Chimica inorganica: la nomenclatura

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La chimica inorganica è quella parte della chimica generale che studia gli elementi, la sintesi e la caratterizzazione dei composti inorganici, ossia tutti quei composti chimici in cui risultano assenti atomi di carbonio, o in cui il carbonio non presenti numero di ossidazione superiore o uguale a +4 (l'unica eccezione è costituita dal monossido di carbonio, considerato inorganico pur avendo numero di ossidazione inferiore a +4). La nomenclatura chimica è costituita da tutte quelle regole per denominare i diversi composti inorganici. Essa è regolamentata sin dal 1859 dalla dalla International Union for Pure and Applied Chemistry (IUPAC), che si occupa di aggiornare periodicamente le regole di nomenclatura chimica, ma esiste anche una nomenclatura tradizionale che segue regole diverse.   

26

Ossidi

Secondo la nomenclatura IUPAC, i composti binari vengono suddivisi in due gruppi: uno costituito da molecole che contengono l’ossigeno (ossidi), e l'altro costituito da molecole che non contengono ossigeno. Per descrivere le molecole contenenti l’ossigeno, si usa l'espressione "ossido" più il nome dell'elemento ossidato. Per esempio, se a essere ossidati sono il magnesio o il calcio, avremo rispettivamente un ossido di magnesio e un ossido di calcio (in formule MgO e CaO). Da notare che la lettera O, indicante l'elemento ossigeno, segue sempre la lettera (o le lettere, come in questo caso) che indicano l'elemento ossidato.

36

Idrossidi

Negli idrossidi troviamo la presenza di un metallo, legato a un gruppo alcolico -OH, il quale conferisce caratteristiche basiche al composto. Per denominare tali composti, basterà utilizzare l'espressione "idrossido" seguita dal nome del metallo. Se il metallo è il ferro, avremo un idrossido di ferro: in formule Fe (OH)2. In questo caso, la nomenclatura IUPAC apporta una precisazione alla nomenclatura tradizionale, definendo il composto un diidrossido, data la doppia presenza del gruppo -OH.

Continua la lettura
46

Ossiacidi

Gli ossiacidi sono composti formati dall'unione di acqua e anidridi, e il loro nome, nella classificazione tradizionale, deriva da quello dell’anidride. Per esempio dall'unione di anidride solforosa e acqua, avremo l'acido solforoso (in formule H2SO3). Tali molecole, nella nomenclatura IUPAC, sono dette rispettivamente acido triossosolforico e acido tetraossosolforico. In alcuni casi le molecole di acqua che possono reagire con l’anidride sono più di una, per questo motivo si aggiunge il prefisso meta- se si aggiunge una sola molecola d'acqua, piro- con due e orto- con tre. Per esempio dalla reazione P2O5 + H2O otterremo 2HPO3, ovvero un acido metafosforico.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Dare La Nomenclatura Ai Derivati Disostituiti Del Benzene

Una vasta ed importante famiglia di composti chimici, è quella raggruppante i derivati disostituiti, vale a dire contenenti due sostituenti del benzene, i quali trovano largo impiego in laboratorio proprio per le loro pregevoli proprietà ed utilità....
Superiori

Come dare la Nomenclatura ai derivati monosostituiti del benzene

Tutti i composti che contengono un anello benzenico, sono aromatici e derivati; i ​​sostituiti di benzene del costituiscono la maggior classe dei composti aromatici. Molti di questi composti sono denominati collegando il nome del sostituente come...
Superiori

Nozioni elementari di chimica

La chimica è una scienza alquanto complessa che si occupa di studiare la composizione, le proprietà, i comportamenti e i modi di reagire della materia. Esistono varie branche che compongono quest'affascinante materia e si specializzano in diversi campi....
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
Superiori

Appunti di chimica organica

La Chimica Organica è generalmente quella parte della chimica che si occupa dei composti del carbonio. In origine essa trattava solamente i composti derivanti dagli esseri viventi, da cui deriva appunto il termine "organica" e solo successivamente si...
Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
Superiori

Chimica: la legge di Dalton

La legge di Dalton prende il nome dal famoso chimico John Dalton, che la formulò nel lontano 1807. Negli anni precedenti a questa formulazione il chimico cercò di dare spiegazioni inerenti l'atomo avvalendosi delle tre leggi fondamentali della chimica:...
Superiori

Come fare una relazione di chimica

Per chi si inoltra per la prima volta nello studio della chimica, questa materia scientifica potrà sembrare ostica. Se non addirittura inaccessibile. Eppure i suoi elementi sono affascinanti e tutti concatenati. Tali da diventare, con lo studio e la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.