Breve analisi della Gerusalemme liberata di Tasso

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La Gerusalemme liberata è la celebre opera di Torquato Tasso. L'autore nacque a Sorrento nel 1544 e morì a Roma nel 1595. La sua formazione letteraria, così come quella religiosa, fu molto rigida. Era molto colto, aveva frequentato l'università, cosa rara per l'epoca, conseguendo ben due lauree, una in legge e l'altra in lettere e filosofia. Trascorse degli anni presso i Gesuiti, poi presso l'Accademia degli Infiammati e infine presso gli Eterei. Fu proprio sotto l'ottica cristiana impostagli che decise di scrivere della Gerusalemme liberata, ovvero della prima crociata. In questa guida faremo una breve analisi dell'opera.

25

La Gerusalemme liberata è un poema a sfondo epico. È composta da 20 canti articolati in 5 parti. L'opera come la conosciamo noi oggi è il risultato di diverse revisioni svolte dall'autore stesso nel corso degli anni. Egli modificò il titolo più volte, prima di dargli quello definitivo.

35

Il poema racconta le gesta di Goffredo di Buglione, eroico condottiero che, a capo dell'esercito, condusse i crociati alla conquista di Gerusalemme. La vicenda gira intorno a Goffredo che, con i suoi crociati vuole attaccare la città quando si presentano dei diavoli che lo ostacolano. Questi iniziano una marcia contro la città, guidati da Satana in supporto ai musulmani. I musulmani sfidano a duello Tancredi, eroico condottiero e riescono ad ottenere la meglio grazie ai poteri magici della maga Armida. Riescono così ad imprigionare Tancredi.

Continua la lettura
45

Nel frattempo entra in gioco un altro eroe, Rinaldo, cristiano, che è cacciato via dal campo perché ha ucciso un altro crociato, Gernando, a causa di una calunnia subita. Un duello tra il cristiano Tancredi e il musulmano Argante diventa una battaglia generale tra le due parti, vinta dai cristiani grazie all'intervento di Rinaldo, che libera i prigionieri cristiani. Sarà però il vecchio Raimondo di Tolosa a proseguire il duello con Argante. Intanto Erminia, avendo assistito al duello da sopra le mura della città, si precipita dal suo amato Tancredi, indossando l'armatura di Clorinda, per curargli le ferite. Carlo raggiunge l'accampamento dei cristiani che intanto attendevano gli aiuti dell'esercito del Re danese, Sveno, il quale viene ucciso da Solimano, sultano turco. Intanto si sparge la (falsa) notizia della morte di Rinaldo, che, come detto sopra, aveva provveduto a liberare i cristiani prigionieri di Armida, tra i quali vi era anche Tancredi.
Intanto l'arcangelo Gabriele intercede, ricacciando i demoni nell'inferno, i cristiani con l'aiuto di una torre mobile tentano l'assedio di Gerusalemme, così Clorinda e Argante, pagani, lasciano le mura per incendiare la torre: Argante si mette in salvo, Clorinda no, e non avendo indosso la sua armatura viene uccisa per sbaglio da Tancredi, che ne soffrirà. I crociati lottano ancora con incantesimi e maledizioni, Rinaldo sarà l'unico a superarle, ma è prigioniero della maga Armida. Rotto l'incantesimo d'amore si allontana dal castello e raggiunge la selva e prosegue l'assalto contro Gerusalemme. Argante viene ucciso, Tancredi, morente per le ferite, viene curato e salvato da Erminia; Rinaldo uccide Solimano, poi incontra Armida ancora sofferente per l'abbandono, infatti vuole ucciderlo ma scappa e tenta il suicidio, ma lui la salva.
Goffredo uccide Emireno, capo dell'esercito egiziano che voleva riportare Gerusalemme ai pagani, ma Goffredo pianta il vessillo crociato pregando al Santo Sepolcro.

55

Tasso intreccia il poema epico con quello amoroso, in quanto ai duelli crociati si alternano amori e passioni. Erminia, figlia del re pagano di Antiochia, è innamorata di Tancredi, che non la ricambia ed ama, a sua volta non ricambiato, la pagana Clorinda, figlia del sovrano cristiano di Etiopia.
Tancredi quasi morirà per lo strazio di aver ucciso per errore Clorinda, che non portava la tradizionale armatura, poiché l'aveva indossata Erminia per poterlo raggiungere per curargli le ferite causate dal duello con Argante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve analisi di "Alla Sera" di Foscolo

In questa guida ci occuperemo di uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo: questo sonetto è formato da due quartine e due terzine. Il sonetto fu pubblicato all'inizio dell'ottocento, nello specifico, nel 1803 e composto pochi mesi prima. Fu scritta...
Superiori

Breve analisi di San Martino di Giosuè Carducci

La poesia San Martino è un'opera di Giosuè Carducci che fa parte della raccolta lirica Rime nuove. Questo abbozzo fu scritto nel 1883 dal poeta dopo aver trascorso un soggiorno a Roma. Di ritorno dal viaggio attraversa la Maremma, il luogo della...
Superiori

Breve analisi de "La fattoria degli animali" di Orwell

La fattoria degli animali di Orwell è un popolare romanzo satirico ambientato nella prima metà del 900. Il romanzo rispecchia la politica sovietica di quegli anni e precisamente la rivoluzione russa del 1917. Nel romanzo gli animali che abitano nella...
Superiori

Breve analisi di Pianto antico di Giosuè Carducci

La letteratura fa parte dell'ampio bagaglio della cultura italiana. Più specificamente la poesia ha avuto uno sviluppo progressivo senza eguali. Oggi, attraverso lo studio, si sviluppa un quadro completo dell'elaborazione poetica nei secoli. Si analizzano...
Superiori

Breve analisi de "Il nome della rosa"

Questo noto romanzo, scritto da Umberto Eco e pubblicato nel 1980, è considerato uno dei più grandi capolavori della letteratura italiana. Molti film si sono ispirati infatti a questa grande opera d'arte, espandendo ancor di più la conoscenza del...
Superiori

Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo),...
Superiori

Breve analisi di "Alla Luna" di Leopardi

"Alla luna" è un idillio, cioè un testo poetico breve e con spiccate caratteristiche personali e soggettive, scritto probabilmente nel 1819 da Giacomo Leopardi. "Alla luna" si compone di sedici endecasillabi sciolti, distribuiti su quattro periodi sintattici...
Superiori

Breve analisi de "Il gelsomino notturno" di Pascoli

Nato a San Mauro Pascoli nel 1855 (dal 1932 il nome del paese fu cambiato proprio in suo onore), Giovanni Pascoli fu inizialmente influenzato dalle teorie positivistiche ed edonistiche di D'Annunzio, da cui però si scostò ben presto per approcciarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.