Appunti di storia: l'età preistorica del ferro

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il periodo storico, o meglio preistorico, in cui gli uomini iniziarono a lavorare i metalli per la costruzione di utensili ed armi, abbandonando così l'uso della pietra, è detto appunto "età dei metalli". Tale arco di tempo si divide in età del bronzo, del rame e del ferro. L'età del ferro, di cui ci occuperemo nello specifico, abbraccia un arco di tempo che va dalla fine del secondo millennio a tutto il primo millennio a. C., per convenzione si fa terminare con l'ingresso della cultura storica, periodo nel quale cioè sono presenti le prime fonti scritte. Negli appunti di storia che seguono, conosceremo tutto ciò che c'è da sapere sull'età preistorica del ferro.

25

Il principale vantaggio dell'uso del ferro era rappresentato dal vasto numero di giacimenti presenti nel territorio e dalla sorprendente robustezza del metallo, che ben si adattava alla fabbricazione di seghe, asce, zappe, chiodi. Tuttavia la sua lavorazione risultò essere molto più difficoltosa rispetto al bronzo, questo nuovo materiale infatti necessitava di temperature decisamente più alte per la manipolazione. La forgia di utensili ed armi, avveniva per mezzo della tempra, un processo di lavorazione mediante il quale il ferro veniva portato ad altissime temperature in forni a legna, per poi essere bruscamente raffreddato in acqua, più volte l'operazione veniva ripetuta, maggiore era la robustezza del lavorato.

35

Il processo tecnico aumentò notevolmente, venivano modellati armi e strumenti sempre più precisi che servivano per la coltivazione, per la fabbricazione di case e templi, l'apice venne toccato con l'invenzione della ruota, l'uso di bardatura per l'attacco dei cavalli e la diffusione della ruota del vasaio. Quest'ultima innovazione rese più pregevole il vasellame prodotto e di conseguenze venne introdotta la produzione in serie, dando vita così alla prima forma di industria meccanica della storia.

Continua la lettura
45

La specializzazione del lavoro introdusse la suddivisione in classi, la suddivisione cioè di gruppi ben distinti a in base alle condizioni economiche e sociali, primo fra tutti la suddivisione tra datori di lavoro ed lavoratori, che spesso erano schiavi. Avere oggetti di uso comune in ferro era ormai diventato indispensabile, a tal punto che anche durante le sepolture, il defunto veniva adagiato, in posizione fetale, nella tomba con vicino diversi oggetti di uso quotidiani ed armi, non dimentichiamo infatti che nella credenza popolare a quei tempi, si era convinti che vi fosse una vita nell'aldilà nella quale in caro estinto avrebbe necessitato di ogni attrezzo che usava nella vita precedente.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tenete sempre a portata di mano un buon libro di storia

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Appunti di storia: i Medi

I Medi erano un antico popolo iraniano che vivevano in una regione conosciuta come "media". Precisamente, questa zona corrisponde all'attuale nord-ovest dell'Iran ed al sud-est della Turchia. Questa popolazione parlava una lingua iranica nord-occidentale,...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la civiltà egizia

In questa guida daremo alcuni appunti di storia sulla grande civiltà egizia. Stabilire con certezza il periodo in cui nacquero gli egizi è una cosa impossibile. Questo è dovuto al fatto che i reperti storici sono andati persi sotto i cumuli di limo...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i franchi e il feudalesimo

In questa guida, vogliamo proporvi dei veri e propri appunti di storia e nello specifico vogliamo aiutarvi a capire ed anche a studiare, nella maniera più corretta possibile, i Franchi ed anche il Feudalesimo, in modo da poterlo memorizzare con estrema...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i Sumeri

Studiare la storia è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello ed appassionante. In molte infatti sono le civiltà degne di stima e considerazione che hanno portato un proprio contributo al progresso dell'umanità, tra di queste spicca certamente...
Elementari e Medie

Appunti di storia: il regno visigoto

Tra il V e l'VIII secolo d. C. In Europa occidentale, precisamente tra il sud-ovest della Francia e il nord-ovest della Penisola Iberica, si sviluppò il regno visigoto. Esso fu uno degli stati che succedettero all'Impero Romano e fu inizialmente creato...
Elementari e Medie

Appunti di storia: il trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona è un documento (o meglio un trattato internazionale) firmato da tutti gli stati membri dell' Unione Europea (UE), che definisce il funzionamento dell' Unione stessa. Infatti esso contiene un insieme di articoli, i quali definiscono...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la prima guerra balcanica

All'interno di questa guida, andremo a trattare un tema molto importante all'interno della Storia del 1900, le guerre balcaniche. Nello specifico, ci dedicheremo alla prima guerra balcanica, cercando di fornire un riassunto che abbia all'interno tutti...
Elementari e Medie

Come Creare Un Albero In Filo Di Ferro

In questo tutorial vedremo come creare un albero in filo di ferro. Tali alberi sono tra i soggetti più rappresentati frequentemente dagli artisti. Agli alberi vengono assegnati valori forti ed anche simbolici come anche significati che vanno al di là...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.