Come Affettare Al Microtomo Un Campione Di Tessuto Incluso In Paraffina

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Perché un tessuto possa essere osservato al microscopio ottico deve essere sufficientemente sottile da permettere alla luce di attraversarlo. Per questo motivo, prima dell'esame microscopico, i tessuti vengono sempre suddivisi in sezioni sottilissime, tramite uno strumento chiamato microtomo o ultramicrotomo. Il microtomo è appunto uno strumento che permette di realizzare delle sezioni istologiche di campioni di tessuto animale, vegetale o di altri materiali non biologici. Un altro processo importante ai fini dello studio cellulare è l'inclusione; i tessuti biologici, infatti, perdono la consistenza necessaria al loro mantenimento e vengono perciò inclusi in materiali più resistenti che possano fungere da sostegno. Esistono diversi materiali adatti allo scopo, come per esempio la paraffina: un composto ceroso di natura lipidica, usato piuttosto frequentemente nell'allestimento di preparati istologici. Andiamo quindi a vedere, passo per passo, come bisogna procedere per affettare al microtomo un campione di tessuto incluso in paraffina.

29

Occorrente

  • blocchetto di paraffina
  • portablocchetto
  • becco bunsen
  • spatolina
  • 2 pennellini
  • lametta a dorso
  • cartoncino scuro
  • soluzione di albumina glicerinata
  • vetrini portaoggetto
  • piastra termostatatabile
  • stufa termostatata
  • microtomo
  • lame monouso per microtomo
39

La prima cosa da fare è quella di andare a montare al portablocchetto del microtomo il pezzo incluso in paraffina. Per farlo, dovrete sciogliere un po' di paraffina dal campione con una spatolina riscaldata sul bunsen, facendo molta attenzione affinché la temperatura della spatolina non risulti eccessiva, altrimenti brucerebbe il tessuto. A questo punto, per riuscire ad aumentare la solidità, il consiglio è quello di tenere il pezzo montato al supportino per pochi minuti in freezer. Dopodiché alloggiate il blocchetto nell'apposita torretta portapezzo del microtomo e assicuratevi che sia ben avvitato e saldo.

49

Successivamente, avvicinate la torretta con il preparato alla lama ed eliminate la paraffina in eccesso utilizzando una lama non troppo nuova. Quando incominciate a intravedere il tessuto, invece, dovrete montare una lama nuova, quindi squadrate con una lametta la superficie del blocchetto e regolate lo spessore del taglio: generalmente 6-7 microns. Incominciate ora ad affettare girando il volano del microtomo piano, ma con decisione: otterrete in questo modo un nastro diritto che, con l'aiuto di una coppia di pennelli, riuscirete facilmente a steccare dal filo di lama e poggerete su un cartoncino scuro.

Continua la lettura
59

Procedete andando ad etichettare i vetrini sulla parte smerigliata e, su ognuno di essi, ponete una soluzione adesiva di albumina glicerinata (1 goccia di albumina glicerinata per ogni 10cc di acqua), quindi adagiate sul vetrino, aiutandovi con l'attrazione elettrostatiche dei peli di un pennellino, una o più sezioni del nastro di paraffina. Mettete il vetrino su una piastra termostatata a circa 37-40°C, prestando molta attenzione affinché la temperatura della piastra non superi mai quella di fusione della paraffina.

69

Durante questa operazione ricordatevi che è di fondamentale importanza bloccare sempre il volano con l'apposito freno, in maniera tale da evitare che con qualche gesto inconsulto possa ruotare e il pezzo possa finire involontariamente sulla lama. Giunti a questo punto, con l'aiuto di una lametta e senza andare ad alterare la serialità delle sezioni, suddividete i nastri. Ricordatevi di mantenere sempre pulita la lama dai residui di paraffina. Durante questa fase noterete come grazie al calore e alla tensione superficiale i nastri si distendono.

79

A questo punto non vi resta altro da fare che aspirare l'acqua dal vetrino e osservare il preparato al microscopio, accertandovi che la sezione sia assolutamente priva di strie di lama o di qualsiasi altro problema che la possa intaccare. Qualora dovesse accadere che le sezioni non siano ottimali, cercate di spostare la lama e di trovare il punto giusto che non vi dia i cosiddetti "denti" sulla sezione. Diversamente ponete i vetrini in una stufa a 37°C per fare in modo tale che si possano asciugare completamente. Come avrete capito, il procedimento da seguire è davvero semplice, ma è comunque indispensabile seguire con attenzione tutte le fasi per ottenere un risultato soddisfacente.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rispettate tutte le fasi della preparazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come includere in paraffina un preparato istologico

Prima di procedere al taglio al microtomo, quando si effettuano in laboratorio dei prelievi di campioni istologici, bisogna necessariamente includerli per renderli solidi. Spesso le difficoltà principali sono quelle che derivano dall'inclusione di pezzi...
Università e Master

Come calcolare l'errore quadratico medio di un campione di misure

Il calcolo dell'errore quadratico medio di un campione, insieme al calcolo di scarto, deviazione standard, covarianza e correlazione, è uno dei pilastri fondamentali del calcolo degli errori. Che stiate affrontando questo argomento perché necessario...
Università e Master

Come Estrarre Rna Da Un Tessuto

Il fatto di estrarre l'RNA è il primo passo fondamentale allo scopo di identificare l'espressione di un gene in un determinato sistema biologico. Lavorare con le molecole di RNA è delicato, l'inconveniente principale in cui si incorre è la degradazione...
Università e Master

Tessuto muscolare: anatomia

Il tessuto muscolare rappresenta uno dei più importanti tessuti del corpo umano, infatti esso è parte costituente del cuore e di moltissimi altri apparati che ci permettono di compiere azioni volontarie e non. La suddivisione che comunemente si utilizza...
Università e Master

Come Fare Un'Immunofluorescenza Indiretta

L'immunofluorescenza indiretta è una tecnica scientifica molto diffusa poiché permette di visualizzare perfettamente ed in maniera veloce una determinata proteina da ricercare in un campione di orgine biologica. L'immunofluorescenza indiretta si basa...
Università e Master

Come Effettuare Un Campionamento Stratificato

Le statistiche rappresentano uno strumento abbastanza valido e impiegato per eseguire delle ricerche e degli studi di settore. Attraverso queste tecniche, infatti, potremo analizzare i comportamenti e le opinioni della gente iniziando da un campione organizzato...
Università e Master

Come fare una semplice analisi statistica dei dati

La statistica è una disciplina che ha il fine di sintetizzare un insieme più o meno vasto di dati o, più in generale, di informazioni attraverso l'uso di grafici, valori tabellati o parametri specifici. Con l'analisi statistica dei dati otterremo quindi,...
Università e Master

Come calcolare la sfericità statistica

Quando si vuole calcolare la sfericità statistica occorre prima di tutto effettuare alcuni test preliminari per verificare che sia presente la condizione di sfericità, oltre a prendere un campione per testare se ci sono scostamenti molto evidenti dall'ipotesi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.