Chimica organica: sostituzione nucleofila

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

La chimica è una materia affascinante e vasta, ma di non facile comprensione per la maggior parte degli studenti. Infatti per capirla al meglio ci vogliono anni e anni di studio, e soprattutto per riuscire a padroneggiarla come si deve. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni accenni di chimica organica ed in particolare delle nozioni sulla sostituzione nucleofila.

24

Il nucleofilo è una sostanza

Prima di tutto vediamo cos'è un nucleofilo. In chimica nelle reazioni, esistono specie in grado di donare elettroni ed altre in grado di riceverli: il nucleofilo è colui che dona, mentre l'elettrofilo è colui che riceve. Il risultato è un legame del nucleofilo all'elettrofilo. Un nucleofilo può essere sia una specie neutra (con doppietti elettronici non condivisi) sia una specie carica, come ad esempio i carbanioni. L'acqua, l'ammoniaca, le ammine, gli alcoli e gli eteri sono tutti esempi di sostanze che agiscono come nucleofili, reagendo cioè con specie povere di elettroni.

34

Il nucleofilo reagisce con l'elettrofilo

Nel caso di una reazione chimica, il nucleofilo reagisce con l'elettrofilo dando luogo ad una molecola instabile, che si evolve allontanando una porzione che può essere un singolo atomo oppure un gruppo più elettronegativo del carbonio. Quindi in tal modo si crea un nuovo legame, come C-C, C-O, C-S e C-N per citarne alcuni. Un esempio di questo tipo di reazione, è quella che avviene tra un alogenuro alchilico e lo ione ossidrile. Possiamo distinguere due tipi di sostituzione nucleofila: quella aromatica e quella alifatica. Le sostituzioni nucleofile alifatiche sono molto più semplici e veloci, avvengono come reazioni acido-base (tenendo presente la classificazione di Lewis) e prevedono due diversi tipi di meccanismi che vengono identificati con sn1 e sn2.

Continua la lettura
44

La sostituzione determina la nucleofilia delle molecole

Il gruppo uscente in ogni caso sarà una specie ad elevata stabilità, e potrà essere neutro o specie ionica (anione), e chimicamente possiamo affermare che risulterà tanto più stabile quanto maggiore sarà una base debole, perché favorirà il giusto equilibro della reazione. Le reazioni di sostituzione nucleofila ottenibili in laboratorio sono svariate e reversibili. Esse si rivelano inoltre di grande importanza, poiché tramite questo tipo di reazione si può determinare con assoluta precisione la nucleofilia delle varie molecole, ovvero si può misurare la velocità con cui un determinato tipo di nucleofilo attacca un composto sperimentale di riferimento, al fine di provocare la cosiddetta sostituzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Scegliere Solventi E Nucleofili Per Reazioni Sn

Le quantità di reazioni della chimica organica che possono verificarsi sono davvero tantissime. Ricordarle a memoria è pressoché impossibile, poiché in ognuna delle reazioni possono essere trovati metodi differenti rispetto all'altra. In questa nel...
Università e Master

Come Preparare Le Ammine Coniugate

In questa guida o articolo, che dir si voglia, abbiamo deciso di imparare tutti i nostri lettori, il come poter preparare le ammine coniugate, nella maniera più semplice e veloce possibile, senza rischiare d'incorrere in degli errori a volte anche catastrofici....
Università e Master

Appunti di chimica: saponificazione degli esteri

In questa guida cercherò di spiegarvi con i miei appunti di chimica come funziona e cos'è la reazione di saponificazione degli esteri. Questa reazione è più propriamente chiamata "reazione di idrolisi basica degli esteri". Una soluzione di una base...
Università e Master

Come Effettuare La Riduzione Di Aldeidi E Chetoni

Le aldeidi sono dei composti organici speciali in grado di introdurre, nella loro struttura, il gruppo funzionale formile. Quest'ultimo costituisce semplicemente l'acile dell'acido formico. I seguenti composti organici vengono solitamente creati in natura...
Università e Master

Come Effettuare Un'Apertura Di Epossido In Ambiente Basico

Gli epossidi vengono classificati come eteri, nonostante le tante differenze. Per ambiente basico si intende una soluzione nella quale il pH (ovvero la concentrazione di ioni H+) è minore di 7.In questa semplice ed altrettanto utile guida scopriremo...
Superiori

Appunti di chimica: l'addizione aldolica

In chimica organica, l'addizione aldolica è quella reazione che si verifica tra due particelle di un’aldeide, o di un chetone. Entrambi le molecole sono elettrofili. Di conseguenza, reagiscono con i neuclofili. Affinché avvenga l’addizione aldolica,...
Università e Master

Come Idratare Le Aldeidi E I Chetoni

L'idratazione, ovvero l'aggiunta di una molecola d'acqua, è un processo che avviene naturalmente in molti organismi e sistemi biologici ogni secondo. Con questa guida ci occuperemo di spiegarvi, in particolare, come bisogna procedere per idratare le...
Università e Master

Come fare la preparazione e le reazioni delle ammidi

Un gruppo molto importante di composti chimici, che appartiene a quello più grande e vasto dei derivati acilici degli acidi carbossilici, è rappresentato dalle ammidi. Queste, tra tutti, sono sicuramente i composti più stabili e quindi meno reattivi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.