Breve analisi di "Senilità" di Italo Svevo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Italo Svevo, famoso pseudonimo di Ettore Schmitz, nacque a Trieste nel 1861. Venne mandato dal padre a studiare in Baviera. Fece ritorno nella sua città natale nel 1878 e trovò impiego in una banca, dove lavorò per vent'anni. Nel frattempo collaborò con "L'indipendente", lesse classici e scrsse novelle. Strinse amicizia con Umberto Veruda, al quale si ispirò per la creazione del personaggio Stefano Balli in Senilità. Proprio su "L'Indipendente" uscì a puntate nel 1898 Senilità. Nel 1905 la svolta: Svevo fece la conoscenza dello scrittore inglese James Joyce. Nel 1919 scrisse "La coscienza di Zeno", il suo terzo romanzo, pubblicato nel 1923, che riscosse un modesto successo. Lo scrittore morì nel 1928 a seguito di un incidente stradale. Se volete saperne di più su ''Senilità'', di seguito vi sarà fornita una breve analisi.

26

Occorrente

  • Libro ''Senilità'' di Italo Svevo
36

Come è composto il romanzo

Senilità è il racconto dell'avventura amorosa vissuta dal protagonista, Emilio Brentani, sulle vie di Trieste. Viene definito un romanzo quadrangolare poiché compaiono 4 personaggi: Emilio, Angiolina, Balli, Amalia. Emilio è un impiegato piccolo borghese che pensa di potersi proteggere dalle disgrazie, restando chiuso in casa, assistito dalla povera Amalia (sua sorella), non più giovane e affatto bella. Il protagonista si accontenta di sognare ad occhi aperti, teme il sesso e la donna fino ad idealizzarla, dimostrando in questa maniera tutta la sua immaturità. Un giorno, però, incontra Angiolina, una bella popolana piena di vita e se ne innamora.

46

In che modo si sviluppa il racconto

Emilio si affligge poiché vorrebbe essere come il suo amico Balli: un artista senza successo, ma che compensa gli insuccessi con le fortune personali, specialmente con le donne. L'amico possiede tutto ciò che a Emilio manca, ovvero forza, sicurezza, carisma. Non riuscendo ad imitare l'amico, gli chiede aiuto. L'intervento di Balli tra i due amanti e tra fratello e sorella ha degli effetti disastrosi. Infatti entrambe le donne si innamorano di lui. Inutilmente Emilio cerca di allontanarlo da Angiolina, ma con facilità riesce a separarlo dalla sorella, che segretamente si prepara la sua morte con l'etere profumato.

Continua la lettura
56

Cosa rappresentano i personaggi

La sorella prende la polmonite, Emilio chiede di nuovo aiuto all'amico per assisterla e intanto scopre un nuovo tradimento di Angiolina. Così lascia la sorella, ma ritorna di nuovo da lei e le resta accanto finché chiude gli occhi. L'evoluzione degli eventi mette in risalto l'animo debole di entrambi gli uomini. Emilio rappresenta la figura dell'inetto in Svevo, la vittima degli eventi. Balli è il classico presuntuoso che cerca di nascondere i propri limiti con l'esaltazione di sé. A causa di varie circostanze, i due amici si allontaneranno e il protagonista vivrà una senilità mentale e precoce ritrovandosi da solo, a rimuginare sugli eventi passati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete più volte il romanzo per captare nuove sfumature di significato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.