Appunti di programmazione Java

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Come ogni linguaggio di programmazione, il linguaggio Java ha una propria struttura, le regole di sintassi e i paradigmi di programmazione. Il paradigma di programmazione del linguaggio Java si basa sul concetto di programmazione orientata agli oggetti, che supporta le funzionalità del linguaggio. Il linguaggio Java è un derivato dal linguaggio C, quindi le sue regole di sintassi hanno un aspetto molto simile a C. Ad esempio, i blocchi di codice vengono modularizzati in metodi e delimitati da parentesi graffe ({e}), e le variabili sono dichiarate prima di essere utilizzate. Strutturalmente, il linguaggio Java inizia con pacchetti. Un pacchetto è il meccanismo dello spazio dei nomi del linguaggio Java. All'interno dei pacchetti ci sono le classi, e all'interno delle classi ci sono appunti, variabili, costanti, e altro ancora. Si impara a conoscere le parti del linguaggio Java in questo tutorial.

24

Quando si programma per la piattaforma Java, si scrive il codice sorgente in. Java file e poi lo si compila. Il compilatore controlla il codice contro le regole di sintassi del linguaggio, poi scrive i bytecode in file .class. Il Bytecode è un insieme di istruzioni mirate per l'esecuzione di una macchina virtuale Java (JVM). In aggiunta a questo livello di astrazione, il compilatore Java si differenzia da altri compilatori di linguaggio, che scrivono le istruzioni adeguate per il chipset CPU.

34

In fase di esecuzione, la JVM legge e interpreta i file. Class ed esegue le istruzioni del programma sulla piattaforma hardware nativa per il quale è stata scritta la JVM. La JVM interpreta il bytecode proprio come una CPU potrebbe interpretare le istruzioni di montaggio in lingua. La differenza è che la JVM è un software scritto appositamente per una particolare piattaforma. La JVM è il cuore del principio di "write-once, run-anywhere" del linguaggio Java. Il codice può essere eseguito su qualsiasi chipset per il quale un'implementazione JVM adatta è disponibile. I JVM sono disponibili per le principali piattaforme come Linux e Windows, e sottoinsiemi del linguaggio Java che sono stati implementati in JVM per i telefoni cellulari e chip hobbisti.

Continua la lettura
44

Piuttosto che costringerti a tenere il passo con l'allocazione di memoria (o utilizzare una libreria di terze parti a farlo), la piattaforma Java fornisce la gestione della memoria, fuori dalla scatola. Quando l'applicazione Java crea un'istanza oggetto in fase di esecuzione, la JVM assegna automaticamente lo spazio di memoria per l'oggetto dal heap-un pool di memoria riservata per il programma da utilizzare. Il garbage collector di Java viene eseguito in background. Questo approccio alla gestione della memoria è chiamato gestione della memoria implicita, perché non richiede di scrivere alcun codice di memoria di gestione. Garbage Collection è una delle caratteristiche essenziali delle prestazioni della piattaforma Java.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di programmazione C#

Con l'avvento dell'era digitale i linguaggi di programmazione sono aumentanti a dismisura. Ci sono diverse categorie di linguaggi di programmazione, ognuna studiata e strutturate per agevolare determinati compiti. Dal linguaggio macchina (quello inizialmente...
Università e Master

Come superare l'esame di fondamenti di informatica

Un corso di laurea che al giorno oggi offre numeroso sbocchi sul mondo del lavoro è la laurea in scienze informatiche. Infatti sapere utilizzare bene un computer, o ancora meglio, saperlo programmare o creare dei contenuti web accattivanti e frequentemente...
Università e Master

Come usare il Pattern Observer

II pattern Observer rappresenta per definizione, nell'ambito della programmazione orientata agli oggetti, uno schema progettuale estremamente semplice che fornisce una soluzione concettuale, già pronta al nostro uso, ad un problema ricorrente. Quindi...
Superiori

Come disegnare un diagramma delle classi

Nel linguaggio di modellizzazione unificato (UML), il diagramma delle classi è una delle rappresentazioni essenziali più comunemente utilizzate ed è utile per illustrare la struttura statica del sistema object-oriented, scomponendolo in classi definite...
Superiori

Guida alla programmazione lineare

La programmazione lineare è una particolare disciplina sviluppata negli anni ‘40 da George B. Dantzig e John von Neumann. Tale disciplina, inizialmente, venne motivata dalla necessità di risolvere problemi complessi di pianificazione nelle operazioni...
Università e Master

Appunti di programmazione C++

Il C++ è un linguaggio di programmazione sviluppato da Bjarne Stroustrup nel 1983, esso è un linguaggio orientato agli oggetti ed è definito come un miglioramento di un altro linguaggio di programmazione, il C. Il creatore iniziò a svilupparlo circa...
Superiori

Come allenarsi per le Olimpiadi di Informatica

Le Olimpiadi di Informatica sono una competizione nazionale ed internazionale. Vi prendono parte ragazzi talentuosi nella programmazione, ed iscritti ad istituti secondari. Dal 2000, l'Italia partecipa con una propria squadra alla versione internazionale...
Università e Master

Come generare un'onda sinusoidale

In questa guida, vi illustrerò dettagliatamente come generare un'onda sinusoidale. Ho approfondito gli studi in base a questa tecnica, per un anno, metterò le mie conoscenze a vostra disposizione. Spero di essere il più chiaro possibile in questa guida,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.