Breve guida a La coscienza di Zeno di Italo Svevo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Coscienza di Zeno è l'opera più conosciuta di Italo Svevo. Pubblicata nel 1923, non ebbe inizialmente grande successo a causa delle condizioni storiche e culturali di quell'epoca. L'insuccesso fu anche causato dalle novità che l'opera stessa riportava: le scoperte freudiane sull'inconscio e la psicoanalisi, il racconto in prima persona (allora poco usato) e l'uso del monologo interiore del personaggio, l'allontanamento dal romanzo ottocentesco, la scrittura talvolta ambigua ed il realismo critico. A tal proposito, nella guida che segue vi sarà spiegato in breve la coscienza di Zeno di Italo Svevo.

27

Occorrente

  • Libro
37

Analizzate i vari capitoli

La coscienza di Zeno ha come protagonista Zeno Cosini, il quale redige la storia della sua malattia. La malattia di cui si parla è la nevrosi. Già nel preambolo, il primo degli otto capitoli da cui l'opera è formata, Zeno, ormai anziano, sostiene che dovrebbe utilizzare la scrittura come una possibile cura che possa salvarlo dalla malattia, la quale trova la sua massima espressione nei capitoli II e III, intitolati rispettivamente Il fumo e La morte di mio padre. Nel primo, Zeno spiega quale sia uno dei suoi principali vizi, il fumo, e la propria volontà di smettere che però è segnata da un'innumerevole fila di "ultima sigaretta". Il suo continuo rimandare è una palese dimostrazione della sua nevrosi. La morte di mio padre mostra una delle scene più ricordate dell'intera opera: lo schiaffo che il padre morente da al figlio stesso, Zeno. Il gesto viene interpretato da Zeno come l'estrema punizione da parte del padre, con il quale aveva un rapporto edipico, basato su una reciproca ostilità. Zeno mostrerà, d'ora in poi, un continuo senso di colpa, che lo accompagnerà per tutta la vita.

47

Capite la relazione tra i protagonisti

Fino al termine del terzo capitolo, la storia non segue un ordine cronologico; anche questo fu uno dei motivi dell'insuccesso dell'opera, poiché il lettore non era abituato a sbalzi temporali. A partire dal quarto capitolo, Storia del mio matrimonio, e proseguendo per i successivi 2 capitoli, quali La moglie e l'amante e Storia di un'associazione commerciale, l'ordine cronologico viene maggiormente rispettato. Nel capitolo IV si parla del matrimonio tra Zeno Cosini e Augusta Malfenti, una delle figlie di Giovanni Malfenti, abilissimo uomo d'affari, ammirato da Zeno per le sue doti. Giovanni ha 4 figlie, la prima delle quali, Ada, è una donna virtuosa, oltre che bellissima, e fa innamorare di sé Zeno. Però la ragazza è già promessa sposa di un altro uomo, quindi Zeno sposerà Augusta, che nel frattempo si era innamorata di lui. Augusta sarà uno dei personaggi chiave dell'opera, che servirà a Zeno per distinguere, nell'ultimo capitolo di questo capolavoro, i sani dai malati. Il matrimonio di Zeno ed Augusta è fatto di continui tradimenti da parte di Zeno, che nel frattempo intrattiene una relazione con una povera fanciulla, Carla, la quale mercifica il proprio corpo.

Continua la lettura
57

Studiate la figura di Zeno

Nell'ultimo capitolo, Zeno parla di come è avvenuta la sua guarigione: dopo il suicidio del cognato, marito di Ada, Zeno è diventato un profittatore di guerra, poiché ha saputo aderire alla politica del comprare, e ciò ha determinato la sua fortuna economica. Infatti, nel capitolo VIII, parla Zeno anziano che spiega come la cura prescrittagli dal proprio dottore, chiamato dottor S., sia risultata fallimentare. La vera guarigione per Zeno è adeguarsi alla società ammalata che è, a sua volta, destinata all'autodistruzione. I veri sani, quindi, sono per Zeno coloro che vengono definiti malati. Buono studio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I veri sani, quindi, sono per Zeno coloro che vengono definiti malati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La produzione letteraria di Italo Svevo

Uno dei maggiori e più famosi scrittori italiani di tutti i tempi è senza ombra di dubbio Italo Svevo. Le sue opere opere vengono studiate da tutti e molte volte è stato anche scelto come traccia per gli esami di Stato; i suoi scritti svariano su molti...
Superiori

Svevo: vita e opere

Italo Svevo è uno degli scrittori del Novecento più conosciuti e più studiati. Le sue opere furono sicuramente influenzate dalla conoscenza di importanti filosofi come Schopenhauer, Darwin, Freud e Marx: egli riteneva che non bisognasse soffermarsi...
Superiori

Letteratura: la biografia di Italo Svevo

Uno dei grandi artisti della letteratura italiana è stato sicuramente Italo Svevo. Egli abbracciò la cultura mitteleuropea del novecento ed è stato anche un grande drammaturgo. Se volete avere più informazioni su questo grande autore, ecco a voi una...
Superiori

Breve analisi di "Senilità" di Italo Svevo

Italo Svevo, famoso pseudonimo di Ettore Schmitz, nacque a Trieste nel 1861. Venne mandato dal padre a studiare in Baviera. Fece ritorno nella sua città natale nel 1878 e trovò impiego in una banca, dove lavorò per vent'anni. Nel frattempo collaborò...
Superiori

La figura dell'inetto in Svevo

Il filo conduttore che connette tutti i romanzi di Svevo è il tema dell'inettitudine, incapacità di vivere pienamente, che si configura come malattia da cui i protagonisti sveviani sono affetti. Il male di vivere è un tema persistente, che accomuna...
Superiori

Breve sintesi della letteratura del '900

Agli inizi del '900 la letteratura si colloca in un clima di profonda delusione storica e di forte crisi economica e sociale. Una crescente esigenza di introspezione si coniuga con la voglia di individuare e percorrere nuove vie alternative, sradicando...
Elementari e Medie

Come iniziare a scrivere un diario

La scrittura di un diario è una forma narrativa dalle origini molto antiche. Basti pensare che già nel medioevo era diffusa, tra le popolazioni alfabetizzate, l'abitudine di registrare ogni piccolo evento autobiografico su libri denominati "libri di...
Superiori

Breve analisi di "Una vita" di Italo Svevo

Aaron Hector Schmitz, o meglio conosciuto come Italo Svevo, nasce a Trieste nel dicembre del 1861. Sin da giovane Svevo coltivò la sua passione per la letteratura, componendo il suo primo romanzo nel 1892 "Una Vita". In quest'opera narrativa, Svevo parla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.