Breve analisi di Pianto antico di Giosuè Carducci

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La letteratura fa parte dell'ampio bagaglio della cultura italiana. Più specificamente la poesia ha avuto uno sviluppo progressivo senza eguali. Oggi, attraverso lo studio, si sviluppa un quadro completo dell'elaborazione poetica nei secoli. Si analizzano e sciolgono i significati a volte complessi e nascosti dei costrutti di poeti di grande spessore. Pianto Antico, una tra le più belle e sofferte poesie di Giosuè Carducci, si compone di rime ed immagini. Attraverso questa costruzione l'autore narra i ricordi più belli del figlio e la terribile sensazione provocata dalla morte del piccolo. Ecco una breve analisi di Pianto Antico di Giosuè Carducci.

27

Occorrente

  • Poesia Pianto antico
37

Il tema

Pianto antico di Giosuè Carducci è un'ode anacreontica del 1871. Appartiene alla raccolta Rime nuove, dedicata al figlioletto Dante. Il piccolo morì in tenera età l'anno precedente, nel 1870. La metrica della poesia si compone di quattro quartine (con lo schema abbc). L'ultimo verso della prima quartina corrisponde sempre all'ultimo della seconda. L'aggettivo antico del titolo rivela il pianto di un padre inconsolabile per la scomparsa prematura del figlio. In analisi, la poesia narra un forte contrasto tra la gioia della vita e la tristezza della morte.

47

La figura retorica

Nella prima strofa, Giosuè Carducci descrive il bambino mentre raccoglie i frutti dall'albero del melograno. La pianta di melograno rifiorisce colori dell'estate dopo la morte del piccolo Dante. L'orto invece rimane muto e deserto (seconda e terza strofa). Nell'ultima strofa Giosuè Carducci, con un dolore lacerante, ricorda il figlio ormai sotto la terra fredda. Il sole ed i sentimenti d'amore non possono più svegliarlo. Nella poesia Pianto Antico si riscontrano 3 anafore e 2 metafore. Nelle metafore Dante, il figlio scomparso del Carducci, viene paragonato ad un fiore ed il padre ad un albero spezzato dal grande dolore. Inoltre si possono riscontrare altre figure retoriche tra cui il chiasmo (v.15/16) e l'enjambement.

Continua la lettura
57

La conclusione

Il dolore lacerante, in Pianto Antico di Giosuè Carducci, viene espresso con un pudore e con una compostezza molto intensi. Il Carducci adopera schemi della lirica settecentesca, discorsi nitidi ed ordinati per i ricordi più belli. In particolare, quello del figlio che corre verso il melograno e successivamente quello della morte. La scomparsa del figlio, per l'autore, non trova consolazione. Su quel maschietto aveva riposto tutte le sue speranze e tutti i suoi progetti. La morte di Dante per il Carducci si rivela un dolore insuperabile.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Analizza correttamente sia la struttura della poesia che il contenuto. Le frasi e le similitudini contengono il messaggio dell'autore
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il pianto antico di Carducci: parafrasi e commento

"Il pianto antico" è stato scritto nel 1871, e rappresenta un componimento della raccolta "Rime Nuove", scritto dal poeta e scrittore toscano Giosuè Carducci. Questa opera letteraria, in particolar modo costituisce la quarantaduesima, ed è stata pubblicata...
Superiori

La poetica di Giosuè Carducci

Giosuè Carducci nacque nel 1835 in Versilia. Durante gli studi condotti presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove si laureò in Filosofia e Filologia, dette vita alla "Società degli Amici pedanti", che criticava il Romanticismo e sperava nel...
Superiori

Breve analisi di "Alla Sera" di Foscolo

In questa guida ci occuperemo di uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo: questo sonetto è formato da due quartine e due terzine. Il sonetto fu pubblicato all'inizio dell'ottocento, nello specifico, nel 1803 e composto pochi mesi prima. Fu scritta...
Superiori

Breve analisi de "La fattoria degli animali" di Orwell

La fattoria degli animali di Orwell è un popolare romanzo satirico ambientato nella prima metà del 900. Il romanzo rispecchia la politica sovietica di quegli anni e precisamente la rivoluzione russa del 1917. Nel romanzo gli animali che abitano nella...
Superiori

Breve analisi de "Il nome della rosa"

Questo noto romanzo, scritto da Umberto Eco e pubblicato nel 1980, è considerato uno dei più grandi capolavori della letteratura italiana. Molti film si sono ispirati infatti a questa grande opera d'arte, espandendo ancor di più la conoscenza del...
Superiori

Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo),...
Superiori

Breve analisi di "Alla Luna" di Leopardi

"Alla luna" è un idillio, cioè un testo poetico breve e con spiccate caratteristiche personali e soggettive, scritto probabilmente nel 1819 da Giacomo Leopardi. "Alla luna" si compone di sedici endecasillabi sciolti, distribuiti su quattro periodi sintattici...
Superiori

Breve analisi della Gerusalemme liberata di Tasso

La Gerusalemme liberata è la celebre opera di Torquato Tasso. L'autore nacque a Sorrento nel 1544 e morì a Roma nel 1595. La sua formazione letteraria, così come quella religiosa, fu molto rigida. Era molto colto, aveva frequentato l'università, cosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.