Come analizzare la fusione e la solidificazione di una sostanza

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter analizzare la fusione ed anche la solidificazione di una sostanza. Ed ecco che grazie ai nostri semplici consigli, contenuti in questa guida, potremo di certo mettere in pratica tutto ciò che impareremo insieme ed anche la nostra voglia di fare. Nella seguente guida proveremo appunto, a spiegare a tutti voi, che siete interessati sia per studio che per passione, a questo argomento, in pochi semplici passi-guida, i principali metodi di fusione e solidificazione di una sostanza per mezzo dell'utilizzo di tiosolfato di sodio, il cui basso punto di fusione, equivalente a circa 47,5 gradi centigradi, consente una perfetta riuscita dell'esperimento. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento a tutti!

29

Occorrente

  • termometro, cronometro, tiosolfato di sodio, becco di bunsen
39

Nella prima parte dell'esperimento non dovremo far altro che partire con l'analizzare inizialmente, la fase di fusione della sostanza che è stata presa in considerazione, il tiosolfato di sodio per l'appunto. Per incominciare, riempiamo, però non completamente, una provetta grande con il tiosolfato di sodio ed immergiamo per bene, nel sale la punta di un termometro, facendo bene attenzione che essa non venga mai a contatto con le pareti della provetta stessa.

49

Per evitare ciò dovremo cercare di fare in modo di fissarlo bene per mezzo di un apposito sostegno. È bene essere molto attenti ai singoli passaggi, che dovranno essere portati a termine, perché nel caso dovessimo saltarne qualcuno, si compormetterebbe l'intera riuscita di questa guida, e quindi non saremmo più in grado di analizzare la fusione e la solidificazione di una sostanza.

Continua la lettura
59

Sistemiamo successivamente su un treppiedi ben collocato al di sopra di un bunsen, ovvero un bruciatore a gas, a fiamma moderata, affinché il sale arrivi pian piano a circa 40 gradi di temperatura. A questo punto, facciamo anche partire il cronometro e constatiamo per bene ed in modo preciso, di tanto in tanto, almeno ogni trenta secondi, il livello dell'acqua e la temperatura raggiunta. Pervenuti a 60 gradi, sarà il momento di spegnere il bunsen e di continuare con la fase successiva dell'esperimento.

69

La seconda parte sarà appunto quella relativa alla solidificazione. Dovremo anche in parte procedere come per la fusione, facendo si che il cronometro parta nel momento in cui il termometro indicherà un grado di calore del tiosolfato fuso, pari a circa 60 gradi centigradi, e controllando ogni tanto finché il sale non arriverà a 35 gradi centigradi circa di temperatura.

79

Se preferiamo invece, anziché utilizzare il bunsen, potremo tranquillamente, anche utilizzare e quindi far riferimento, ad una piastra riscaldante elettrica che comunque svolge la stessa identica funzione. Ed ecco che in pochissimi passaggi anche noi potremo essere finalmente in grado di analizzare la fusione e la solidificazione di una sostanza, senza rischiare di incorrere in sbagli o anche senza rischiare di saltare qualche passo, moltpo importante per la giusta riuscita del tutto.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con la buona volontà e voglia di fare, grazie al metodo del fai da te, saremo in grado di realizzare, con le nostre mani, qualcosa di davvero unico e molto speciale, diverso dal comune!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Trasformazione, fusione, scissione delle società: appunti

Generalmente le leggi che riguardano le società sono orientate verso le combinazioni, oppure le trasformazioni delle aziende. Più precisamente si parlerà di scissione, fusione, trasformazione e Spin-off. Da parte delle imprese, lo spin-off non è applicabile...
Università e Master

Come verificare il PH di una sostanza

Misurare il pH di una sostanza è una procedura molto comune in chimica. In generale il pH puo' essere valutato sperimentalmente attraverso varie tecniche oppure è possibile valutare teoricamente quale composto sia più acido di un altro attraverso varie...
Università e Master

Come analizzare un circuito sequenziale

Come analizzare una macchina a circuito sequenziale? Per prima cosa è necessario sapere che il sistema sequenziale è un circuito nel quale in ogni istante, le uscite, dipendono oltre ai valori degli ingressi anche dalla "storia" pregressa dell'intero...
Università e Master

Come Analizzare Un Punto Di Discontinuità

La discontinuità è un concetto solamente puntuale: imparando a riconoscere se una funzione è discontinua, in un qualche punto dell'asse reale, sarete anche in grado di dire se la funzione è continua globalmente (nel caso in cui non vi sia alcuna discontinuità)....
Università e Master

Come analizzare dei campioni di terreno

Per una totale produttività delle piante che coltiviamo è opportuno conoscere e curare per bene i proprio terreni. Il terreno infatti è la fonte principale di approvvigionamento da parte della pianta, da esso infatti le radici assorbono acqua e nutrienti...
Università e Master

Come analizzare dei dati genetici con il test del chi-quadrato

Un'analisi statistica semplice che devi utilizzare per saggiare l'ipotesi nulla è chiamata test del chi-quadrato, che essenzialmente è un test di bontà dell'adattamento. Nella guida seguente ti spiego brevemente come analizzare dei dati genetici col...
Università e Master

Come analizzare un albero genealogico

Analizzare un albero genealogico è un'impresa tanto stimolante quanto impegnativa. Se pensate allo studio della genetica umana, salta subito all'occhio che gli incroci non sono né possibili né programmati. Le modalità di ereditarietà dei caratteri...
Università e Master

Chimica: come eseguire una cromatografia su strato sottile

La cromatografia eseguita su strato sottile, TLC acronimo di Thin Layer Chromatography, viene ampiamente usata presso i laboratori di chimica organica, per la valutazione dello stadio di avanzamento di una reazione chimica. Questa tecnica è basata sull'idea...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.