Autodichia: giustizia domestica del Parlamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il termine "autodichia" deriva dal greco ed è composto da due parole, "autos", che significa da solo, e "dike", ovvero giustizia. Ecco quindi che diventa intuitivo il significato del termine con il quale si intende la facoltà di dettare e controllare le leggi da soli, senza interferenze estranee e senza dover far riferimento ad alcun organo esterno. Tale possibilità è appannaggio del Parlamento, ma andiamo a capire nei fatti in cosa si manifesta questa autonomia domestica.

26

Essa di fatto permette ad alcuni enti costituzionali di gestire da soli, senza fare ricorso a tribunali o ordini di giustizia esterni quelle che sono le problematiche che interessano i propri dipendenti. Gli enti dotati di autodichia quindi, di fatto assumono una totale indipendenza nella loro autogiurisdizione, che può essere manifestata ed esercitata sia in caso di enti con una propria autonomia economica che in assenza di questa.

36

Ma quale è il principio alla base di questa teoria? Essa di fatto è frutto della necessità di determinati organi di avere una totale indipendenza rispetto ai tradizionali canali giudiziari, così da rimanere svincolati da qualsiasi interferenza esterna che potrebbe derivare anche dalla magistratura. In questo modo viene garantita l'autonomia delle Camere e il diritto delle stesse all'autoregolamentazione.

Continua la lettura
46

Numerosi i dibattiti che ruotano attorno a questo principio che secondo alcuni non rispetterebbe quelli che sono i principi costituzionali più basilari. Secondo alcuni infatti non è ammissibile che un ente "sfugga" a quella che è la giustizia ordinaria. In realtà però la Corte Costituzionale si è espressa in favore di questo principio che garantisce in ogni caso l'autonomia degli enti e la loro libertà di gestione delle controversie stesse.

56

In un periodo di crisi e ristrettezze economiche questa autonomia, prerogativa delle due Camere e delle regioni viene osservata con attenzione, Tra gli ambiti organizzativi che possono essere gestiti in maniera autonoma, infatti, vi è anche la possibilità di stendere e gestire il proprio bilancio senza alcun controllo sulle spese. Parliamo di voci di spesa davvero importanti, che nascono da una serie di operazioni necessarie per consentire il funzionamento e il mantenimento degli enti sotto tutti i punti di vista, da quello tipicamente gestionale, a quello economico, passando per quello della comunicazione. La cifra, giusto per avere un'idea, qualche anno fa si attestava attorno ai 990 milioni di euro.

66

Per riassumere il tutto, si parla di autodichia quando alcuni enti constituzionali possono "farsi giustizia da soli", nel senso che non devono sottoporre i propri dipendenti ad altri enti giudiziari. Quindi un qualsiasi dipendente di quell'ente costituzionali può sfuggire alle leggi; questo comporta che molti che volevano sfuggire alla legge, attraverso sotterfugi sono riusciti a farsi assumere come dipendenti da questi enti costituzionali, quindi riuscendo così a sfuggire all'accusa veritiera (veritiera perché di solito non si fugge quando si ha ragione) che gli era stata posta. Chi però è dipendete di questi enti, poi naturalmente non può rivolgersi ad un giudice del lavoro, quindi nel caso ricevessero qualche "sgarro", sarà sempre la stessa ente costituzionale a vedersela e non qualcuno che è esterno al tutto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il Parlamento in seduta comune

Molti sono appassionati di politica e dei vari movimenti e leggi che vengono approvate o meno ogni giorno in Parlamento, ma c'è una stragrande maggioranza di persone che invece non sanno ancora come funziona tutto l'organismo. Il Parlamento della Repubblica...
Superiori

La funzione di controllo e indirizzo politico del Parlamento

In questa guida ci occuperemo di approfondire l'argomento sulla funzione di controllo e l'indirizzo politico del parlamento. Una delle funzioni principali che la nostra Costituzione affida al Parlamento italiano, è proprio quella di controllo sull'operato...
Superiori

Parlamento: come é composto

Il Parlamento della Repubblica Italiana è il principale organo rappresentativo e legislativo dello Stato. È diviso in due Camere: la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica. Il sistema parlamentare italiano è caratterizzato da quello che si...
Superiori

La funzione di revisione costituzionale del Parlamento

La Costituzione italiana è entrata in vigore il 1 gennaio 1948 e stabilisce un sistema di bicameralismo perfetto per il Parlamento italiano: il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati, che esercitano congiuntamente. La parte II della Costituzione,...
Superiori

Rapporto fiduciario tra Parlamento e Governo

La fiducia parlamentare è un atto fondamentale affinché il Governo possa svolgere le sua attività e dia piena esecuzione al suo programma di indirizzo politico. Il rapporto di fiducia tra organo legislativo ed esecutivo è alla base delle forme di...
Superiori

La funzione di inchiesta del Parlamento

La Costituzione della Repubblica affida al Parlamento italiano l'esercizio di quattro funzioni: quella legislativa, di controllo politico, di indirizzo politico e la funzione di inchiesta. Le quattro funzioni vengono svolte da entrambe le Camere, in...
Superiori

Diritto: il criterio di equità

La giustizia procedurale è l'idea di equità nei processi che risolvono le controversie. L'aspetto principale della giustizia procedurale è correlato alle discussioni dell'amministrazione della giustizia e del giudizio, al fine di ottenere un giusto...
Superiori

Appunti di diritto: la forma di governo presidenziale

Per forma di governo si intende il differente modo in cui si articola e si distribuisce il potere politico tra i vari organi di vertice dello Stato, ed in modo particolare tra il Governo, il Parlamento ed il Capo dello Stato. La ratio che sta alla base...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.