Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni che presero parte al conflitto infliggendo anche gravi perdite sia nel versante vincente che in quello perdente. Anche gli equilibri mondiali subirono dei cambiamenti. Ma vediamo, nel dettaglio lo svolgimento delle azioni belliche che caratterizzarono l'ultimo anno. Quest'ultimo sembrò iniziare bene per gli imperi centrali. Nel marzo, i tedeschi travolsero gli inglesi sulla Somme e penetrarono per 50 chilometri nelle linee alleate. Iniziarono poi il bombardamento di Parigi. Gli alleati risposero unificando il comando supremo, affidato al francese Foch. Una nuova offensiva tedesca nelle Fiandre ebbe poco successo; un'ultima culminò nella seconda battaglia della Marna, il 17 luglio.

25

Quando l'assalto tedesco si esaurì senza aver sfondato, iniziò un vittorioso contrattacco francese. Gli inglesi, da parte loro, impegnarono 450 carri armati nella battaglia di Amiens e si presero la rivincita della sconfitta sulla Somme. Cresceva intanto l'apporto americano, che raggiunse il milione di uomini, oltre all'apprestamento di un appoggio logistico formidabile. In agosto, i Tedeschi ripiegavano ovunque, mentre fermenti di ribellione serpeggiavano nelle loro forze armate.

35

Anche gli alleati della Germania erano in crisi. La Bulgaria fu costretta a chiedere la pace il 28 settembre; la Turchia due giorni dopo. Gli austriaci avevano scatenato un'altra offensiva contro gli italiani, ma questi ultimi erano passati al contrattacco e avevano vinto la battaglia di Vittorio Veneto (29 ottobre), che doveva risultare definitiva. L'impero austro-ungarico, provato da una lotta senza esito di quattro anni, si stava sgretolando. Cechi, ungheresi, sloveni, croati e polacchi proclamarono la loro indipendenza. L'Austria dovette firmare l'armistizio con l'Italia il 3 novembre a Villa Giusti.

Continua la lettura
45

Solo la Germania era ancora in campo, ma la flotta e l'esercito si stavano ribellando. Ne seguì la fine dell'Impero: l'8 novembre venne proclamata la Repubblica, l'11 fu firmato l'armistizio. La prima guerra mondiale volse al termine. Le perdite militari degli Stati coinvolti nella prima guerra mondiale furono numerosissime, più di qualunque altra guerra svolta fino ad allora in ogni angolo della terra. La Germania perse circa 1800 uomini e più di 1000 furono i dispersi; la Russia contò 1700 morti e ben 2500 dispersi; l'Austria, 1200 deceduti e 2200 prigionieri. Numeri agghiaccianti che sottolineano le proporzioni di questo conflitto.

55

Il 18 gennaio 1919 si aprì a Parigi la Conferenza generale per la pace, con la presenza dei 32 Paesi vincitori e l'esclusione dei vinti. Le spartizioni di territori lasciarono qualche malcontento e il conflitto non aveva risolto del tutto alcuni problemi riguardanti alcuni aspetti del rapporto tra le nazioni. Le nazioni sconfitte covavano sentimenti di rivalsa e i dettami sanciti dalle nazioni che avevano vinto incombevano pesantemente sui perdenti. Da lì a breve si sarebbero gettate le basi per qualche decennio di pace apparente, fino al riaccendersi delle ostilità che portarono allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Appunti di storia del Novecento

In questa guida verranno date utili informazioni su alcuni appunti di storia del novecento. Esso è stato un secolo molto particolare, contraddistinto da conflitti globali, grandi rivoluzioni politiche e tecnologiche e da un lungo periodo di confronto...
Elementari e Medie

Prima Guerra Mondiale Riassunto

La Prima Guerra Mondiale ha segnato il corso del secolo scorso, cambiando inesorabilmente il mondo e influenzando per diretta conseguenza anche la società attuale. È stata la prima guerra che ha visto l'utilizzo di nuove armi e ad alto sterminio come...
Superiori

Appunti di storia: la guerra di Etiopia

La guerra d'Etiopia o anche conosciuta guerra italo-etiopica si fa riferimento al conflitto sorto il 3 ottobre 1935 tra il Regno d'Italia l'impero di Etiopia a partire. Si concluse dopo ben sette mesi di combattimenti contraddistinti anche dall'utilizzo...
Superiori

La prima guerra mondiale in pillole

Difficile ridurla a poche righe, ma vediamo come raccontare la Prima Guerra Mondiale in pillole. La Grande Guerra infiammò l'Europa e non solo tra il 1914 e il 1918. Le premesse del sanguinoso conflitto vanno viste nella corsa agli armamenti che, tra...
Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.