Appunti: Teoria dei segnali

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Molto spesso, gli argomenti più difficili da apprendere, sono quelli che presentano elementi che è molto difficile ricordare. Infatti, molti studenti, fanno ricorso all'uso di evidenziatori, sottolineando con colori forti le parti più importanti di un determinato tema, o discorso. Le materie più difficili da assimilare, sono allo stesso tempo quelle che richiedono maggiori sforzi, difficoltà ed attenzioni nell'interpretazione dei segnali. La teoria dei segnali, evidenzia una serie di processi di informazione, nei quali, l'unico requisito essenziale ed indispensabile, è la conoscenza di alcune nozioni di matematica. In questa guida, sono illustrati alcuni appunti sulla teoria dei segnali.

26

Occorrente

  • Ottima preparazione
36

Segnali nei sistemi di comunicazione

I segnali, si trovano in diversi sistemi di comunicazione, come quelli informatici, elettronici, di telecomunicazione, di elaborazione e moltri altri. Ognuno di essi, presenta delle soluzioni matematiche molto differenti fra loro. Gli appunti, sono essenziali affinché schemi, espressioni e conteggi, portino alla soluzione di quel determianto segnale. Vi sono diversi tipi di segnale. Quello termico, ad esempio, è dovuto all'agitazione termica degli elettroni, in un determinato corpo. Lo troviamo nei sistemi informatici. In questo caso, l'ausilio di un diagramma, risulta essenziale per il calcolo della densità del segnale.

46

Il segnale granulare

Quello granulare, invece, viene chiamato così perché è dovuto alla quantizzazione delle cariche in movimento. In questo caso, l'appunto da prendere consiste nel segnare la carica elettrica e il tempo che impiega, formando un diagramma che ha un profilo rettangolare che va a definire, con lo studio della matematica, la teoria del segnale, che può essere a bassa o alta densità. Scritture, segni e numeri danno il giusto merito all'interpretazione. Lo studio, è essenziale. Esso, infatti, permette di rapportare l'uomo con determinati sistemi tecnologici, elettronici ed informatici.

Continua la lettura
56

La modulazione digitale

La modulazione digitale invece, si trova nell'elettronica, e nelle telecomunicazioni. Il modem è il mezzo che trasmette per poi ricevere, e viene definito ricetrasmettitore o modulatore, altra teoria di segnale che non richiede appunti, ma ci viene in aiuto con sofisticate tecnologie all'avanguardia. Non è facile interpretare tali teorie per chi non ha avuto la fortuna di studiare i teoremi importanti, per una interpretazione esaudiente. L'aiuto, ci viene dato da piccoli appunti matematici, da disegni e dalla comprensione di termini, importanti per definire senza sbagliare la teoria dei segnali. Lo studio, è un elemento importante per rapportarci con tutto quello che è tecnologico, elettronico, informatico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

La bullet theory

A cavallo fra le due guerre, la radio inizia a trasmettere regolarmente e ad avere un ruolo importante nella vita degli individui. L'ascesa dei governi totalitari in Europa e in Unione Sovietica e lo scoppio della II guerra mondiale, sono uno stimolo...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Università e Master

Chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Ciascun elettrone perciò si muoverà non più attorno al proprio orbitale atomico, ma intorno ad uno molecolare che coinvolge anche l’altro atomo dove si verifica il legame. Se si considera che l’orbitale (che indicheremo con il simbolo "Ψ"), è...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la rivoluzione copernicana

La storia, tra le tante materie che esistono, rappresenta una di quelle discipline maggiormente vaste. Proprio per questa ragione, infatti, quando è necessario effettuare dei ripassi o dei riassunti, risulta essere estremamente utile poter consultare...
Superiori

Storia della fisica: crisi della fisica classica

Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del tutto risolti. Negli ultimi decenni del secolo, però, a causa dell'avanzamento del sapere teorico e dello sviluppo delle tecniche di misura in laboratorio, esplosero nuovi problemi...
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

Appuntunti sulla teoria delle stringhe

La meccanica quantistica e la relatività generale si avvicinano nella teoria delle stringhe. In questa guida cercheremo di fornire gli appuntunti necessari per sostenere un'esame universitario o una piccola interrogazione sulla teoria delle stringhe....
Università e Master

La Teoria dell'Agenda Setting

La Teoria dell'Agenda Setting è una conoscenza inerente la comunicazione di massa. Formulata negli Anni '70 da Maxwell McCombs e Donald Shaw. Tale teoria analizza l'influenza che i mass-media hanno sulle conoscenze degli individui. Secondo la Teoria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.