Appunti su 1984 di Orwell

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Orwell era un socialista, il risultato diretto del suo servizio come miliziano nella parte repubblicana contro il generale fascista Francisco Franco nella guerra civile spagnola. Al suo ritorno in Inghilterra si unì al Partito laburista indipendente britannico e iniziò a scrivere contro lo stalinismo e il regime nazista. Orwell fu anche influenzato dalle critiche anarchiche del comunismo sovietico e dagli scritti marxisti di Leon Trotsky, il rivoluzionario comunista in esilio e modello di Emmanuel Goldstein nell'Ottantasei. Nel 1946 Orwell scrisse brani contro il totalitarismo e il socialismo democratico. A seguire alcuni appunti su 1984 di Orwell.

24

Tempo e luogo

Il libro è diviso in tre parti. Il protagonista è Winston Smith e vive in una Londra post-rivoluzionaria, nel super stato dell'Oceania.
L'Oceania è uno stato totalitario governato da un'organizzazione nota come The Party. Oceania, Eurasia e Eastasia sono coinvolti in una guerra continua. La guerra è un'illusione mantenuta dai tre super stati per mantenere i loro rispettivi popoli in uno stato di soggezione.
Winston è un membro del partito esterno; è un funzionario e come il resto della sua casta, è stato sottoposto al lavaggio del cervello. Sopra il partito esterno ci sono i membri del partito interno. In cima c'è il Grande Fratello, una figura che non è altro che una faccia che appare sugli schermi.

34

IlRuolo del protagonista

Il lavoro di Winston al ministero della verità è la riscrittura della storia, corregge gli "errori", modificando il passato.
Smith è un moderno antieroe, un individuo impotente che cerca di ribellarsi alle regole della sua società. Winston ha una relazione con una donna dissidente chiamata Julia. Affittando una stanza che sembra non avere il teleschermo, la coppia viene introdotta da un uomo chiamato O'Brien nella Confraternita. C'è un teleschermo nascosto nella stanza, quindi l'ultima parte del libro racconta la tortura di Winston di O'Brien nella stanza 101. Il romanzo termina con lo spirito di Winston che alla fine si rompe.

Continua la lettura
44

Caratteristiche e temi

Il titolo del romanzo è un'inversione dell'anno in cui è stato scritto, nel 1948. Orwell stava descrivendo lo scenario politico del suo tempo: l'orrore del nazismo e le oppressioni dello stalinista in Russia.
La società che descrive Orwell è una società di controllo, dominata dai mass media. I media in Oceania hanno una duplice funzione: lavare il cervello con la nuova parlata (la guerra è pace, l'amore è odio, la libertà è schiavitù); tenendo le persone sotto sorveglianza, infatti ogni stanza ha un teleschermo. Ovunque c'è un'immagine del Grande Fratello (il Grande Fratello ti sta guardando).
A proposito del linguaggio, sono abolite parole come "libertà" e "uguaglianza".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve analisi de "La fattoria degli animali" di Orwell

La fattoria degli animali di Orwell è un popolare romanzo satirico ambientato nella prima metà del 900. Il romanzo rispecchia la politica sovietica di quegli anni e precisamente la rivoluzione russa del 1917. Nel romanzo gli animali che abitano nella...
Superiori

Breve guida a La fattoria degli animali di George Orwell

"La fattoria degli animali" è un romanzo satirico scritto da George Orwell e pubblicato nel 1945, anno in cui finì la Seconda Guerra Mondiale. La scrittura di questo testo venne prettamente influenzata dalle favole di Esopo e Fedro, infatti ha come...
Superiori

Prendere appunti: consigli per farlo al meglio

Prendere appunti è necessario in moltissime situazioni della vita quotidiana. Molti iniziano a prendere appunti fra i banchi di scuola, ma sicuramente non si finisce di prenderli lì. Anche nella vita lavorativa si può avere infatti l'esigenza di prendere...
Superiori

Prendere appunti: i peggiori errori

A scuola spesso, nella maggior parte delle materie, si prendono appunti in varie maniere: più o meno alla rinfusa, preparando una scaletta, in modo ordinato oppure con un metodo preciso. Spesso questo dipende dalla persona stessa, la quale ascolta la...
Superiori

Come organizzare un quaderno di appunti

Generalmente tutto comincia con gli appunti. Il capo che ci spiega il lavoro da fare; l'analista che tiene una conferenza sul nostro settore di mercato; i nostri collaboratori più stretti; riuniti intorno ad un tavolo per una riunione. Nonostante oggi...
Superiori

Come prendere buoni appunti a lezione

Un buon metodo di studio è essenziale per un andamento scolastico ottimale. A supportare lo studio, però, è necessario avere altrettanto buoni strumenti che facilitino il lavoro a casa. Oltre al libro di testo, che non tutti i professori seguono alla...
Superiori

5 consigli per riordinare gli appunti

Affrontare al meglio le scuole superiori, sia che si tratti di un liceo o di un istituto professionale, significa non solo imparare, e mettere in pratica, un metodo di studio adeguato, ma anche saper sviluppare delle doti organizzative e gestionali che...
Superiori

5 consigli per schematizzare gli appunti

Schematizzare gli appunti è un’operazione estremamente importante ed efficace. Una volta acquisita la giusta metodologia, si può risparmiare tempo nell'acquisizione dei concetti. Scrivere correttamente gli appunti, infatti, permette di migliorare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.