Appunti di teoria del volo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In primis Leonardo da Vinci: il tempo dedicato all'osservazione del volo degli uccelli, lo studio del movimento meccanico dell'ala, le sue riflessioni sulla resistenza dell'aria associate alla sperimentazione lo portarono alla formulazione della prima legge della meccanica (ad ogni azione ne corrisponde una uguale e contraria). I fratelli Montgolfier inventarono il primo aeromobile a portare un essere umano nel cielo. I fratelli Wright crearo il flyer nel 1903, il primo aeroplano dotato di motore. Di seguito alcuni appunti di teoria del volo.

25

Le informazioni sui fenomeni atmosferici

Cos'è che permette il volo? Com'è possibile che un corpo con peso superiore a quello dell'aria possa non cadere? L'atmosfera è costituita dalla massa d'aria che avvolge la terra. La troposfera, spessa circa 11.000 metri, è la parte più bassa dell'atmosfera, quella a contatto con il suolo terrestre ed è in questa zona che avvengo i fenomeni atmosferici. Tutto quello che avviene in essa ha origine dalle interazioni tra pressione, umidità e temperatura. La pressione rappresenta la forza che il peso della colonna d'aria esercita sulla superficie terrestre, essa è inversamente proporzionale all'altitudine e si dimezza intorno ai 5000 m di quota. Tale pressione non è uniforme sulla superficie terrestre (alta e bassa pressione). La temperatura è data dai raggi del sole che penetrano nell'atmosfera e scaldando la terra e l'acqua. Il terzo fattore è l'umidità che rappresenta la percentuale di vapore acqueo presente nell'aria.

35

Le unità di misura

Le unità di misura del volo sono tre: distanza, velocità ed orientamento. La distanza ha come unità di misura il miglio nautico, la velocità il nodo e l'orientamento ha l'angolo di rotta. Parliamo ora della strumentazione base. Il variometro misura la velocità verticale dell'aereo: quando l'aereo è un quota costante l'indice segna zero; se il velivolo inizia a salire la pressione nella capsula diminuisce. La differenza di pressione è tanto maggiore quanto più rapidamente l'aereo sale e/o scende. Abbiamo poi l'anemometro rileva la velocità della massa d'aria. Generalmente non corrisponde con quella vera, perché influenzata da pressione e temperatura. Ed infine l'altimetro che misura l'altitudine rispetto al livello del mare.

Continua la lettura
45

Le forze fondamentali

Su un aereo agiscono quattro forze fondamentali: peso, portanza, resistenza, spinta e trazione. Il peso è la forza con la quale un corpo è attirato verso il centro della Terra. La portanza è quella forza che deve avere lo stesso peso del corpo, ma rivolta verso l'alto. La resistenza è la forza contraria a quella del moto dell'aereo. La spinta fornita da un motore a reazione che permette a un aereo di volare. Affinché un aereo rimanga in volo, ci deve essere equilibrio tra le coppie di forze peso/portanza e resistenza/spinta.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: la teoria cinetica della materia

Gli stati di aggregazione sono proprietà macroscopiche della materia che possono essere colte dai nostri sensi senza l'aiuto di strumenti. Esse trovano la loro spiegazione, come sempre in chimica, al livello nanoscopico. La teoria che interpreta gli...
Superiori

Appunti sulla teoria della relatività

Avete dubbi sulla teoria della relatività e non sapete come risolverli? Non temete, in questo tutorial vi forniremo dei brevi appunti a riguardo.Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di teoria della relatività. Il principio...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Superiori

Appuntunti sulla teoria delle stringhe

La meccanica quantistica e la relatività generale si avvicinano nella teoria delle stringhe. In questa guida cercheremo di fornire gli appuntunti necessari per sostenere un'esame universitario o una piccola interrogazione sulla teoria delle stringhe....
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

La teoria dell'evoluzione

Animali e pianti sono organismi viventi, suddivisi in ordini e in famiglie. La loro classificazione è possibile perché esistono le specie che raggruppano gli essere viventi, in modo più o meno omogeneo. Tramite la teoria dell'evoluzione della specie,...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
Superiori

Come dimostrare il volo planato

È opinione comune credere che un velivolo stia in aria grazie al suo motore; questo non è propriamente vero: il propulsore è necessario per alzarsi in volo, per seguire una determinata rotta e così via, è necessario, insomma, per la condotta corretta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.