Classificazione dei triangoli

Tramite: O2O 27/09/2017
Difficoltà: media
15
Introduzione

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura chiusa con un numero di segmenti inferiore a tre. I triangoli vengono definiti anche come figure indeformabili in quanto, una volta assegnati i lati, gli angoli ne scaturiscono già automaticamente in maniera univoca. La condizione fondamentale per poter costruire un triangolo è quella che ogni lato sia minore della somma degli altri due e maggiore della loro differenza. Esistono vari tipi di triangolo e la loro classificazione prende in considerazione sia i lati che gli angoli.

25

La classificazione schematica

Per fare una classificazione schematica dei triangoli si può dire che essi, in base ai lati si dividono in : triangolo equilatero, triangolo isoscele e triangolo scaleno. In base agli angoli invece troveremo la seguente classificazione: triangolo rettangolo, triangolo acutangolo e triangolo ottusangolo. Stabilite queste classificazioni andiamo ad esaminare ciascun tipo di triangolo vedendo le caratteristiche che lo contraddistinguono.

35

La classificazione dei triangoli in base agli angoli

Prendendo in considerazione, invece, la classificazione dei triangoli in base agli angoli presenti al suo interno, troviamo innanzitutto il triangoli rettangolo. Un triangolo si definisce rettangolo quando ha nel suo interno un angolo di 90° ossia un angolo retto. Questo tipo di triangolo è particolare in quanto, di fronte all'angolo retto si trova il lato dell'ipotenusa, mentre gli altri lati vengono chiamati cateti e quindi, in questo caso, trova piena applicazione il teorema di Pitagora. Se invece all'interno di un triangolo si trova un angolo superiore a 90° siamo in presenza di un triangolo ottusangolo. Quando invece all'interno di un triangolo tutti gli angoli sono inferiori a 90° abbiamo il triangolo acutangolo. È bene notare, inoltre, che in un triangolo equilatero, così come tutti i lati sono uguali, anche gli angoli misurano lo stesso grado, ossia 60°. Il dato è certo in quanto in un triangolo la somma totale degli angoli corrisponde obbligatoriamente a 180°. Nel triangolo isoscele invece avremo due angoli di uguale ampiezza, mentre nel triangolo scaleno ogni angolo ha una misura differente.

Continua la lettura
45

La classificazione per lati

Partendo dalla classificazione per lati il primo che troviamo è quello equilatero e la caratteristica che lo contraddistingue è già insita nel nome: ossia la presenza di tre lati della stessa misura. Diverso è il triangolo isoscele che, per essere definito tale deve comunque avere due dei suoi lati della stessa lunghezza. Quando invece ogni segmento che compone il triangolo a una misura diversa dall'altro siamo di fronte ad un triangolo scaleno.

55
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Farsi uno schema delle varie classificazioni dei triangoli aiuta a memorizzare l'argomento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La classificazione dei beni economici

Ogni strumento reputato idoneo al fine di soddisfare un bisogno viene denominato bene.I beni si distinguono, a loro volta in beni liberi o gratuiti e beni economici. Afferiscono alla prima categoria tutti i beni disponibili, privi di prezzo e fruibili...
Superiori

La classificazione dei venti nel mondo

Nel mondo ci sono diverse tipologie di vento, le quali si possono classificare in funzione delle quattro categorie principali. I venti costanti soffiano in ogni momento dell'anno, sempre nella stessa direzione. I venti periodici si invertono di direzione...
Superiori

La classificazione delle fonti storiche

Sapere esattamente cosa è successo nell'arco temporale predente a quello odierno e sapere come si è arrivati ad oggi, è importante ed è possibile studiare la storia semplicemente utilizzando delle fonti storiche apposite. Le fonti storiche, sono infatti...
Superiori

Come dimostrare che un triangolo è isoscele

La geometria è un ramo della matematica che si occupa dello studio delle rette, delle semirette, dei segmenti, degli angoli, delle figure geometriche piane, delle figure geometriche solide e delle figure geometriche tridimensionali. Delle figure piane...
Superiori

Geometria razionale: l'equivalenza fra figure piane

L’equivalenza tra figure piane viene stabilita attraverso determinati principi della geometria razionale. Le figure geometriche sono costituite da un insieme di punti, e vengono distinte in figure piane e figure solide. Mentre in quelle piane i punti...
Superiori

Come calcolare i cateti avendo l'ipotenusa

La geometria piana, generalmente si occupa delle figure geometriche nel piano. Partendo da una retta infatti è possibile costruire i segmenti (ovvero delle porzioni finite di retta) e, con questi, i poligoni (unione di più segmenti). Nella guida che...
Superiori

Come calcolare area totale e volume di un tetraedro regolare

Lo studio delle figure geometriche, piane e solide avviene in geometria. La geometria fa parte della matica e consente il calcolo diel perimetro, dell'area e del volume dei poligoni. Una piramide su base triangolare è chiamata tetraedro. In altre parole,...
Superiori

Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel...