Appunti di psicologia della comunicazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La psicologia è una disciplina piuttosto complessa e allo stesso tempo interessante che studia i comportamenti e la psiche umana. Studiarla richiede tempo e dedizione e anche molta pratica. Della psicologia esistono molte branche, ognuna con una specializzazione, ma che comunque richiedono lo studio del comportamento umano. Ultimamente ha preso sempre più piede capire come avviene la comunicazione e cosa si nasconde dietro ciò che ognuno di noi dice o fa quando comunica con il mondo circostante. La psicologia della comunicazione è una disciplina che, integrandosi con la psicologia sociale e quella cognitiva, si occupa di approfondire i meccanismi in base ai quali gli individui comunicano e i processi che sottostanno ad ogni forma di scambio comunicativo tra gli stessi. In questi appunti vediamo gli aspetti principali della studio della comunicazione da un punto di vista psicologico. Immergiamoci quindi più in profondità alla scoperta di questa intrigante materia.

24

Arte del comunicare

Comunicare significa "mettere in comunione", "condividere con altri", informazioni, messaggi e sentimenti. La comunicazione è un processo che coinvolge sia gli aspetti psicologici che quelli sociali. Tale processo, per attuarsi, prevede sei componenti: il messaggio che viene scambiato, l'emittente del messaggio, il destinatario dell'informazione, il contesto in cui avviene lo scambio comunicativo, il codice che identifica il sistema di riferimento in base a cui il messaggio viene prodotto e il canale, ovvero il mezzo attraverso cui viene trasmesso (la voce, la radio, la stampa, l'immagine, ecc.)

34

Watzlawick

Paul Watzlawick è fra gli psicologi che più si sono occupati di processi comunicativi. Nel suo "Pragmatica della comunicazione umana" (1967) enuncia 5 principi, riconosciuti come assiomi della comunicazione: non si può non comunicare (tutto e tutti comunicano. Anche il silenzio comunica); ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto (le informazioni) e uno di relazione (il modo in cui vengono scambiate); le relazioni possono essere simmetriche (l'uno tende a rispecchiare l'altro) o complementari; la natura delle interazioni dipende dalla qualità delle "interruzioni" (come la punteggiatura) che attribuiscono significato diverso agli stessi messaggi; si può comunicare usando un modulo analogico (ad esempio tramite le immagini) e un modulo digitale (attraverso le parole, ovvero segni per rappresentare ciò di cui si intende parlare).

Continua la lettura
44

Fraser

Per Fraser, altro noto studioso della materia, i messaggi scambiati tra le persone sono portatori di informazioni circa la personalità e le emozioni di chi parla. Nell'interazione comunicativa divengono evidenti non solo le caratteristiche "oggettive" dell'individuo (provenienza geografica, età, livello di preparazione o socio-culturale) ma emergono anche gli stati emotivi dello stesso. Infatti, le parole sono sempre accompagnate da sistemi silenziosi dotati di un'ampia efficacia comunicativa e che sono in grado di rivelare atteggiamenti e disposizioni del soggetto nei confronti di una persona o di una situazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di psicologia: il narcisismo

All'interno di questa guida, andremo a parlare di appunti di psicologia. Nel dettaglio, in questo specifico caso, tratteremo il tema del narcisismo. Proveremo ad impostare una riflessione semplice, che possa essere compresa da tutti e che risulti essere...
Superiori

Storia della psicologia: appunti

Molto spesso quando studiamo alcune materie, potremmo aver bisogno di approfondire ulteriormente un particolare argomento in modo da riuscire a comprenderlo in maniera più semplice e corretta.Su internet potremo trovare molto facilmente tantissime informazioni...
Università e Master

Psicologia: i processi cognitivi

I processi cognitivi, come dice la parola stessa, sono quei processi determinati da sequenze di eventi che si manifestano quando c'è una formazione di contenuto di coscienza. Ci permettono di acquisire informazioni sull'ambiente e di elaborarle in relazione...
Università e Master

Psicologia: la Gestalt

La psicologia è la disciplina che osserva, studia e descrive il comportamento degli individui in relazione ai loro processi cognitivi, emotivi e affettivi. Esistono differenti scuole di pensiero nell’ambito della psicologia, si differenziano tra...
Maturità

Psicologia dell'età evolutiva: appunti

La psicologia dell'età evolutiva rappresenta la branca della più vasta area della psicologia che si occupa dello sviluppo dell'essere umano. Per convenzione si fa terminare lo studio all'età adolescenziale. Numerosi sono stati gli psicologi che si...
Università e Master

Psicologia: la percezione

Secondo la psicologia quando si parla di percezione si intende un meccanismo secondo il quale la mente umana è in grado di elaborare gli stimoli sensoriali che provengono dalla realtà esterna traducendoli in stimoli più complessi. Si tratta di un aspetto...
Università e Master

Come prepararsi al test di ammissione di psicologia

L'ammissione alla facoltà di psicologia, come accade per numerose altre facoltà italiane a numero chiuso, è subordinata al superamento di un test di ammissione. Attraverso questi test si vanno a verificare le conoscenze acquisite durante gli anni scolastici...
Università e Master

Psicologia: la memoria

La memoria è uno dei temi più affascinanti che si può studiare in psicologia. Si tratta di una componente fondamentale della vita quotidiana, sulla quale ogni essere umano fa grande affidamento per la maggior parte della azioni. Quindi, possiamo dire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.