Come analizzare dei dati genetici con il test del chi-quadrato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un'analisi statistica semplice che devi utilizzare per saggiare l'ipotesi nulla è chiamata test del chi-quadrato, che essenzialmente è un test di bontà dell'adattamento. Nella guida seguente ti spiego brevemente come analizzare dei dati genetici col test del Chi-quadrato, con l'aiuto di un esempio in cui verranno analizzati i dati relativi alla progenie di un reincrocio di un doppio eterozigote a seme liscio giallo (Ss Yy) con un omozigote rugoso (ss yy). Prosegui con la lettura.

26

Supponi di avere nella progenie abbiamo i seguenti dati:
154 lisci, gialli
124 lisci, verdi
144 rugosi, gialli
146 rugosi, verdi
568 = totale progenie
Ora ipotizza che un reincrocio debba dare un rapporto tra le quattro classi fenotipiche di 1:1:1:1, se i due geni si distribuiscono in modo indipendente.

36

Usa il test del chi-quadrato per saggiare l'ipotesi al punto precedente.
Nella colonna 1 elenca le quattro classi fenotipiche attese nella progenie di questo incrocio.
Poi indica i numeri osservati (o) per ciascun fenotipo, utilizzando i numeri reali e non le percentuali o la proporzioni.
Successivamente calcola il numero di individui attesi (e) per ogni classe fenotipica, considerando il numero totale della progenie (568) e l'ipotesi in esame (in questo caso un rapporto 1:1:1:1).
Nella colonna 3 scrivi quindi ¼ x 568= 142.

Continua la lettura
46

Ora sottrai il numero atteso (e) dal numero osservato (o) per ciascuna classe, per trovare la differenza, chiamata valore di deviazione (d).
Nella colonna 5 indica la deviazione al quadrato (d^2), ottenuta moltiplicando ciascun valore di deviazione indicato in colonna 4 per se stesso.
Dividi la deviazione al quadrato per il numero di individui attesi (e).
Calcola il valore del chi-quadrato come il totale di tutti i valori all'interno della colonna 6, che è 3,43.

56

Quanto più i dati osservati si discostano da quelli attesi sulla base dell'ipotesi in esame, tanto più alto sarà il chi-quadrato. L'ultimo valore che devi riportare in tabella è rappresentato dai gradi di libertà (df) per questo gruppo di dati. I gradi di libertà in un test che considera n classi sono normalmente uguali a n-1. In questo case ci sono quattro classi fenotipiche, quindi df=3.

66

A questo punto utilizza il valore del chi-quadrato e i gradi di libertà per determinare la probabilità (P) che la deviazione dei valori osservati da quelli attesi sia dovuta al caso. Il valore di P per un insieme di dati viene ricavato dalle tavole dei valori di chi-quadrato in base ai diversi gradi di libertà. Nel nostro esempio il valore di P è compreso tra 0,30 e 0,50. Questo dato significa che in 30-50 su 100 ripetizioni (30-50% delle volte) dovrai attenderti dei valori di chi-quadrato dovuti al caso di questa grandezza o maggiore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la media e la deviazione standard

Se conoscete alcune nozioni di Statistica, cominciamo con lo spiegare che cos'è la Media e la Deviazione Standard. La media rappresenta la media aritmetica delle misure del campione a cui siamo interessati. La deviazione standard, o scarto quadratico...
Università e Master

Come Valutare La Deviazione Standard Come Incertezza In Una Singola Misura

La deviazione standard è un indice di dispersione di un insieme di dati partendo dalla sua media. Più i punti sono lontani dalla media, maggiore sarà la deviazione all'interno dell'insieme di dati. La deviazione standard è calcolata come la radice...
Università e Master

Come calcolare il coefficiente di correlazione

In statistica, uno dei comportamenti più studiati è quello delle variabili casuali. Queste dipendono da diversi fattori che spesso influenzano contemporaneamente il loro andamento. Se due o più variabili sono correlate fra loro, potremo determinare...
Università e Master

Come si calcola il Coefficiente di Variazione in statistica

Una delle funzioni della statistica è quella di dare indicazioni sintetiche, sulle rilevazioni statistiche effettuate, tramite l'utilizzo di appropriati indici e valori. In questo articolo calcoliamo un indice di variabilità relativa: il coefficiente...
Università e Master

Come Calcolare Il Test Di Chi-quadro Di Un Insieme Di Valori

Grazie al test si chi-quadro potete verificare una specifica ipotesi. Si tratta di un test usato in particolar modo nella statistica. Grazie a questo test possiamo verificare se la differenza tra le percentuali è un caso oppure no. In caso venga dimostrato...
Università e Master

Come trovare un percentile da una distribuzione normale

Se dopo un test si vuole confrontare la propria attitudine rispetto agli altri studenti, il percentile consente di confrontare i numeri in un insieme di dati, i quali forniscono la percentuale di punti dati sotto un numero specifico. Se si è al 50°...
Università e Master

Come Stimare Le Frequenze Alleliche

La legge di Hardy-Weinberg è il fondamento della genetica di popolazioni. Essa infatti sancisce che le leggi di segregazione di Mendel possano estendersi anche a concetti di frequenze alleliche e genotipiche all'interno di una data popolazione. Un'importante...
Superiori

Appunti di scienze: le leggi di Mendel

La guida che vi proporremo nei passi che seguiranno, si concentrerà sulla materia delle scienze, in quanto andremo a darvi una serie di appunti relativi alle leggi di Mendel.Mendel è stato un naturalista, un matematico e un religioso di origine ceca,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.