegliere come proseguire. C'è chi preferisce immergersi subito nel mondo del lavoro, per necessità...
Università e Master

Come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali

Per risolvere un circuito col metodo potenziali nodali, è necessario utilizzare la legge di Ohm, in moda da rilevare le correnti sconosciute dai potenziali nodi e dalle fonti di tensioni quando è necessario. Per tutte le correnti sconosciute, bisogna...
Università e Master

Ingegneria: il miglior metodo di studio

Tra le facoltà universitarie che più sentono il bisogno di un appurato metodo di studio, di un dettagliato programma di preparazione per ogni singolo esame, certamente ingegneria è una di queste. Organizzazione e controllo delle tempistiche sono soltanto...
Università e Master

Come determinare il genotipo degli zigoti con il metodo del quadrato di Punnett

Per zigote si intende la cellula diploide che si forma dalla fecondazione del gamete femminile (cellula uovo) da parte del gamete maschile (spermatozoo).Entrambi i gameti sono cellule aploidi. Ovvero, possiedono una sola copia del corredo cromosomico...