"Casa di bambola" di Henrik Ibsen: analisi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Su questo articolo leggerete lo studio minuzioso e un analisi attenta di ''Casa di bambola'' dello scrittore Henrik Ibsen. Nel codesto di tipo drammatico ci sono diverse divulgazioni di sentimenti d'amore, dello tradire, delle amicizie e dell'emancipazione. La raffigurazione recitata a quei tempi fu molto disprezzata, perché diede alla luce argomenti sul femminismo che ai quei tempi era un tabù.

25

I personaggi

Lo scrittore scrisse questo libro nel lontano 1879 il quale venne presentato in una prima di un palco teatrale, nel mese di gennaio dell'anno stesso. Come abbiamo accennato precedentemente tratta temi sul femminismo e sul ruolo della donna che aveva ai quei tempi e sopratutto anche il ruolo dell'uomo e della donna nella vita matrimoniale. I protagonisti della storia prendono nome come Nora, una donna sposata capricciosa che tende ad avere una ribellione nei confronti della società borghese; poi c'è Torvald Helmer il marito della donna il quale la considera come un oggetto da usare a casa; il dottore Rank che è un fedele amico di Nora; Krogstad un uomo che minaccia Nora per dei soldi che egli imprestò alla donna; la signora Lindie, Anna Marie la tata dei figli e i tre figli di Helmer.

35

Atti di cui è diviso il libro

Casa di bambola è un dramma in prosa suddiviso in tre atti. Nel primo atto, di Casa di bambola di Henrik Ibsen, Nora racconta ad una sua amica che si è indebitata per poter curare il marito malato. Il marito Torvald, diventato direttore di banca, deve licenziare un segretario che falsificava le cambiali. Questo segretario però sarebbe proprio il creditore di Nora, che la ricattava dicendole che avrebbe confessato tutto al marito, essendo lui all'oscuro di tutto. Nel secondo atto, di Casa di bambola di Henrik Ibsen, vediamo Nora che non riesce a convincere Torvald a non licenziare il segretario. A questo punto Krogstad decide di mandare una lettera al marito di Nora raccontandogli la vicenda. Quando Torvald scopre l'accaduto, viene preso dall'ansia e dalla preoccupazione per la propria reputazione. Egli accusa la moglie di essere stata una traditrice e la allontana dai suoi figli, senza capire che quel gesto era stato dettato dall'amore che sua moglie ha per lui. Nel terzo e ultimo atto, di Casa di bambola di Henrik Ibsen, Kristin un'amica di Nora, dichiara di volersi sposare con Krogstad. Grazie a questo gesto il ricatto viene annullato. In quel preciso istante, Torvald si sente sollevato e perdona immediatamente la moglie, dicendole di poter restare a casa. Nora a quel punto però, sentendosi delusa e trattata come una bambola, prende la decisione di andare via di casa per cercare la sua vera identità.

Continua la lettura
45

Trama del libro

Questo libro descrive una vota di una donna che è obbligata a far parte di una società di cui non ne fa parte personalmente, ma si concentra sopratutto sul tema di come era trattata la donna in generale a quei tempi. In quei anni un uomo lasciato dalla moglie era una cosa impensabile da pensare e figuriamoci da fare.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete il dramma per capire al meglio tutti i personaggi e i loro comportamenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Cosa fare se il tuo bambino non vuole andare a scuola

Fare i genitori è il mestiere più difficile al mondo. Bisogna incutere fiducia ai propri bambini, sin dalla nascita; se si riesce in questo sarà più facile crescere i propri figli serenamente. Se i bambini si sentiranno sicuri e protetti dai genitori...
Superiori

Appunti sulle tragedie di Sofocle

Sofocle, ad oggi considerato uno dei più rilevanti poeti tragici della Grecia antica, nacque nel 496 a. C. in un sobborgo di Atene, Colono. Era figlio di un ricco uomo di Atene di nome Sofillo, e proprio grazie alla sua posizione agiata godette di un'ottima...
Università e Master

Macbeth di William Shakespeare in pillole

Macbeth è probabilmente, insieme ad Amleto, la più famosa tragedia scritta da William Shakespeare. L'opera fu sicuramente scritta tra il 1603 e il 1607, anche se comunemente viene datata 1606. Scritta per il teatro, venne probabilmente messa in scena...
Superiori

Storia: breve analisi de "La coscienza di Zeno"

In questa guida vi farò una breve analisi della storia de "la coscienza di Zeno". La coscienza di Zeno è un romanzo ambientato a fine '800 inizio '900, è una delle opere più importanti, anzi forse proprio la più importante di Italo Svevo. La prima...
Elementari e Medie

La Signoria degli Sforza a Milano

La Signoria degli Sforza è stata una rinomata famiglia di Milano che ha acquisito una notevole importanza nel capoluogo lombardo alla fine del Medioevo, nel XV secolo. Il nome di questa famiglia è dovuto all'iniziatore della stessa, ovvero Muzio Attendolo,...
Superiori

Le commedie di Terenzio

Publio Terenzio Afro nacque all'incirca nel 185 a. C. A Cartagine e fu uno scrittore di commedie latine intorno al 165 a. C. Morì a Stinfalo nel 159 a. C. Nelle sue opere troviamo per la prima volta il concetto di humanitas, tipica del circolo degli...
Superiori

Storia: il femminismo in Occidente

Il femminismo è un movimento che condanna la discriminazione del sesso femminile. Oggi molto meno sentito, il femminismo ha svolto negli anni addietro un ruolo importante, che ha permesso alle donne di conquistare alcuni dei diritti che posseggono oggi....
Superiori

Appunti su John Milton e il "Paradiso Perduto"

La letteratura è piena di scrittori che hanno lasciato traccia del loro pensiero attraverso le loro opere più famose. Studiare la vita di questi autori puo' aiutarci enormemente a comprendere meglio le scelte operate durante la stesura dei testi, capire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.