Chimica: le sostanze pure

Tramite: O2O 23/06/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Tra le materie scolastiche di maggior interesse per gli studenti delle scuole superiori, la chimica rientra tra gli ultimi posti per via della sua complessità. Grazie ad essa, però, riusciamo a capire i meccanismi che regolano il nostro mondo, come ad esempio le reazioni chimiche o il comportamento della materia organica e inorganica. Per quanto riguarda la chimica inorganica, gli argomenti trattati sono davvero molteplici. Uno di questi riguarda le sostanze chimiche pure. Si tratta fondamentalmente di materie, la cui composizione è costante e presenta alcuni caratteri tipici. Qui di seguito tratteremo in maniera adeguata questa tematica, fornendo informazioni utili sulle sostanze pure in chimica. L'argomento sembra estremamente complicato. Per capire meglio ci basterà seguire alla lettera l'intera spiegazione.

29

Occorrente

  • Libro di testo di chimica
  • Conoscenze di base sulle sostanze e i composti
39

Definizione di sostanza pura

Come accennato poc'anzi, le sostanze pure in chimica hanno una composizione costante. Esse non si possono scindere per mezzo della classica separazione fisica. Si assiste dunque ad una rottura dei legami chimici tra gli elementi. Essa dà origine a sostanze di varia natura, ossia solida, liquida, gassosa o sotto forma di plasma. Una sostanza chimica pura è da considerarsi tale quando si differenzia da un miscuglio. Quest'ultimo è invece un insieme di sostanze che si mescolando tra di loro, variando così le proprie caratteristiche di partenza. Prendiamo come esempio l'acqua distillata. Essa risulta composta da un'unica materia, quindi si può considerare sostanza pura a tutti gli effetti. Ci sono altri elementi che seguono lo stesso tipo di "regola", come i diamanti e l'oro. Anche lo zucchero raffinato (o saccarosio) è un classico esempio di sostanza pura. Ma andiamo ad esaminare più da vicino le differenze tra sostanze pure e miscele.

49

Differenze tra sostanza pura e miscela di più elementi

Quando definiamo le sostanze pure in chimica, ci riferiamo al fatto che la loro composizione riguarda un solo elemento. Esso si caratterizza per la presenza di un'unica tipologia di atomo. Ciascun atomo contiene un numero ben preciso di protoni, ossia particelle subatomiche con carica positiva. Gli elementi vengono riconosciuti per il loro peso atomico e si trovano riportati sulla tavola periodica. Se si uniscono tra loro, essi vanno a formare un composto. In questo caso, isolare gli elementi costitutivi dei composti è alquanto difficoltoso. L'unica soluzione possibile sta nella separazione tra gli elementi che generano il composto in questione.

Continua la lettura
59

Esempi di sostanze pure semplici e composte

Per capire meglio la differenziazione tra sostanze pure di tipo semplice e composto, è meglio prendere in esame degli esempi concreti. Una sostanza pura semplice può essere l'ossigeno che respiriamo ogni giorno. Si tratta di un unico elemento, allo stato gassoso. Alla stessa tipologia appartiene anche il ferro. In questo caso abbiamo un elemento allo stato solido che costituisce comunque una sostanza elementare in cui gli atomi sono tutti uguali. Se invece cerchiamo esempi di sostanze pure composte, il cloruro di sodio è il primo mix di elementi a cui pensiamo. Il comune sale da cucina presenta due sostanze pure semplici come il cloro e il sodio. Poiché esse coesistono e interagiscono tra loro. Parleremo di composto chimico risultante dall'unione di due elementi.

69

Sensibilità alla temperatura e conduttività

Le sostanze pure in chimica si comportano in un modo davvero particolare nel momento in cui entrano in relazione con le elevate temperature. Se abbiamo un solido puro, la sua sensibilità al calore si troverà all'apice nel momento in cui raggiungerà il punto di fusione. Se invece stiamo scaldando un liquido puro, dobbiamo parlare di punto di ebollizione. Come possiamo dedurre da questa regola, un solido e un liquido puri risultano sensibili a temperature singole, dette punti di fusione o ebollizione in base allo stato della sostanza. Per quanto riguarda la conduttività di una sostanza pura, questa proprietà viene praticamente stabilita dal livello di purezza dell'elemento contenuto. Ad esempio, consideriamo il rame. Questo metallo viene normalmente impiegato nell'ambito del cablaggio elettrico per il semplice fatto che ha un elevato grado di purezza. Pertanto, esso fornisce una conducibilità elettrica altamente efficiente. Al contrario, l'acqua estremamente pura è un pessimo conduttore di elettricità poiché priva di elettroliti, ossia conduttori elettrici disciolti. Questi elementi neanche esistono, peraltro.

79

Importanza del grado di purezza sulle proprietà chimiche

La purezza di una sostanza non determina soltanto la sua capacità di condurre o meno l'elettricità. Essa va ad influenzare in maniera significativa anche le proprietà chimiche della sostanza stessa. Quando si hanno elementi caratterizzati da un alto grado di purezza, si possono studiare eventuali reazioni chimiche che ne risulterebbero al momento dell'interazione con uno o più elementi diversi. Più alta è la purezza e più quella sostanza sarà in grado di generare reazioni chimiche. Il grado di purezza di una sostanza si può individuare a seguito di una serie di esperimenti. In laboratorio sicuramente si ha modo di assegnare un valore a questa caratteristica, dopo un?attenta ricerca.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • COnsultare il manuale di chimica inorganica per ripassare i concetti base sulle sostanze pure.
  • Ricordarsi la distinzione tra sostanze pure e miscugli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Chimica: come calcolare la normalità

Lo studio della chimica si basa su un numero abbastanza limitato di concetti elementari, per poi combinarli insieme e risolvere così anche i problemi più complessi. Uno dei primi argomenti che uno studente incontra nel suo percorso, dopo le fondamentali...
Superiori

Come fare una relazione di chimica

Per chi si inoltra per la prima volta nello studio della chimica, questa materia scientifica potrà sembrare ostica. Se non addirittura inaccessibile. Eppure i suoi elementi sono affascinanti e tutti concatenati. Tali da diventare, con lo studio e la...
Superiori

Appunti: chimica inorganica

Appunti: Chimica Inorganica, è quella branca, che si divide dalla chimica organica, e si occupa dello studio degli elementi, della sintesi e della caratterizzazione delle sostanze inorganiche. Rimangono quindi esclusi da questo studio (ad eccezione di...
Superiori

Come calcolare le concentrazioni in una reazione chimica in equilibrio

Una reazione chimica è composta da reagenti e prodotti: i reagenti sono le sostanze iniziali presenti, i prodotti sono sostanze formate dai reagenti. Molte equazioni sono reversibili; pertanto, i reagenti possono formare i prodotti e viceversa. L'equilibrio...
Superiori

Appunti di chimica organica

La Chimica Organica è generalmente quella parte della chimica che si occupa dei composti del carbonio. In origine essa trattava solamente i composti derivanti dagli esseri viventi, da cui deriva appunto il termine "organica" e solo successivamente si...
Superiori

Nozioni elementari di chimica

La chimica è una scienza alquanto complessa che si occupa di studiare la composizione, le proprietà, i comportamenti e i modi di reagire della materia. Esistono varie branche che compongono quest'affascinante materia e si specializzano in diversi campi....
Superiori

Chimica: sistemi omogenei ed eterogenei

In chimica, per "sistema" si intende una porzione di materia con un preciso comportamento chimico oppure fisico. In base alla struttura si classificano sistemi omogenei ed eterogenei. Per comprendere meglio il concetto, definiamo anche la fase di un...
Superiori

Chimica inorganica: la nomenclatura

La chimica inorganica è quella parte della chimica generale che studia gli elementi, la sintesi e la caratterizzazione dei composti inorganici, ossia tutti quei composti chimici in cui risultano assenti atomi di carbonio, o in cui il carbonio non presenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.