Appunti di storia: il trattato di Lisbona

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il trattato di Lisbona è un documento (o meglio un trattato internazionale) firmato da tutti gli stati membri dell' Unione Europea (UE), che definisce il funzionamento dell' Unione stessa. Infatti esso contiene un insieme di articoli, i quali definiscono come funziona e come è strutturata la UE.
Il trattato, in realtà è formato da 2 documenti: il Trattato sull' Unione Europea (TUE) e il Trattato sul funzionamento dell' Unione Europea (TFUE).
Ancora oggi il documento è in vigore e su di esso si basa l'intero sistema di leggi europeo e di tutti gli stati membri.
Nei prossimi appunti vedremo la storia di questo trattato.

24

Il trattato di Lisbona è stato siglato il 13 dicembre 2007, dopo circa 3 mesi di discussione, nella capitale portoghese.
È stato firmato, all'unanimità da tutti i 27 paesi membri della UE (Italia, Francia, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Germania, Spagna,
Portogallo, Polonia,Gran Bretagna, Romania, Ungheria,
Bulgaria, Slovenia, Slovacchia,Repubblica Ceca,
Austria, Estonia, Lettonia, Danimarca, Svezia, Finlandia, Grecia,
Irlanda, Malta, Cipro, Liechtenstein).
Ma entrerà effettivamente in vigore soltanto nel 2009, a causa del blocco da parte dell' Irlanda.
Infatti lì i trattati internazionali per esseri ratificati devono passare per referendum, che nel 2008 diede esito negativo. Solo con un 2° referendum, tenuto l'anno dopo, il trattato fu ratificato anche dall'Irlanda ed entrò in vigore l'1 dicembre 2009, dopo che anche l'ultimo paese lo rattificò (Repubblica Ceca).

34

Il trattato di Lisbona nacque dalle ceneri di una precedente trattato stipulato nel 2004 a Roma, a seguito di una conferenza dove erano presenti i membri di ciascun stato, chiamata "Convenzione sul futuro dell’Unione Europea". Il progetto fu quello di creare una Costituzione Europea, che avrebbe trasformato la UE in un unione tra stati, in una specie di "grande stato", con tanto di inno, bandiera e motto. Questo trattato fu però ratificato solo da 22 stati su 24 (infatti in Francia e in Olanda un referendum popolare bloccò la ratifica).
Di conseguenza il progetto fu accantonato, anche se continuò a rimanere l'esigenza di un ammordamento e di un cambiamento del sistema politico e istituzionale della UE.

Continua la lettura
44

Proprio da qui nacque l'idea di redigere un nuovo trattato che venisse incontro alla esigenze dei vari stati, il quale fu poi ratificato nel 2007 nella capitale portoghese.
Il trattato di Lisbona mantiene quasi identico l'impianto delle leggi e il funzionamento della UE previsto nel precedente accordo, eliminando però quasi del tutto la simbologia che indicasse una vera unione di stati, a causa delle resistenze di alcuni di essi.
In conclusione è un documento molto avanzato che garantisce il benessere attuale di molti stati anche se è visto da una parte degli europei come simbolo di lentezza, burocrazia e corruzione al pari dell' Unione stessa. Una conseguenza del fatto che esso viene considerato solo come un insieme di leggi e non come simbolo di appartenenza ad un unico popolo europeo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Appunti di storia: la rivoluzione copernicana

La storia, tra le tante materie che esistono, rappresenta una di quelle discipline maggiormente vaste. Proprio per questa ragione, infatti, quando è necessario effettuare dei ripassi o dei riassunti, risulta essere estremamente utile poter consultare...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la civiltà egizia

In questa guida daremo alcuni appunti di storia sulla grande civiltà egizia. Stabilire con certezza il periodo in cui nacquero gli egizi è una cosa impossibile. Questo è dovuto al fatto che i reperti storici sono andati persi sotto i cumuli di limo...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i franchi e il feudalesimo

In questa guida, vogliamo proporvi dei veri e propri appunti di storia e nello specifico vogliamo aiutarvi a capire ed anche a studiare, nella maniera più corretta possibile, i Franchi ed anche il Feudalesimo, in modo da poterlo memorizzare con estrema...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la prima guerra balcanica

All'interno di questa guida, andremo a trattare un tema molto importante all'interno della Storia del 1900, le guerre balcaniche. Nello specifico, ci dedicheremo alla prima guerra balcanica, cercando di fornire un riassunto che abbia all'interno tutti...
Elementari e Medie

Appunti di storia: l'età preistorica del ferro

Il periodo storico, o meglio preistorico, in cui gli uomini iniziarono a lavorare i metalli per la costruzione di utensili ed armi, abbandonando così l'uso della pietra, è detto appunto "età dei metalli". Tale arco di tempo si divide in età del bronzo,...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i Sumeri

Studiare la storia è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello ed appassionante. In molte infatti sono le civiltà degne di stima e considerazione che hanno portato un proprio contributo al progresso dell'umanità, tra di queste spicca certamente...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i Medi

I Medi erano un antico popolo iraniano che vivevano in una regione conosciuta come "media". Precisamente, questa zona corrisponde all'attuale nord-ovest dell'Iran ed al sud-est della Turchia. Questa popolazione parlava una lingua iranica nord-occidentale,...
Elementari e Medie

Appunti di storia: il regno visigoto

Tra il V e l'VIII secolo d. C. In Europa occidentale, precisamente tra il sud-ovest della Francia e il nord-ovest della Penisola Iberica, si sviluppò il regno visigoto. Esso fu uno degli stati che succedettero all'Impero Romano e fu inizialmente creato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.