Come analizzare Alla Sera di Foscolo

Tramite: O2O 18/04/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida ci occuperemo di uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo: questo sonetto è formato da due quartine e due terzine. Il sonetto fu pubblicato all'inizio dell'ottocento, nello specifico, nel 1803 e composto pochi mesi prima. Fu scritta da Ugo Foscolo in un periodo di grave crisi esistenziale dell'autore stesso. L'immagine che predomina in questa poesia, è quella della sera, che ha un senso negativo, ed una possibile soluzione per placare la sua tempesta interiore. Vediamo quindi una breve analisi di "alla sera" di Ugo Foscolo. Leggete la guida di seguito per saperne di più per conoscere in maniera più dettagliata una delle opere più importanti scritta da uno dei letterati e poeti più celebri dell'Italia e del mondo. Anche se si tratta di una breve analisi, è particolarmente esaustiva.

25

Struttura metrico-stilistica

Il sonetto presenta rime alternate, secondo lo schema ABAB, ABAB, CDC, DCD. Nella prima quartina leggiamo: "Forse perché della fatal quiete/ Tu sei l'immago a me sì cara vieni/ O Sera (...)", in cui avvertiamo subito che la sera è per Foscolo immagine della morte (fatal quiete), che il poeta definisce cara. Riflettere sulla sera significa per Foscolo riflettere sulla morte, definita fatal quiete, ossia pace prescritta dal fato, in quanto per Foscolo non ha alcun valore religioso. Nei versi successivi, Foscolo mostra che la "forza" della sera agisce sia in primavera, accompagnata da venticelli del tempo sereno, sia in inverno, momento in cui scendono sulla terra le "inquiete tenebre".

35

Ultimo verso della seconda quartina

L'ultimo verso della seconda quartina recita "(...) e le secrete/ vie del mio cor soavemente tieni", un verso significativo, in quanto mostra come l'immagine della sera si impadronisca del poeta e ne detiene il possesso delle segrete vie del cuore. Nelle due terzine è accentuato il contrasto tra la serenità trasmessa dalla sera e l'irrequietezza del poeta. Nella prima terzina leggiamo che la sera ha per Foscolo il potere di far vagare i suoi pensieri nella direzione della morte ("Vagar mi fai co' miei pensieri su l'orme/ che vanno al nulla eterno (...)").

Continua la lettura
45

Cos'è e com'è la vita del poeta

Proseguiamo con: "(...) e intanto fugge/ questo reo tempo, e van con lui le torme / delle cure onde meco egli si strugge; le mentre io guardo la tua pace, dorme/ quello spirto guerrier ch'entro mi rugge". Questi sono i versi più significativi dell'intero sonetto, poiché spiegano in poche, ma concise parole, cos'è e com'è la vita del poeta: un tempo malvagio costellato da innumerevoli ansie (le torme) che corrodono il tempo stesso ed il poeta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Ugo Foscolo: I Sepolcri

La letteratura italiana del periodo che va dal Settecento all'Ottocento vede il suo massimo esponente in Ugo Foscolo. Il poeta di Zante scrisse numerose opere, in particolare cermi. La poesia "Dei Sepolcri" è una delle più famose e venne pubblicata...
Superiori

Il Neoclassicismo di Ugo Foscolo

Ugo Foscolo nasce a Zante, un'isola greca sotto il dominio di Venezia, e percorre un periodo importante per la storia della letteratura italiana, quello che è a cavallo fra '700 e '800. L'Europa è scossa da tensioni e l'Italia frammentata e sotto i...
Superiori

"Le Odi" di Foscolo in breve

Molte volte soprattutto durante il periodo scolastico, ci troviamo a dover studiare i grandi poeti del passato e le loro opere. Spesso può risultare difficile capire il significato delle loro poesie per cui potremo cercare aiuto online, dove troveremo...
Superiori

A Zacinto di Ugo Foscolo: commento e analisi

Uno dei sonetti più importanti e celebri dell'età dell'Ottocento è sicuramente "A Zacinto". Scritto da Ugo Foscolo, ha da subito riscontrato un notevole successo divenendo ai giorni nostri, una vera opera di notevole valore e rilevanza della classica...
Superiori

La sera fiesolana: analisi del testo

In tale articolo andremo a trattare la sera fiesolana come l'analisi del testo, che comprenderà la poetica ed anche le idee del suo creatore cioè Gabriele D'Annunzio. La sera fiesolana rientra nelle Laudi. Esse sono cinque raccolte poetiche che si chiamano...
Superiori

Come analizzare un testo narrativo

Quando ci si imbatte in un testo narrativo, la lettura corrisponde ad una prima analisi generale di quello che è il contenuto. Grazie ad essa, si riesce a comprendere il tema che viene trattato all'interno di un racconto. La comprensione di un testo...
Superiori

Come analizzare un testo storiografico

Il testo storiografico è, per definizione, un documento che raccoglie le esposizioni e le interpretazioni di un fatto storico. Un testo storiografico, quindi, analizza gli eventi del passato per poter ricostruire fasi storiche. I fatti storici di cui...
Superiori

Come analizzare San Martino di Carducci

San Martino è forse una delle liriche più famose di Giosuè Carducci, nella quale il poeta riassume le tipiche tematiche presenti nelle sue opere in armonia con il suo stile classico e sinteticamente pregnante di immagini e ricordi. Scritta nel 1883,...