Breve guida a Edipo Re di Sofocle

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Questa è una breve guida sul racconto di Sofocle. Ci troviamo ad Atene tra il 430 e il 420 a. C., viene messo in scena per la prima volta da lui il Ciclo Tebano, un gruppo di tragedie (ormai quasi tutte perdute) che racconta la storia mitologica della città di Tebe.
Del Ciclo Tebano fa parte Edipo Re di Sofocle, che racconta le vicende dell'eroe mitologico, dalla salita al trono alla sua morte. Prima di inoltrarci nelle avvincenti storie del suo regno però, scopriremo chi era Edipo nel racconto.

28

Le origini

La vicenda narra che Edipo nacque dall'unione tra Laio, a quel tempo re di Tebe, e sua moglie Giocasta.
Prima del concepimento di Edipo però, Laio e Giocasta non riuscivano ad avere figli e così il re fece visita all'oracolo di Delfi che gli rivelò la sua predizione: "Tu e Giocasta avrete un figlio, ma proprio questo figlio, una volta cresciuto, ucciderà te e sposerà tua moglie." Laio, sconvolto da quanto predetto, fece ritorno a casa e ripudiò sua moglie senza darle spiegazioni, lei allora in risposta lo fece ubriacare e i due finirono a letto insieme; lì fu concepito Edipo.

38

La partenza

Quando nacque il bambino, Laio lo prese e lo consegnò a un suo servo dandogli l'ordine di ucciderlo. Il servo però ebbe pietà di lui e lo portò al re di Corinto, Polibo e a sua moglie Peribea, che non potevano avere figli. Edipo fu così allevato dai due.
Quando però diventò grande, iniziò a sentire delle strane voci in giro riguardanti il fatto che lui non fosse il vero figlio del re, ma soltanto un trovatello. Il ragazzo iniziò a farsi delle domande e chiese spiegazioni a Peribea e Polibo, che infine gli rivelarono di averlo trovato in un bosco.
Edipo partì così alla volta dell'oracolo di Delfi al fine di conoscere la sua vera identità.

Continua la lettura
48

Il fattaccio

Quando si trovava ormai a metà strada, incontrò un carro che trasportava Laio, il suo vero padre; un servo diede ordine di far passare il carro per primo, ma Edipo decise di non obbedire e nacque un conflitto dove, per mano sua, proprio il re perse la vita. Edipo, ignaro di aver ucciso il re di Tebe, proseguì per la sua strada e arrivò all'oracolo, il quale rivelò anche a lui la tanto temuta profezia. Intanto a Tebe in quel periodo, già terrorizzata dalla Sfinge (un mostro che uccideva uno alla volta gli abitanti), giunse la notizia della morte di Laio, e allora il fratello di Giocasta, Creonte, venne eletto come successore. Quest'ultimo però rinunciò all'incarico e lasciò il posto vacante.
Edipo, appena giunto a Tebe, riuscì con l'astuzia a uccidere La Sfinge e fu eletto re.

58

Edipo Re

A questo punto inizia il racconto in Edipo Re, con la salita al trono di Edipo, che ovviamente porta anche al matrimonio con Giocasta, la sua vera madre. La profezia a questo punto si era avverata.
In quel tempo, Tebe era assediata da una forte pestilenza e così Edipo mandò Creonte a chiederne i motivi all'oracolo. Al suo ritornò annunciò che la città era infestata a causa della morte ancora misteriosa del vecchio re, perché l'assassino vivrebbe in città, e finché non fosse venuta fuori la verità non ci sarebbe stata pace per nessuno.
Edipo allora convocò un indovino, Tiresia, al fine di scoprire la verità sulla morte di Laio. L'indovino a quel punto accusò Edipo di essere l'assassino. Lui, sconvolto dalla rivelazione, pensò subito di essere vittima di un inganno inventato da Creonte e Tiresia per sottrargli il trono.

68

La verità

Intanto a Tebe giunse la notizia della morte di Polibo, padre adottivo di Edipo. Il ragazzo fu confortato dalla notizia, perché gli tornò in mente la profezia rivelatagli dall'oracolo e non si era rivelata vera, in quanto suo padre non era morto per mano sua. Gli tornò in mente però che gli fu detto anche che avrebbe sposato sua madre e allora chiese di lei all'ambasciatore della città. L'ambasciatore però era, -attenzione, attenzione!- il vecchio servo cui era stato ordinato anni fa da Laio di uccidere il piccolo Edipo, e così, dopo l'infinita insistenza del ragazzo, l'ambasciatore gli rivelò tutta la verità sulle sue origini.

78

La fine

Edipo capì così che tutto si era avverato e che quindi aveva anche sposato sua madre Giocasta, che nel frattempo aveva saputo tutto e si era impiccata.
Quando Edipo fece ritorno a casa, vide la povera moglie/madre e dalla disperazione si accecò gli occhi con le fibbie del vestito di lei.
Edipo realizzò che in un giorno solo aveva scoperto la sua identità e allo stesso tempo, avendo ucciso il suo vero padre e avendo sposato la sua vera madre, aveva commesso dei crimini che andavano oltre ogni limite e chiese di essere esiliato.

88

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve guida ad Amleto di William Shakespeare

L'Amleto è una dei drammi più conosciuti e citati dell'intero patrimonio artistico di Shakespeare. Il titolo di quest'opera ci indica il protagonista, Amleto, figlio del re di Danimarca, anch'egli di nome Amleto. Re Amleto fu assassinato dal fratello...
Superiori

Le Trachinie di Sofocle

Le Trachinie di Sofocle sono una delle tragedie più famose che ci ha lasciato il mondo antico. Verte sull'episodio finale della storia dell'eroe greco Eracle, Ercole in latino, dove la semi divinà sembra essere stato ingannato da uno stratagemma escogitato...
Superiori

Saggio breve: guida alla stesura

Ecco una bellissima ed anche molto interessante guida, attraverso il cui aiuto concreto, poter essere in grado d'imparare come eseguire un saggio breve, senza incorrere in errori e sbagli, che finirebbero con il compromettere l'intera stesura dello stesso....
Superiori

Breve guida a "I promessi sposi" di Manzoni

Ecco qui, pronta a tutti gli studenti, ma non solo, anche a tutti coloro i quali sono dei veri e propri appassionati di letteratura italiana, una breve guida, pratica e del tutto veloce, attraverso il cui aiuto, poter capire meglio i famosi ed anche intramontabili,...
Superiori

Breve guida a La coscienza di Zeno di Italo Svevo

La Coscienza di Zeno è l'opera più conosciuta di Italo Svevo. Pubblicata nel 1923, non ebbe inizialmente grande successo a causa delle condizioni storiche e culturali di quell'epoca. L'insuccesso fu anche causato dalle novità che l'opera stessa riportava:...
Superiori

Breve guida a La fattoria degli animali di George Orwell

"La fattoria degli animali" è una tra le opere più celebri della letteratura del novecento scritta da George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair, scrittore inglese nato in India nel Commonwealth britannico; scritta nel 1945, anno in cui finì la...
Superiori

Breve guida sull'arte medievale

Prima di parlare di arte medievale bisogna definire il periodo storico del Medio Evo. Quest'ultimo inizia dal 476, ma dal punto di vista artistico è una data troppo avanzata. L'arte medievale è legata strettamente alla religione. Infatti, essa domina...
Superiori

Breve guida alla poetica di Pascoli

Giovanni Pascoli è tra i poeti più importanti della letteratura italiana del Novecento. La sua poetica è conosciuta come le sue opere, in quanto rientra tra gli autori del novecento più studiati. Trattandosi di uno dei letterati più moderni, le sue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.