Chimica: la legge di Dalton

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La legge di Dalton prende il nome dal famoso chimico John Dalton, che la formulò nel lontano 1807. Negli anni precedenti a questa formulazione il chimico cercò di dare spiegazioni inerenti l'atomo avvalendosi delle tre leggi fondamentali della chimica: la legge di Lavoisier, relativa alla conservazione della massa; la legge delle proporzioni definite di Proust; e infine la legge delle proporzioni multiple, formulata per la prima volta dallo stesso Dalton nel 1804. In sostanza, la legge di Dalton studia il comportamento dei gas quando confluiscono in un’unica miscela. Afferma che la pressione totale della miscela stessa è data dalla somma delle pressioni parziali dei vari gas, sommate insieme. Al fine di comprendere questo meccanismo occorre però studiare la natura e le caratteristiche di ogni gas e approfondire vari argomenti relativi alla chimica. Vediamo quindi in questa guida quali sono i principi della legge di Dalton.

26

Enunciato della legge di Dalton o delle pressioni parziali

Innanzitutto scopriamo cosa afferma l'enunciato di questa legge, anche conosciuta come legge delle pressioni parziali. L’enunciato accademico della legge afferma che "la pressione totale di una miscela gassosa è costituita dalla somma delle pressioni parziali dei vari gas che la costituiscono, mentre la pressione parziale di ogni costituente della miscela in oggetto è direttamente proporzionale alla quantità dello stesso contenuto nella miscela". Per fare un semplice esempio anche l’aria che respiriamo è una miscela composta da più gas: azoto contenuto in percentuale del 79%, ossigeno contenuto in percentuale del 20% e altri gas contenuti in percentuali inferiori all’1%.

36

Significato della pressione parziale di un componente

La pressione parziale di un componente che costituisce la miscela di cui sopra sta a indicare la pressione che quest'ultimo sarebbe in grado di applicare qualora occupasse da solo lo spazio, o meglio ancora il volume, dell'intera miscela. La pressione indicata con la lettera P, che viene associata a una miscela di gas, potrà essere così riassunta in formula come nella formula scientifica di Dalton.

Continua la lettura
46

Influenza della legge delle proporzioni multiple

In conclusione, la legge di Dalton afferma che ogni gas presente nella miscela, qualunque esso sia, si comporta come se nel volume totale non fossero presenti altri gas. I gas presenti nella miscela, infatti, non interagiscono l'uno con l'altro. La legge delle proporzioni multiple di Dalton relativa alle molecole (terza legge fondamentale della chimica), applicata ai gas, dà luogo al concetto delle pressioni parziali e alla legge di Dalton secondo la quale ogni gas esercita indipendentemente la propria pressione anche se facente parte di un miscuglio. La legge di Dalton è stata molto importante inoltre per riuscire a comprendere il comportamento dei gas anche all’interno di altri teoremi chimici.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il numero di atomi in una molecola

La molecola è un insieme di due o più atomi collegati tra loro attraverso un legame chimico. Si tratta di particelle che costituiscono quasi tutto ciò che abbiamo intorno e che a loro volta sono costituite da altri elementi. In chimica è possibile...
Superiori

Come calcolare il peso atomico di uno ione

Lo ione, teorizzato per la prima volta dal fisico e chimico britannico Michael Faraday nel 1830, viene definito come "entità molecolare elettricamente carica". Nella sostanza quando un atomo, un gruppo di atomi legati tra loro, od una molecola, cede...
Superiori

Massa atomica e massa molecolare: come si calcolano

La Massa Atomica è la somma di tutti i protoni, neutroni ed elettroni che insieme compongono un atomo o una molecola. La massa di un elettrone è molto piccola, quindi è trascurabile e non è inclusa nel calcolo. Questo termine è spesso usato per riferirsi...
Superiori

Come determinare il peso molecolare di una sostanza da misure crioscopiche

Il peso molecolare di un composto chimico è la massa di una singola molecola di tale composto, espressa in unità di massa atomica (UMA o Dalton). Il peso molecolare può essere calcolato come la somma delle masse atomiche di tutti gli atomi costituenti...
Superiori

Come determinare la composizione percentuale di un composto chimico

La chimica è una materia piuttosto interessante ma anche molto complicata e di difficile apprendimento se non si è portati. Per impararla al meglio occorrono moltissimi anni e tanto studio, unito a della pratica costante. Ma affinché lo studio porti...
Superiori

Appunti di chimica: le pile

La chimica è una materia complessa e allo stesso tempo interessante. Solo chi decide di intraprendere questa strada ne approfondisce le dinamiche, sviluppando poi studi specifici. Non possono mancare delle buone basi, che permettono di affrontare in...
Superiori

Appunti di chimica: la temperatura critica

Per molti studenti delle scuole superiori, soprattutto per quelli che hanno scelto il Liceo Classico, la chimica non rappresenta propriamente la materia preferita. Se approcciata nella maniera corretta però, questa materia è in grado di appassionare...
Elementari e Medie

Appunti di chimica: gli stati di aggregazione

Le molecole di tutti i corpi sono in continuo movimento. Le caratteristiche di questo moto, in fondo, sono diverse a secondo che il corpo sia un solido, un liquido o un gas. Tuttavia va precisato meglio la differenza tra questi tre stati di aggregazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.