Come affettare un tessuto al criostato

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il microtomo criostato è uno strumento che seziona i tessuti. In particolare serve per ricavare diverse sezioni dai loro campioni. Si presenta all'interno di una camera criostatica. Con il suo meccanismo si rende il tessuto particolarmente rigido, grazie alle basse temperature nell'area. Con questo specifico trattamento si ottiene la corretta consistenza per poter effettuare le sezioni dei campioni. Contestualmente l'utilizzo di tale tecnica evita ogni eventuale intervento chimico. Il criostato si usa anche in ambito biologico ed in quello istologico. In quest'ultimo caso esso serve per sezionare, insieme al microtomo, un campione di tessuto vegetale o animale. A tal fine scopriremo, nei prossimi passi, come affettare un tessuto al criostato.

28

Occorrente

  • Campione di tessuto; microtomo criostato.
38

Per affettare un tessuto al criostato, è necessario fissare il tessuto. I campioni si congelano adoperando azoto liquido e isopentano. Si riempie un recipiente con l'isopentano e lo si raffredda immergendolo nell'azoto liquido. Successivamente bisogna attendere che l'isopentano si raffreddi. Per sapere quando ha raggiunto la giusta temperatura, dovremo monitorarne il colore. Quando apparirà biancastro e filamentoso, porremo il campione di tessuto su un supporto metallico contenente una goccia di un mezzo di montaggio, come l'OCT.

48

L'OCT consiste in una soluzione acquosa di alcool polivinilico e polietilenglicole. Si tratta di una sostanza che consente l'aderenza del campione al supporto. Inoltre favorisce anche l'azione di taglio. Utilizzando delle pinze, si immerge il supporto metallico nell'isopentano freddo per un tempo di circa 30 secondi. Durante questa fase bisogna fare molta attenzione a non far cadere il supporto. A questo punto si immerge il campione di tessuto in azoto liquido e lo si conserva a una temperatura di 80°C. Avendo fissato il tessuto, lo si potrà affettare con il microtomo criostato. Tramite il suo utilizzo, è possibile ottenere delle sezioni di tessuto anche di 5 millimetri di spessore.

Continua la lettura
58

La camera refrigerata internamente è ben visibile, per la sua luce. Inoltre il suo sportello permette di mantenere costante la temperatura interna. Con il microtomo criostato è possibile adoperare lame fisse o monouso. È consigliabile conservare sia le lame che i pennelli all'interno della camera refrigerata. In questo modo, non si dovrà attendere inutilmente il loro raffreddamento. Una volta montato il supportino nel suo alloggio, si può procedere ad affettare il campione di tessuto. Ottenute le sezioni, si distendono con l'aiuto di un pennellino sottile.

68

Successivamente si appoggia il vetrino portaoggetti alla sezione e, grazie alla differenza di temperatura, la sezione aderirà immediatamente al vetrino. Mantenendo una temperatura di 4°C, è possibile conservare le sezioni a fino ad un mese. Sebbene sia sicuramente consigliabile utilizzarle il prima possibile. La rapidità di congelamento e la bassa temperatura non provocano danni né alle strutture antigeniche, né alla loro architettura. Pertanto, adoperare questa tecnica quando si vogliono effettuare indagini di natura istochimica, è la migliore opzione. https://cuore.lngs.infn.it/it/informazioni/criostato.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' preferibile usare la tecnica del microtomo criostato ove occorra avere, in tempi brevi, dei risultati nell'analisi di un campione di tessuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come analizzare dei campioni di terreno

Per una totale produttività delle piante che coltiviamo è opportuno conoscere e curare per bene i proprio terreni. Il terreno infatti è la fonte principale di approvvigionamento da parte della pianta, da esso infatti le radici assorbono acqua e nutrienti...
Università e Master

Come calcolare la sfericità statistica

Quando si vuole calcolare la sfericità statistica occorre prima di tutto effettuare alcuni test preliminari per verificare che sia presente la condizione di sfericità, oltre a prendere un campione per testare se ci sono scostamenti molto evidenti dall'ipotesi...
Università e Master

Come Fare Un Immunocitochimica Indiretta

La reazione di immunocitochimica (ICC) permette di localizzare sostanze nelle cellule e nei tessuti mediante reazioni tra antigeni e anticorpi opportunamente marcati; grazie alle proprietà di determinati reagenti si formeranno prodotti di reazione colorati...
Università e Master

Come Fare Un'Immunofluorescenza Indiretta

L'immunofluorescenza indiretta è una tecnica scientifica molto diffusa poiché permette di visualizzare perfettamente ed in maniera veloce una determinata proteina da ricercare in un campione di orgine biologica. L'immunofluorescenza indiretta si basa...
Università e Master

Come fare un'elettroforesi orizzontale

L’elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l’influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce sulla particella. Nell’elettroforesi su gel c’è un mezzo di...
Università e Master

Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal

Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal chimico danese Johan Kjeldahl che permette di determinare il contenuto in azoto di sostanze organiche e inorganiche. Il campione (0,5-5 g) viene riscaldato tramite piastra riscaldante ad alta...
Università e Master

Come calcolare l'errore quadratico medio di un campione di misure

Il calcolo dell'errore quadratico medio di un campione, insieme al calcolo di scarto, deviazione standard, covarianza e correlazione, è uno dei pilastri fondamentali del calcolo degli errori. Che stiate affrontando questo argomento perché necessario...
Università e Master

Come Effettuare l'analisi dei polifenoli dell'olio extravergine di oliva

L'olio extravergine d'oliva, è il condimento più sano che esiste in natura. Difatti è consigliato ed inserito in tutti i piani alimentari, a scapito di altri meno nobili. Per altro, la nostra nazione ha il vanto di averne la maggiore produzione sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.