Classificazione dei triangoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura chiusa con un numero di segmenti inferiore a tre. I triangoli vengono definiti anche come figure indeformabili in quanto, una volta assegnati i lati, gli angoli ne scaturiscono già automaticamente in maniera univoca. La condizione fondamentale per poter costruire un triangolo è quella che ogni lato sia minore della somma degli altri due e maggiore della loro differenza. Esistono vari tipi di triangolo e la loro classificazione prende in considerazione sia i lati che gli angoli.

25

La classificazione schematica

Per fare una classificazione schematica dei triangoli si può dire che essi, in base ai lati si dividono in : triangolo equilatero, triangolo isoscele e triangolo scaleno. In base agli angoli invece troveremo la seguente classificazione: triangolo rettangolo, triangolo acutangolo e triangolo ottusangolo. Stabilite queste classificazioni andiamo ad esaminare ciascun tipo di triangolo vedendo le caratteristiche che lo contraddistinguono.

35

La classificazione dei triangoli in base agli angoli

Prendendo in considerazione, invece, la classificazione dei triangoli in base agli angoli presenti al suo interno, troviamo innanzitutto il triangoli rettangolo. Un triangolo si definisce rettangolo quando ha nel suo interno un angolo di 90° ossia un angolo retto. Questo tipo di triangolo è particolare in quanto, di fronte all'angolo retto si trova il lato dell'ipotenusa, mentre gli altri lati vengono chiamati cateti e quindi, in questo caso, trova piena applicazione il teorema di Pitagora. Se invece all'interno di un triangolo si trova un angolo superiore a 90° siamo in presenza di un triangolo ottusangolo. Quando invece all'interno di un triangolo tutti gli angoli sono inferiori a 90° abbiamo il triangolo acutangolo. È bene notare, inoltre, che in un triangolo equilatero, così come tutti i lati sono uguali, anche gli angoli misurano lo stesso grado, ossia 60°. Il dato è certo in quanto in un triangolo la somma totale degli angoli corrisponde obbligatoriamente a 180°. Nel triangolo isoscele invece avremo due angoli di uguale ampiezza, mentre nel triangolo scaleno ogni angolo ha una misura differente.

Continua la lettura
45

La classificazione per lati

Partendo dalla classificazione per lati il primo che troviamo è quello equilatero e la caratteristica che lo contraddistingue è già insita nel nome: ossia la presenza di tre lati della stessa misura. Diverso è il triangolo isoscele che, per essere definito tale deve comunque avere due dei suoi lati della stessa lunghezza. Quando invece ogni segmento che compone il triangolo a una misura diversa dall'altro siamo di fronte ad un triangolo scaleno.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Farsi uno schema delle varie classificazioni dei triangoli aiuta a memorizzare l'argomento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come dimostrare che due triangoli sono simili

In questa guida vi spiegherò i teoremi e le principali condizioni che garantiscono che due triangoli sono simili, ovvero, come dimostrare che due triangoli sono simili. Per definizione diremo che due triangoli sono simili se hanno i tre angoli congruenti...
Superiori

Come applicare il teorema dei triangoli rettangoli

La matematica è una delle materie più odiate sia dai bambini che dai ragazzi. Il motivo principale di di tale rifiuto generalmente è dato dal fatto che tale materia viene insegnata nella maniera sbagliata, infatti la base della matematica è il ragionamento...
Superiori

La classificazione dei beni economici

Ogni strumento reputato idoneo al fine di soddisfare un bisogno viene denominato bene.I beni si distinguono, a loro volta in beni liberi o gratuiti e beni economici. Afferiscono alla prima categoria tutti i beni disponibili, privi di prezzo e fruibili...
Superiori

Come capire la Classificazione Decimale Deway

Il sistema di Classificazione Decimale Dewey (DDC) è uno strumento di organizzazione della conoscenza generale, che viene continuamente rivisto per tenere il passo con la conoscenza. Il sistema è stato concepito da Melvil Dewey nel 1873 ed è stato...
Superiori

Classificazione delle carte geografiche

La classificazione delle carte geografiche è molto importante per chi studia la geografia, che si tratti della geografia che si impara a scuola, fin da piccoli, oppure di quella più complessa ed approfondita che si studia all'università. In ogni caso...
Superiori

Biologia: classificazione dei batteri

Entriamo nel mondo della biologia: quale è la classificazione dei batteri?. I batteri appartengono al regno dei Bacteria. Chiamati anche eubatteri, comprendono moltissimi micro organismi cellulari, i procarioti. Sono grandi appena qualche micrometro,...
Superiori

La classificazione dei venti nel mondo

Nel mondo ci sono diverse tipologie di vento, le quali si possono classificare in funzione delle quattro categorie principali. I venti costanti soffiano in ogni momento dell'anno, sempre nella stessa direzione. I venti periodici si invertono di direzione...
Superiori

Appunti di geologia: la classificazione delle rocce

In geologia e petrografia (la scienza che le studia), le rocce sono definite come conglomerati di cristalli e minerali. Le rocce della litosfera sono suddivisibili in tre gruppi a seconda delle circostanze e delle cause della loro formazione e della loro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.