Breve biografia di Camillo Benso Conte di Cavour

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Camillo Benso, conte di Cavour, è uno dei maggiori protagonisti del Risorgimento e dell’Unità d’Italia. Convinto sostenitore delle idee liberali, del progresso civile ed economico e dei movimenti nazionali. Diviene primo ministro del Regno di Sardegna e primo Presidente del Consiglio dei Ministri del governo italiano. È l’artefice della politica che porta il piccolo stato regionale piemontese a unificare la penisola. Ecco una breve biografia. Vediamo dunque come affrontare questo argomento che riguarda la vita privata di Camillo Benso Conte di Cavour.
Per aiutarci nella ricerca possiamo anche consultare un sito come questo. http://www.treccani.it/enciclopedia/camillo-benso-conte-di-cavour_(Enciclopedia-dei-ragazzi)/

25

I primi studi

Camillo Benso Conte di Cavour nasce il 10 agosto 1810 a Torino, in quel momento capoluogo di un dipartimento dell'impero napoleonico. Assapora fin da giovane la vita militare, diventando ufficiale fino al 1831. Quando cioè, decide di girare l'Europa per conoscere meglio gli effetti della rivoluzione industriale che lo portano ad assorbire i principi del sistema liberale britannico. Dopo 4 anni rientra in Piemonte e si occupa di agricoltura e più in generale di economia, dedicandosi alla diffusione di scuole. La sua attività commerciale e bancaria, lo consolidano come uno degli uomini più ricchi del Piemonte. Ecco qualche approfondimento relativo al Conte. http://www.treccani.it/enciclopedia/camillo-benso-conte-di-cavour/

35

La vita politica

La vita politica di Camillo Benso Conte di Cavour inizia con la fondazione del quotidiano "Il Rinascimento" nel 1847. Secondo il suo pensiero, il processo di sviluppo economico e sociale, da lui promosso degli anni precedenti, si sarebbe potuto attuare soltanto a seguito di una profonda ristrutturazione delle istituzioni politiche. Nel 1850, dopo essersi messo in luce sostenendo la legge Siccardi (che prevedeva la diminuzione dei privilegi del clero), Camillo Benso viene nominato ministro dell'agricoltura, del commercio e della marina, sotto il governo D'Azelio. In seguito viene nominato ministro delle Finanze, mettendosi in luce per le sue abilità in materia di economia. Assume quindi un ruolo sempre più di spicco nella vita politica, fino a diventare presidente del Consiglio il 4 novembre 1852.
In questo sito sono presenti sicuramente dei dettagli aggiuntivi, http://cronologia.leonardo.it/storia/biografie/cavour.htm

Continua la lettura
45

Il programma politico

Il programma politico di Camillo Benso Conte di Cavour, mira a fare del Piemonte uno Stato costituzionale basato su un liberalismo misurato e progressivo. Perciò si dedica ad un rinnovamento radicale dell'economia. Modernizza e valorizza l'agricoltura, mediante la diffusione dell'utilizzo di prodotti chimici, ad un sistema di canalizzazione dell'acqua evitando periodi di carestia e facilitando il trasporto di merci.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare le biografie di Mazzini, Garibaldi e Vittorio Emanuele II

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come fare un tema sull'unità d'Italia

Per una buona stesura di un tema sull'Unità d'Italia è consigliabile seguire lo schema del testo argomentativo: un testo in cui si espone una tesi e la si argomenta con una serie di ragionamenti logici consequenziali e sostenuti da dati in modo da convincere...
Superiori

Adolf Hitler: biografia

Il massimo esponente del nazismo tedesco, Adolf Hitler, fu un uomo piuttosto sanguinario, uccidendo migliaia di persone per ottenere la cosiddetta "razza pura". Proprio per la sua inumanità e durezza di carattere, il suo nome rimase impresso nella storia...
Superiori

Il Risorgimento italiano: guida

Il Risorgimento italiano è un periodo storico molto importante per la nostra Nazione. Esso infatti ci ha portato alla formazione dello Stato unitario italiano per mezzo dei maggiori esponenti di quel periodo. Il RIsorgimento si concluse con l'occupazione...
Superiori

Appunti di storia: la destra storica

Alla morte di Camillo Benso Conte di Cavour, il 6 Giugno 1861, la classe dirigente era costituita dalla destra storica, formatasi come schieramento politico già nel 1849. Si trattava dell'insieme degli eredi di Cavour, chiamati così perché sedevano...
Superiori

Luigi XIV: biografia

Luigi XIV il Grande, che per sua volontà fu anche denominato "il Re Sole" della Francia, nacque a Saint-Germain-en-Laye nel XVII Secolo (nell'anno 1638) e morì a Versailles nel 1715, regnò in Francia dal 1643 al 1715 lasciando un'impronta nella storia...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Le conseguenze della seconda guerra d'indipendenza italiana

Nel diciannovesimo secolo l'Italia era stata divisa in diversi stati, che erano in competizione tra loro da oltre mille anni. I francesi, gli austriaci e gli spagnoli avevano dominato in Italia in periodi diversi; all'inizio delle guerre rivoluzionarie...
Superiori

Edmondo de Amicis: biografia

Noto ai più come l'autore del libro "Cuore", ad Edmondo De Amicis sono state dedicate scuole, strade e vie. La sua biografia ne fa uno degli italiani più piacevoli da studiare sia per i ragazzi che frequentano le scuole, sia per gli adulti che intendono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.