Breve analisi de "I Malavoglia" di Verga

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

"I Malavoglia" è una delle opere maggiori di Giovanni Verga, uno dei maestri della narrativa novecentesca. Il romanzo è tutto imperniato sulla storia di una famiglia di pescatori siciliani, i Toscano (chiamati in paese "Malavoglia", da qui il titolo), e sulle conseguenze che in essa provoca il "progresso" come principio di allontanamento dall'idillio familiare e dalla condizione naturale dell'uomo, una condizione tutto sommato pacifica. In questa guida, cercheremo di fare una breve analisi de "I Malavoglia".

26

Occorrente

  • Giovanni Verga, "I Malavoglia"
36

Cenni storici

Da una lettera scritta da Verga ad un editore si evince come già nel 1875 lo scrittore, probabilmente, avesse già iniziato la stesura de I Malavoglia (con il titolo Padron 'Ntoni) secondo il modello del < bozzetto >. Successivamente, quando nel 1878 Verga aderì al Verismo, il modello precedente fu abbandonato e il tema della tragedia familiare fu ripreso in un modo radicalmente nuovo.
Verga lavora al romanzo dalla primavera del 1878 al luglio del 1880, ma in realtà continuò a correggere il testo anche nei mesi successivi, aggiungendo ad esempio la chiusura, pagine decisive.

46

La vicenda

La storia è incentrata sulla famiglia Toscano, nota in paese con il soprannome antifrastico di " i Malavoglia ": si tratta in realtà di gente laboriosa. La famiglia è composta dal nonno, padron 'Ntoni, possessore di una casa < Casa del Nespolo, la cui ricostruzione è proposta in foto > e di una barca, La Provvidenza), dal figlio Bastianazzo, dalla nuora Maruzza, detta Longa, e dai nipoti 'Ntoni, Luca, Alessi, Mena e Lia.
Padron 'Ntoni compra a credito una partita di lupini, indebitandosi con l'usuraio del paese. Durante il trasporto dei lupini, la barca fa naufragio e Bastianazzo muore.
Comincia un periodo di disgrazia e miseria. Quando la famiglia sembra riprendersi e Mena sta per fidanzarsi, la morte di Luca nella battaglia di Lissa, un nuovo naufragio della Provvidenza e il desiderio di evasione del nipote 'Ntoni al nord Italia ricacciano la famiglia nella disgrazia. Il vecchio 'Ntoni vende la barca per pagare i debiti. Il nipote cerca fortuna a Trieste; tornato più povero di prima, comincia a fare il predicatore di idee di eguaglianza e a frequentare l'ambiente del contrabbando. Per questo motivo, colto in flagrante durante il contrabbando, 'Ntoni uccide il brigadiere don Michele, pretendente di Lia. Il giovane 'Ntoni viene condannato a cinque anni di carcere. Lia, disonorata sia dall'omicidio che dalla previa relazione con Michele, fugge a Catania e si da alla prostituzione.
Finita la condanna 'Ntoni torna a casa ma, passata solo una notte nella Casa Del Nespolo, riparte, capendo di non poter vivere in una famiglia di cui ha violato le norme morali e in un paese che ora vede come un'oasi di tranquillità e serenità. Sopratutto dal momento che il Alessi, l'ultimo nipote di Padron 'Ntoni, si è riuscito a creare una famiglia propria rimanendo fedele alla morale del nonno.

Continua la lettura
56

Lingua e stile: analisi

Varie sono le peculiarità dello stile di Verga. Dalla lettura si nota come i luoghi non vengano " presentati ", e la stessa cosa si può dire dei personaggi. Tutto viene mostrato in azione, senza un precedente ritratto da parte dell'autore o un'introduzione esplicativa. La tecnica narrativa verghiana tenta quindi di far scomparire la prospettiva dell'autore ed assumere invece quella dei personaggi. E non solo dal punto di vista visivo, si parla proprio di prospettiva in totum. È come se il narratore popolare si rivolgesse ad una cerchia di altri popolari che abitano i suoi stessi luoghi e conoscono le stesse persone. La novità stilistica verghiana consiste nel riportare una fitta rete di voci narranti popolari. L'uso del discorso indiretto libero non è saltuario, ma organico alla narrazione. Le metafore e le similitudini si adattano al gergo dei personaggi; la lingua assume una prospettiva di versa da quella dell'autore e anche le idee proposte si plasmano sui personaggi. I preconcetti, la cultura e gli ideali non sono quelli di Verga, sono quelli delle persone di cui racconta. Addirittura la grammatica è volutamente modellata e " storpiata " per calzare a pennello nel quadro rurale.
Attraverso questi artifici, chiamati di regressione e straniamento, Verga intende adottare per tutta la narrazione un'ottica nuova, ed è questa una delle colonne portanti del Verismo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere il romanzo dandosi il tempo necessario poichè lo stile non sempre scorrevole può causare delle difficoltà di comprensione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.