Appunti sulla teoria della relatività

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Avete dubbi sulla teoria della relatività e non sapete come risolverli? Non temete, in questo tutorial vi forniremo dei brevi appunti a riguardo.
Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di teoria della relatività. Il principio della relatività si basa su specifiche regole matematiche. Ha lo scopo di descrivere i fenomeni fisici esistenti in natura. Enunciato da Albert Einstein tra il 1905 e il 1913, si suddivide in relatività speciale e generale. Si tratta, quindi, di un'elaborazione fisica che mira a stabilire le leggi che regolano l'ordine cosmico. E’ un argomento complesso, che necessita di comprensione e studio adeguato. Vi consigliamo, quindi, di porre attenzione alle nozioni espresse.

26

Occorrente

  • Un buon manuale di fisica
36

I primi studi sulla teoria della relativtà

CENNI STORICI.
Attorno alla formula E = mc2 si svolge l'intera storia dell'uomo. I primi studi sulla teoria della relatività risalgono addirittura all’antica Grecia. Filosofi come Eraclito, Platone ed Aristotele elaborarono numerose tesi sulla natura dell’uomo e del cosmo. Ma è con Galileo Galilei che la scienza moderna subisce una svolta. Nel 1609, infatti, Galilei elabora il suo principio di relatività. Egli afferma che le leggi della fisica sono le stesse in tutti i sistemi caratterizzati dal principio
d'inerzia. Ne dedurrete che, secondo tale criterio, ogni fenomeno è riconducibile alle medesime formule algebriche.

46

Il concetto di relatività secondo Albert Einstein

EINSTEIN.
Albert Einstein parte proprio dal concetto di Galilei per elaborare la sua teoria della relatività. Riesamina la composizione dei moti e ne prende in considerazione il concetto di tempo. Proprio sulla nozione di temporalità, Einstein sostiene l’esistenza di un tempo assoluto. Cosa significa? Semplice, si tratta di un tempo che scorre uniformemente nello spazio ed è presente in ogni sistema di riferimento. Da questo concetto, deriva la sua teoria della relatività speciale basata sulla formula E = mc2.

Continua la lettura
56

Teoria della relatività generale

RELATIVITA’ SPECIALE E GENERALE.
Secondo la formula di Einstein, la teoria della relatività semplice si fonda su tre forze fisiche:
E: energia cinetica.
m: massa.
c: velocità della luce.
Ne dedurrete che l'energia corrisponde al prodotto della massa di un corpo per la velocità al quadrato.
L'intuizione della relatività speciale, quindi, si basa sullo studio delle onde elettromagnetiche. In particolare, esamina la velocità della luce. L’enunciato sostiene che la velocità della luce nel vuoto è sempre la stessa. Non dipende dal moto della sorgente della luce, né dalla velocità dell'osservatore. Naturalmente, la teoria è valida solo in sistemi in cui vige il principio di inerzia. Qualche anno dopo, Einstein enuncia anche la teoria della relatività generale. Secondo tale teoria, la massa inerziale e la massa gravitazionale di un corpo si equivalgono.
Come avrete notato, la teoria della relatività è un concetto che necessita di specifiche conoscenze. Vi consigliamo di studiare con zelo e di applicarvi con regolarità. In questo modo, riuscirete a colmare eventuali lacune.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Uno studio costante e regolare vi aiuterà nella comprensione e nell’applicazione della teoria della relatività.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: la teoria cinetica della materia

Gli stati di aggregazione sono proprietà macroscopiche della materia che possono essere colte dai nostri sensi senza l'aiuto di strumenti. Esse trovano la loro spiegazione, come sempre in chimica, al livello nanoscopico. La teoria che interpreta gli...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Superiori

Appunti di teoria del volo

In primis Leonardo da Vinci: il tempo dedicato all'osservazione del volo degli uccelli, lo studio del movimento meccanico dell'ala, le sue riflessioni sulla resistenza dell'aria associate alla sperimentazione lo portarono alla formulazione della prima...
Superiori

Appuntunti sulla teoria delle stringhe

La meccanica quantistica e la relatività generale si avvicinano nella teoria delle stringhe. In questa guida cercheremo di fornire gli appuntunti necessari per sostenere un'esame universitario o una piccola interrogazione sulla teoria delle stringhe....
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

La teoria dell'evoluzione

Animali e pianti sono organismi viventi, suddivisi in ordini e in famiglie. La loro classificazione è possibile perché esistono le specie che raggruppano gli essere viventi, in modo più o meno omogeneo. Tramite la teoria dell'evoluzione della specie,...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
Superiori

Platone: la teoria delle idee

Platone, nato ad Atene nel 428 a. C/ 427 a. C e morto nel 348 a. C/ 347 a. C., è uno dei filosofi greci più importanti ed insieme al suo maestro Socrate ed al suo allievo Aristotele hanno gettato le basi del pensiero filosofico dell’Occidente. Le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.