Cola di Rienzo: vita e ideologia politica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Cola di Rienzo, nato Nicola di Lorenzo Gabrini nel 1313, fu uno studioso medievale famoso perché si intromise nelle lotte tra papi e baroni che coinvolgevano la città di Roma. Fin da giovane dimostrò di avere una intelligenza e una perspicacia fuori dal comune, che lo portarono a diventare notaio/contabile presso il Papato. Vediamo chi era Cola di Rienzo: vita e ideologia politica.

26

Rientro a Roma

Con l'incarico di notaio venne mandato ad Avignone dal papa in esilio Clemente VI, che lo apprezzò molto. In questa circostanza Cola fece presente al Papa la situazione di degrado vissuta nella capitale, imputandone la colpa ai vari baroni e baronetti in lotta tra loro.
Nel 1344 tornò a Roma, ove acquistò la carica di ??notaio della camera apostolica??, una figura importante con potere decisionale su faccende amministrative e finanziarie. Con questo nuovo impegno iniziarono i suoi discorsi pubblici nel palazzo dei senatori, e per farsi capire anche dal popolo anafalbeta fece dipingere vari affreschi di stampo caricaturale che rappresentavano la situazione di degrado presente nel papato. Più il tempo passava e più i suoi discorsi si facevano mirati: per riportare la città di Roma in uno stato di grazia era necessario abbattere la prepotenza dei baroni. Questi discorsi accattivarono il popolo tant?è che presto in molti iniziarono a seguirlo.

36

La signoria di Roma

Nel 1347, Cola andò al campidoglio accompagnato da un centinaio di seguaci e da lì proclamò gli ?ordinamenti del buono stato?, che prevedevano:
Applicazione della legge del taglione per limitare la violenza;
Aiuti massicci al popolo: vedove, bambini, monasteri, granai pubblici, etcetera;
Revisione dei rapporti tra i baroni e signorotti delle città vicine;
Forte dell?appoggio del popolo, fu proclamato Signore del Comune. Ovviamente tutto questo andava contro gli interessi dei baroni.
Il primo a precipitarsi a Roma fu Stefano Colonna, ma l?intervento dei popolani mise in fuga il signorotto. Allora i baroni cercarono invano di organizzarsi e trovare degli accordi tra di loro per riuscire a scalzare Cola dal suo ruolo, ma a causa degli attriti personali non ci riuscirono e così al contrario, andarono da lui a giurargli fedeltà.

Continua la lettura
46

La gloria e la caduta

Negli anni a seguire ci fu una rinascita della città. La riscossione dei tributi venne affidata nuovamente alla città anziché ai baroni. Le figure della borghesia nascente (notai, mercanti, giudici) giurarono fedeltà, la giustizia veniva finalmente amministrata in modo equo verso tutte le classi.
Tuttavia lentamente Cola cambio atteggiamento, in lui si insinuarono il delirio, la paura e forse la malattia mentale. Si proclamò cavaliere e fece arrestare diversi nobili che lo avevano appoggiato, divenne un tiranno amante del lusso e della gola e gradualmente fu abbandonato da tutti. I baroni poterono così rialzare la testa con facilità, tanto da metterlo in fuga prima in Boemia e poi ad Avignone. Qui il Papa gli diede nuovamente il suo appoggio, e potè così tornare a Roma per un ultimo colpo di coda. Fu accolto bene al suo ritorno, ma ben presto le cose peggiorarono, la sua abile oratoria era rimasta, ma lui ormai era definito un grasso ubriacone incapace a gestire la città. Così gli rivoltarono contro i suoi stessi soldati seguiti dal popolo stesso. Tentò una ultima arringa, ma il popolo non rispose, e durante una roccambolescda fuga si travestì da mendicante, ma fu riconosiuto, linciato e il cadavere fu lasciato esposto per due giorni primad i essere cremato. Un anonimo dell?epoca scrisse: «Era grasso. Per la moita grassezza da sé ardeva volentieri» .

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I principali esponenti dell'antifascismo

Il fascismo rappresenta una parte buia ma pur sempre importante della storia recente del nostro paese. Durato per circa un ventennio, con la data di presa al potere che solitamente viene fatta coincidere nel 1925 con la marcia su Roma organizzata dal...
Superiori

Niccolò Machiavelli: vita e opere

Niccolò Machiavelli è uno dei maggiori esponenti dell'intera letteratura italiana del Quindicesimo Secolo. Uno degli autori più studiati e di maggiore considerazione artistica. La sua vita sempre a stretto contatto con la politica, ha influenzato il...
Superiori

Karl Marx: vita e opere

Nell' opera principale di Karl Marx: il Capitale, viene considerata come il testo chiave del marxismo, la teoria socio-politica scaturita dalle sue idee. L’opera, composta da quattro volumi, consiste non soltanto in un trattato di economia in cui viene...
Superiori

Dante Alighieri: vita e opere

Dante Alighieri è una delle figure piú importanti del panorama culturale italiano, potremmo addirittura dire la piú importante in assoluto. Vissuto a cavallo tra 1200 e 1300 a Firenze, viene considerato il "Padre Fondatore della lingua italiana". In...
Superiori

Catone: vita e opere

Marco Porcio Catone fu uno scrittore, autore, politico, oratore e generale romano. Viene chiamato anche "il Censore" per distinguerlo dal suo bis nipote Catone "il giovane". Fu autore di quella che viene considerata la prima opera storiografica in lingua...
Superiori

Breve analisi di "Una vita" di Italo Svevo

"Una Vita" è il primo romanzo di Italo Svevo. Il vero nome dell'autore, in realtà, è Aaron Hector Schmitz, il quale - rispecchiando in pieno la crisi identitaria italiana e occidentale dell'Occidente, sceglie di utilizzare lo pseudonimo, appunto, di...
Superiori

Vita e opere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Giuseppe Tomasi di Lampedusa è certamente uno dei maggiori rappresentanti del Neorealismo italiano. Duca di Palma e Montechiaro e principe di Lapedusa, conosceva molto bene la lingua inglese, il francese e il tedesco, da giovane studiò infatti le principali...
Superiori

Sallustio: vita e opere

Sallustio il cui nome completo è Gaio Sallustio Crispo, fu uno storico e un politico romano, celebre per le sue opere, in cui racconta le vicende storiche del periodo e la lotta per il potere. È considerato il rinnovatore della storiografia. Il suo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.