Calcolo Combinatorio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di numeri, in quanto, come avrete compreso dal titolo stesso che la contraddistingue, andremo a spiegarvi il Calcolo Combinatorio. Cominciamo subito le nostre argomentazioni.
Siete anche voi alle prese con lo studio del famigerato “calcolo combinatorio” e non sapete dove sbattere la testa? Non agitatevi, con un po' di pazienza ed applicazione riuscirete anche voi ad impadronirvi di questa affascinante materia, basta avere ben chiari i concetti di base, che alla fin fine sono pochi e molto logici.

25

Le permutazioni

Come abbiamo appena spiegato all'interno del passo che è andato a introdurre la guida, ora ci dedicheremo a spiegarvi il funzionamento del calcolo combinatorio. Non perdiamo tempo e cominciamo le valutazioni su questo argomento, partendo dalle permutazioni.
Permutazioni P (k) = n! Sono tutte le possibili maniere di disporre n elementi distinti in successione; sono pertanto semplici tutti quegli insiemi differenti proprio per l’ordine degli elementi. Di conseguenza si definiscono permutazioni con 1 o più elementi di ripetizione P'(n, m, r) = n!/m!/r! Oppure P'(n, m, r,) = n! / (m!*r!*).

35

Altre combinazioni

Laddove invece l’ordine non è il criterio dirimente avremo delle combinazioni, caratterizzate invece dalla natura degli elementi, con k minore uguale a n inteso per n elementi di classe k, che a loro volta si distinguono in semplici (gli oggetti non si ripetono ed il coefficiente binominale identifica le combinazioni di n elementi disposti nei raggruppamenti k): C (n, k) = D (n, k) / P (k) o con ripetizione: C'(n, k) = C (n+k-1, k, laddove per contro gli oggetti si possono ripetere come ad esempio in classe 3 (3 elementi): aaa, bbb, ccc.
Per poter riuscire a completare un quadro sintetico della materia, proprio a proposito della tematica dei coefficienti binominali, vi consiglio di incrementare le vostre esercitazioni su questa tematica, specie nell'applicazione della formula di ricorrenza. Concentratevi sulla proprietà di Stiefel, così da poter affrontare con preparazione tutti i test.

Continua la lettura
45

Esempi pratici

Riuscire a calcolare in quali e in quante modalità si possono riuscire a raggruppare degli elementi o degli oggetti è la funzione del calcolo combinatorio. Praticamente, cercando di porre in essere un esempio tangibile, il calcolo combinatorio ci serve per comprendere in quali modalità un determinato evento può materializzarsi, specie in elementi di gioco, e quindi probabilistici e statistici.
I concetti di base della materia sono i seguenti: un raggruppamento si distingue sulla base di 2 fondamentali caratteristiche: 1. Ordine con cui sono disposti gli elementi (indicati con numero o lettera); 2. Possibilità di ripetizione degli elementi stessi. Ciò premesso le categorie risultanti possono essere: disposizioni semplici D (n, k) in quanto contengono elementi differenti fra loro non soggetti a ripetizione; disposizioni con ripetizione D'(n, k) = nk quando invece un elemento (o oggetto) può presentarsi fino a K volte.
In ultima analisi, eccovi un link utile: http://www.youmath.it/lezioni/probabilita/calcolo-combinatorio.html.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti su Italo Calvino

Ora tratteremo uno degli scrittori più importanti del 1900 in Italia, ovvero Italo Calvino. Attraverso le due guerre mondiali, Calvino assunse uno spazio importante come voce di spicco della cultura italiana, proseguendo poi nel dopoguerra. Al confine...
Superiori

Come Determinare Il Fattoriale Di Un Numero

Il fattoriale rappresenta un'operazione matematica da eseguire con un numero naturale. Ogni fattoriale viene indicato con la lettera "n" e costituisce il prodotto dei numeri da "1" ad "n". La presente tipologia di calcolo risulta importante, poiché rappresenta...
Superiori

Come calcolare la potenza di un binomio con il triangolo di Tartaglia

Particolarmente utilizzato nell’ambito del calcolo combinatorio e definito come una disposizione geometrica di coefficienti binomiali, il Triangolo di Tartaglia detto anche Triangolo di Pascal in matematica, permette di calcolare una qualunque potenza...
Superiori

Come Costruire I Numeri Di Stirling

James Stirling rappresentó precisamente un importante e famoso matematico di origine scozzese che ha vissuto nel Settecento, il quale ha dedicato la sua vita e la sua competente esperienza allo studio del calcolo fattoriale e di quello combinatorio,...
Superiori

Antologia: la poesia

"Non leggiamo o scriviamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana". Così dice ai suoi allievi il professor Keating nel "L'Attimo fuggente", esprimendo quel bisogno di poesia che è insito nell'essere...
Superiori

Come individuare un poliptoto

Imposteremo la guida su quattro differenti passi, con l'obiettivo finale di riuscire a spiegarvi come individuare un poliptoto. Possiamo incominciare con la nostra serie di argomentazioni su questa tematica che ritengo essere particolarmente interessante.Le...
Superiori

Come riconoscere le figure retoriche

Quando si ha poca dimestichezza con le figure retoriche puó risultare arduo identificarle. Se poi ci si ritrova a dover affrontare l'analisi formale di una poesia o un testo, pur riconoscendole, è facile confonderle. Impiegate in poesia ma anche in...
Superiori

Come Individuare Un Anacoluto

L'anacoluto è una figura retorica che nasce dall'esigenza di conferire un particolare effetto stilistico ad una frase. Consente di esprimere un pensiero, collegare idee e concetti, in maniera spedita e piú diretta, dando maggiore spontaneitá al parlato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.