Come affrontare una versione di latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tradurre una versione di latino non è sicuramente l'operazione più semplice da compiere: tuttavia, seguendo alcune tappe in modo rigoroso, potrete riuscire ad affrontare in modo sereno ed arrivare ad una traslitterazione molto fedele nella lingua. È necessario possedere forti basi di analisi logica e del periodo e buona conoscenza delle declinazioni, coniugazioni e costrutti latini. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • basi di grammatica italiana
  • basi di grammatica latina
  • vocabolario di latino
36

Prima di arrivare alla traduzione vera e propria, è necessario che analizziate in modo rigoroso la versione dal punto di vista dell'analisi logica e da quello dell'analisi del periodo. Anzitutto, individuate i verbi presenti ed attraverso questi, dividete il brano in proposizioni. Dopo aver fatto ciò, sottolineando le congiunzioni che le introducono e studiando i verbi che le reggono, capirete di che tipo di proposizione si tratta e potrete vedere se è coordinata o subordinata alla principale. Dopo aver fatto questo lavoro, avrete molto più chiara in testa la struttura della versione. Arrivai qui, dovrai dare poi una rapida scorsa alle parole prese singolarmente e ai casi nei quali si trovano, per cogliere in linea di massima i vari complementi e rispettivi attributi e apposizioni.

46

Per fare ciò in modo proficuo, è necessario che voi conosciate bene, oltre che la grammatica italiana, la grammatica latina con i suoi specifici costrutti (ablativo assoluto, participio congiunto, perifrastica attiva e passiva), in modo tale da sapere a cosa corrispondono, in quanto non traducibili letteralmente. Non è difficile, basterà seguire alcuni semplici accorgimenti: leggete un periodo alla volta e individuate, durante la lettura, tutte le parole di cui conoscete già il significato. Molti vocaboli latini, infatti, sono passati quasi uguali nell'italiano (scrìbere = scrivere; vidère = vedere; quicùmque = chiunque. Oltre a ciò, dividete il brano in periodi (ogni punto fermo, i due punti e il punto e virgola separano un periodo dall'altro.

Continua la lettura
56

Dopo quaranta minuti circa, dovreste, dunque, avere davanti un'approfondita analisi della vostra versione e solo a questo punto, prenderete in mano il vocabolario per capire i termini che non conoscete. Una tale procedura, è necessaria soprattutto a partire dalla terza liceo, quando si iniziano ad affrontare gli autori latini, spesso ostici: in questo modo, arriverete a tradurre propriamente la versione, senza rischiare di tradurre una principale per una subordinata o un soggetto per un complemento oggetto. Infine, ricordate che ogni proposizione, pur legata al periodo di cui fa parte, ha una sua autonomia, per cui non potrete prendere i vocaboli e spostarli impunemente da una frase all'altra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Latino: periodo ipotetico

Il latino, lingua universale di qualche millennio fa, è la lingua capostipite di moltissime lingue europee. Naturalmente, la lingua che si è sviluppata maggiormente sulla falsa riga del latino è il nostro italiano, ragion per cui per noi italiani è...
Lingue

Latino: tradurre una versione

Tradurre correttamente una versione di latino richiede impegno e determinate conoscenze di base. Per raggiungere buoni risultati, è fondamentale l’acquisizione delle regole grammaticali. Dovete conoscere bene il costrutto sintattico del latino. Dovete...
Superiori

Grammatica greca: come riconoscere e tradurre il genitivo assoluto

Il genitivo assoluto è un costrutto della grammatica greca molto difficile da riconoscere e da tradurre. Dal punto di vista logico non appare complicato. Quando lo hanno spiegato in classe, infatti, pensavamo di averlo capito perfettamente. Il soggetto,...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
Superiori

Come tradurre il periodo ipotetico dell'obiettività in latino

Il periodo ipotetico è un enunciato che presenta un fatto o una circostanza la cui esistenza o la cui realizzazione dipendono da una o più condizioni (ipotesi). È costituito da due proposizioni: una enunciativa detta apodosi e una suppositiva o ipotetica,...
Superiori

Come tradurre al meglio una versione di latino

Per sapere come tradurre una versione di latino è opportuno seguire una serie di suggerimenti. Per prima cosa bisogna leggerla due o tre volte, sia se si è alle prime armi, sia se si mastica già questa lingua. Poi si passa all'analisi del periodo,...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Superiori

Come fare l'analisi del periodo in latino

Eccoci qui pronti a proporre ai nostri lettori, che a scuola studiano il latino, un argomento che in questa lingua, mai passata di moda e di tempo, riscuote molto interesse ed anche importanza. Stiamo parlando del come poter fare l'analisi del periodo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.