Caratteristiche e proprietà dei metalli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se fate parte della schiera di studenti che dovranno studiare durante il periodo estivo perché sono stati rimandati in qualche materia di sicuro non vi invidio.
Senz'altro tra di voi ci sarà chi è costretto a studiare la chimica.
So cosa starete pensando:" è difficile, non la capisco, è inutile" e chissà quant'altro, beh novità, non è così come sembra.
La chimica, se saputa spiegare adeguatamente bene, non solo non è difficile ma può risultare addirittura divertente!
la comprensione di tanti fenomeni chimici vi aprirà la mente per quanto riguarda normali fenomeni con i quali abbiamo tutti i giorni a che fare.
Vorrei dedicare questo spazio alla spiegazione delle proprietà e delle caratteristiche dei metalli.
Andremo a vedere nel dettaglio i metalli leggeri, quelli preziosi, quelli ferrosi e malleabili e le loro caratteristiche fisico-chimiche, meccaniche e tecnologiche.

26

Metalli leggeri e preziosi

Prendendo sotto mano una tavola periodica degli elementi non ci risulta difficile notare come tutti gli elementi presenti siano suddivisi secondo una certa logica.
I metalli si suddividono in leggeri, preziosi, ferrosi e malleabili.
I metalli leggeri che si caratterizzano per il loro ridotto peso specifico; tra questi possiamo annoverare le leghe in alluminio, quelle di magnesio e e l'elektron.
I metalli preziosi sono, invece, metalli che si trovano più raramente in natura e che hanno un valore economico nettamente maggiore rispetto agli altri; tra questi ricordiamo in primis l'oro, l'argento e, ad esempio, il platino.

36

Metalli ferrosi e malleabili

I metalli ferrosi sono così chiamati perché ottenuti da fusioni di ferro. La loro caratteristica principale è data dal fatto che sono formati da leghe di ferro e carbonio. Tra di essi evidenziamo ad esempio la lega di ottone, formato da rame e zinco.
La malleabilità, da non confondere con la duttilità, è la proprietà intrinseca di un metallo di subire delle deformazioni senza cedere alla rottura. I metalli più malleabili sono, ad esempio, l'oro, l'argento e l'alluminio.

Continua la lettura
46

Proprietà fisiche e chimiche dei metalli

Sono riferite alla natura del metallo stesso, ovvero si tratta di proprietà insite materiale. Tra queste proprietà ricordiamo la conduttività termica ed elettrica, la sua massa volumica, il calore specifico, a dilatazione termica e la temperatura di fusione.

56

Proprietà meccaniche dei metalli

Le caratteristiche meccaniche di un metallo sono quelle che gli permettono di resistere alle sollecitazioni delle forze esterne. Queste caratteristiche sono importanti in quanto permettono al metallo di opporsi alle forze di trazione, di compressione, flessione, torsione etc..

66

Proprietà tecnologiche dei metalli

È la proprietà di un metallo di subire delle variazioni a seguito di lavorazioni particolari.
Parliamo in questo caso di fusibilità, caratteristica che permette al metallo di fondere, saldabilità che si ha quando due metalli sono in grado di unirsi tra di loro attraverso una saldatura, piegabilità, etc.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti: chimica inorganica

Appunti: Chimica Inorganica, è quella branca, che si divide dalla chimica organica, e si occupa dello studio degli elementi, della sintesi e della caratterizzazione delle sostanze inorganiche. Rimangono quindi esclusi da questo studio (ad eccezione di...
Superiori

Come riconoscere i metalli dai non metalli

Il titolo che accompagna la guida è molto chiaro, e ci fa comprendere immediatamente la tematica che verrà trattata nei prossimi passi. Andremo, infatti, a spiegarvi in pochi passi come poter riuscire a riconoscere i metalli dai non metalli. Cominciamo...
Superiori

Fisica: conduttori e isolanti

Le sostanze nella materia di fisica, vengono sempre suddivise in due categorie, quelle isolanti e quelle conduttori. Con l'evolversi degli studi, i matematici e gli scienziati, sono arrivati alla conclusione soltanto i metalli non potevano essere conduttori...
Superiori

Come dimostrare la legge di Lavoisier

La legge di Lavoisier, meglio nota come "legge di conservazione della massa", afferma che durante una qualsiasi reazione chimica, avvenuta in un sistema chiuso, la massa delle sostanze messe in relazione resta invariata, sia prima che dopo la loro trasformazione...
Superiori

Come leggere una tavola periodica

La tavola periodica è stata ordinata per la prima volta dallo studioso e scienziato Mendeleev, il quale capì che gli elementi chimici avevano fra loro delle caratteristiche simili, e via via che studiava nuovi elementi, decise di accostarli per queste...
Università e Master

Come dare la Nomenclatura Tradizionale Agli Ossidi

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna dare oppure applicare la nomenclatura tradizionale agli ossidi. Specificatamente,...
Superiori

Appunti di chimica: i legami

La chimica spesso risulta di difficile comprensione e spesso non è un materia particolarmente gradita agli studenti delle scuole superiori: il motivo di questa sorta di antipatia verso tale scienza sta nel fatto che la descrizione dei fenomeni mediante...
Università e Master

Come dare la nomenclatura Iupac ai composti ossidi

Durante i cinque anni di liceo tutti gli alunni, specialmente coloro che frequentano il liceo scientifico, devono affrontare il tanto temuto capitolo della Nomenclatura, cioè del dare i nomi specifici ad ogni elemento e composto chimico. Esistono diversi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.