Art Nouveau: gli esponenti principali

Tramite: O2O 17/03/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

Il mondo dell'arte ha subìto diversi stravolgimenti attraverso le epoche. Il periodo che va dalla seconda metà dell'Ottocento ai primi del Novecento, ad esempio, si caratterizza per il fiorire di importanti correnti artistiche. Una delle più influenti è senza alcun dubbio l'Art Nouveau. Si tratta di una tendenza di breve durata ma di grande impatto sulla storia delle arti figurative e di quelle applicate. Questo importante periodo ha coinvolto l'Europa, permettendo a molti artisti e designer di affermarsi a livello internazionale. Qui di seguito parleremo degli esponenti principali dell'Art Nouveau, che prende nomi diversi in base al Paese che la ospita.

29

Henry Van de Velde (1861-1947)

Nel 1895 a Parigi venne aperto un negozio che fungeva anche da galleria d'arte e laboratorio. L'insegna dell'esercizio commerciale riportava il nome "Art Nouveau" e venne ideata dal progettista del negozio stesso, l'architetto belga Henry Van de Velde. Possiamo dunque considerare quest'ultimo come il padre dell'Art Nouveau. Una delle sue opere più celebri è Casa Bloermenwer a Uccle, in Belgio. Oltre a progettare l'intero edificio, Van de Velde si occupò anche del design di ogni singolo complemento di arredo. La nuova corrente artistica si fece dunque strada grazie alla straordinaria versatilità creativa del suo teorico e propagandista. Naturalmente Van de Velde si attenne il più possibile alle regole previste da questo nuovo stile, perfezionando i dettagli di edifici e oggetti di design.

39

Victor Horta (1861-1947)

Henry Van de Velde si può considerare l'iniziatore dell'Art Nouveau. Tuttavia, il primo vero interprete di questa nuova corrente artistica in Belgio è Victor Horta. Egli insegnava architettura presso l'università di Bruxelles e ben presto divenne famoso per i suoi progetti architettonici. L'opera più imponente era la famosa "Casa del Popolo", che purtroppo venne distrutta nel 1966. Questa costruzione in ferro presentava una facciata concava, arricchita da elementi decorativi in pietra e vetro. Anche l'Hôtel Solvay si può considerare un vero e proprio capolavoro realizzato da Horta. L'abitazione presenta dettagli raffinati e una facciata impreziosita da un sinuoso balcone in ferro battuto. Dunque Horta rispettò più di tutti i canoni previsti dall'Art Nouveau.

Continua la lettura
49

Hector Guimard (1867-1942)

Restando in ambito architettonico, lasciamo il Belgio per spostarci nuovamente in Francia. Qui troviamo un terzo esponente dell'Art Nouveau, Hector Guimard, il quale si avvicinò al nuovo stile dopo aver incontrato Van de Velde. Dal 1895 in poi, Guimard si fece sostenitore dell'Art Nouveau. Le sue costruzioni rispettavano fedelmente le regole della nuova tendenza, difatti presentano elementi strutturali ben precisi, come la pianta libera, i dettagli in ferro, le pareti sagomate e le linee curve degli arredi. Tra le opere più importanti di Guimard ricordiamo il maestoso "Castel Béranger" e gli ingressi delle stazioni della metropolitana di Parigi. L'edificio presenta un curioso elemento decorativo, ossia il cancello in ferro battuto dalle linee curve irregolari, mentre gli ingressi della metropolitana sono in ghisa dipinta.

59

Antoni Gaudí (1852-1926)

Quando si parla dei principali esponenti dell'Art Nouveau, uno dei primi nomi è quello di Antoni Gaudí. L'architetto catalano, rappresentante del Modernismo (la denominazione per l'Art Nouveau spagnola), realizzò delle splendide opere per la città di Barcellona che ancora oggi vengono ammirate da migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Le costruzioni di Gaudí hanno delle forme davvero insolite, totalmente estranee allo stile architettonico tradizionale. "Casa Batló" e "Casa Milá" sono dei magnifici esempi di edifici dalle forme curve e morbide. L'uso sapiente di spazi convessi e concavi le rendono simili a formazioni rocciose modellate dal mare e dall'azione del vento. Gaudì esprime grandiosamente la propria arte anche con la "Sagrada Familia" e il "Parco Guell". Le masse modellate e valorizzate dal colore suggeriscono che l'autore abbia fuso in un'unica arte la pittura, la scultura e l'architettura.

69

Otto Wagner (1841-1918)

Otto Wagner si può inserire tra i maggiori esponenti dello Stile Liberty austriaco, che prende il nome di Jugendstil. L'architetto viennese si occupò degli edifici urbani, progettando il padiglione della vecchia metropolitana, la "Postsparkasse" (l'ufficio postale) e la chiesa "Am Steinhof". In tutte le sue opere, Wagner esprime la sua posizione secessionista a livello artistico, ripudiando dunque gli antichi dettami accademici in favore di un'opera d'arte totale che fonda diverse abilità creative in un unico prodotto. L'incontro tra diverse arti si può ben vedere dalle sue realizzazioni, ricche di materiali e contrasti tra masse pesanti e leggere. L'armonia delle forme e dei materiali rende al massimo l'idea della nuova tendenza che stava prendendo piede in Europa tra l'Ottocento e il Novecento.

79

Théophile Alexandre Steinlen (1859-1923)

Come abbiamo visto in precedenza, l'Art Nouveau promuove la collaborazione tra le arti. Non si tratta dunque di sola architettura, difatti i campi coinvolti riguardano anche la grafica. Uno dei principali esponenti di questa corrente artistica fu l'incisore svizzero Théophile Alexandre Steinlen. Le sue opere più famose sono delle litografie raffiguranti felini e scene di vita quotidiana. Grazie a lui l'Europa ha conosciuto la nobile arte della grafica pubblicitaria. Steinlen realizzò numerosi manifesti e locandine, nei quali aggiunse lettering e decorazioni tipici dell'Art Nouveau. Il manifesto che promuoveva la celebre tournée di cabaret e teatro delle ombre dello Chat Noir venne realizzato proprio da Steinlen, il quale frequentava regolarmente il locale. Rodolfe Salis lo ingaggiò per disegnare il famoso gatto nero su fondo giallo, pur pagando l'artista con somme di denaro tutt'altro che generose.

89

Alfons Mucha (1860-1939)

Se pensiamo al contributo che molti artisti hanno dato in ambito pittorico durante l'epoca dell'Art Nouveau, non possiamo che fare il nome di Alfons Mucha in prima battuta. Il pittore ceco espresse in maniera egregia il senso di quel nuovo modo di fare arte che aveva toccato le principali città europee alla fine del XIX secolo. I poster pubblicitari di Mucha per i teatri ottennero un grande successo grazie all'attrice Sarah Bernhardt, la quale commissionò all'artista i manifesti per i suoi spettacoli. Oltre all'aspetto pubblicitario, Mucha coltivò anche quello visuale. Tra le sue grafiche più famose figurano le quattro stagioni, impersonate da splendide figure femminili circondate da fiori ed eleganti cornici dalle forme armoniose.

99

Gustav Klimt (1862-1918)

Parlando di Otto Wagner avevamo collegato l'architetto alla Secessione viennese. Tra i pittori e principali esponenti dell'Art Nouveau a sostegno della secessione artistica troviamo Gustav Klimt. Figlio di un abile incisore austriaco, Klimt si trovò a lavorare l'oro e lo impiegò come decorazione per molti suoi dipinti. Il celebre capolavoro "Il bacio", opera ricca di colori e forme tipiche dello Jugendstil, viene impreziosita dall'impiego di questo lucente metallo giallo. L'oro in veste di elemento decorativo divenne il leitmotiv che alimentava il cosiddetto periodo aureo. Questa fase artistica verrà poi abbandonata da Klimt negli anni successivi, in favore di uno stile prettamente espressionista e dominato dalla varietà cromatica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I principali esponenti del Neoclassicismo

Il neoclassicismo è una corrente artistica e letteraria sviluppatasi tra il XVIII e il XIX secolo ed ispirata all'arte antica, specialmente quella greco-romana. Questa tendenza, nata come risposta al tardo barocco e al Rococò, ha influenzato moltissime...
Superiori

I principali esponenti dell'antifascismo

Il fascismo rappresenta una parte buia ma pur sempre importante della storia recente del nostro paese. Durato per circa un ventennio, con la data di presa al potere che solitamente viene fatta coincidere nel 1925 con la marcia su Roma organizzata dal...
Superiori

I principali esponenti dell'Illuminismo in Italia

L'Illuminismo è stata una corrente politica, filosofica e letteraria sviluppatasi in Europa intorno al XVIII secolo che aveva il compito di "illuminare" la mente degli uomini, servendosi della scienza e della razionalità come principi cardine. In Italia...
Superiori

Il Realismo nell'arte: i principali esponenti

Esistono numerosi hobby che appassionano la gente e fra questi rientra sicuramente l'arte. Le opere artistiche hanno molteplici autori e diverse caratteristiche. In linea generale, quest'ultime risultano sempre meravigliose. Alcuni individui potrebbero...
Superiori

Il Realismo in letteratura: i principali esponenti

La nascita del realismo letterario è ancora oggi abbastanza discussa ma la maggior parte della critica tende ad associarla alla comparsa del romanzo moderno nel corso del settecento in Inghilterra e Francia, ovvero quei paesi che per primi conobbero...
Superiori

I principali esponenti del surrealismo

Il surrealismo nacque a Parigi negli anni '20 del Novecento, e fu un movimento culturale che arrivò a toccare tutte le arti, dalla pittura, alla letteratura, al cinema. Il tema principale del surrealismo venne sviluppato dal poeta André Breton, che...
Superiori

I principali esponenti dell'Umanesimo

Per Umanesimo si intende un movimento culturale, che prende l'avvio da autori come Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio, e che spinse alla riscoperta delle opere degli autori latini e greci come elementi storici e non più allegorici, e fu volto...
Superiori

I principali esponenti del neorealismo

Il Neorealismo è una corrente letteraria nata dopo gli anni 40. Non è facile dare una definizione precisa di questo movimento letterario, soprattutto perché non possiede un manifesto culturale definito o un autore che diede inizio ad uno stile determinato....