Chimica: le proprietà colligative

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le proprietà colligative sono delle proprietá delle soluzioni che dimostrano i cambiamenti delle proprietá chimico-fisiche dei soluti rispetto a quando si legano a formare soluzioni. Queste ovviamente dipendono e cambiano dalle concentrazioni di soluto e solvente. Le proprietà colligative sono quattro, e sono: Abbassamento della tensione di vapore, innalzamento ebullioscopico, abbassamento crioscopico e pressione osmotica. Ognuna di queste è un cambiamento chimico-fisico che subisce il solvente puro miscelandosi con il soluto. Sono un argomento della chimica fondamentale per la effettiva conoscenza della materia.

27

Occorrente

  • Conoscenze di chimica di base
37

Abbassamento Crioscopico

Proprietà analoga a quella precedente è l'abbassamento della temperatura di congelamento. Quando d'inverno si sparge il sale sulle strade, queste non ghiacciano. Ciò è dovuto al fatto che il sale buttato per le strade si scioglie nel sottile strato di acqua che può formarsi sulle strade, creando quindi una soluzione di acqua e sale. Se l'acqua si trasforma in ghiaccio a 0°C, la soluzione congela a temperature più basse; in questo modo è più difficile che si formi uno strato di ghiaccio sulla strada. L'abbassamento della temperatura di congelamento è dovuto ai legami che si creano tra il soluto e il solvente. Infatti una volta creati i legami forti sarà difficile disporre tutte le molecole in maniera ordinata per ottenere poi il congelamento.

47

Innalzamento ebullioscopico

La seconda proprietà che andiamo ad analizzare è l'innalzamento della temperatura di evaporazione. Un esempio quotidiano di questo fenomeno, è il fatto che se buttiamo del sale nell'acqua bollente, questa smette di bollire per riprendere poco dopo. Ciò è dettato dal fatto che mentre l'acqua bolle, rimane ad una temperatura costante di 100°C; aggiungendo il sale, la soluzione che si crea (acqua + sale) bollirà ad una temperatura più alta. Infatti se lasceremo la soluzione sul fuoco per qualche minuto, la sua temperatura aumenterà e inizierà a bollire.
Anche qui il cambiamento è determinato dalla formazione di legami, che impedisce alle molecole di allontanarsi dalle altre alle quali si è legata, quindi il solvente impiegherà più tempo a evaporare.

Continua la lettura
57

Cambiamento osmotico

Un'altra proprietà è la pressione osmotica. Purtroppo nella vita quotidiana non si hanno particolari evidenze di questa di questa proprietà. La pressione osmotica è, in poche parole, la pressione che le particelle di soluto esercitano su una membrana semipermeabile che divide una soluzione dal solvente puro.

67

Abbassamento della tensione

L'ultima proprietà è l'abbassamento della tensione di vapore. La tensione di vapore è la pressione che la fase gassosa di una soluzione esercita sulla sottostante fase liquida. Se per esempio prendiamo una pentola d'acqua, la copriamo e la facciamo bollire, la tensione di vapore sarà la pressione che il vapore esercita sul'acqua.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un qualunque libro di chimica generale saprà darvi utili consigli a riguardo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Calcolare Il Punto Di Congelamento E Il Punto Di Ebollizione Di Una Sostanza

Se decidiamo di aggiungere un soluto in un liquido (ad esempio il glucosio), si verificano come reazione chimica due fenomeni: l’aumento del punto di ebollizione (innalzamento ebullioscopico) e la diminuzione del punto di congelamento della soluzione...
Superiori

Come determinare il peso molecolare di una sostanza da misure crioscopiche

Il peso molecolare di un composto chimico è la massa di una singola molecola di tale composto, espressa in unità di massa atomica (UMA o Dalton). Il peso molecolare può essere calcolato come la somma delle masse atomiche di tutti gli atomi costituenti...
Superiori

Come calcolare il punto di ebollizione attraverso la molalità

In chimica spesso è necessario eseguire l'analisi delle soluzioni. Una soluzione è costituita da almeno un soluto in dissoluzione in un solvente. La molalità rappresenta la quantità di soluto nel solvente. Un molalità più elevata aumenta il punto...
Superiori

Appunti di chimica: come esprimere la concentrazione

Si sa, la chimica è una materia tosta e ingegnosa; tuttavia il suo studio può risultare semplice e lineare se ci serviamo di appunti e di metodi che ci semplificano la sua comprensione. Se siete molto confusi sull'argomento "concentrazione", vi trovate...
Superiori

Come calcolare la percentuale in peso di una soluzione

Per calcolare la percentuale in peso di una soluzione, è importante avere le nozioni basilari della chimica. La chimica è una scienza che abbraccia molte materie, come la fisica e la matematica ed è abbastanza vasta e complicata. Le soluzioni in genere,...
Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
Superiori

Come calcolare la concentrazione di un sale

Molte materie come la matematica, la fisica e la chimica, rimangono nell'arco degli anni scolastici come materie abbastanza difficoltose per decine e decine di studenti, che non si applicano in maniera logica e continuativa nello studio. All'interno di...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari utilizzando la percentuale di massa

Un soluto si dissolve in un solvente per fare una soluzione. La concentrazione indica quanto di un composto o miscela è disciolto nella soluzione e si puó esprimere in vari modi. Le frazioni molari si riferiscono al rapporto fra numero di moli di soluto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.