Appunti di programmazione C++

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il C++ è un linguaggio di programmazione sviluppato da Bjarne Stroustrup nel 1983, esso è un linguaggio orientato agli oggetti ed è definito come un miglioramento di un altro linguaggio di programmazione, il C. Il creatore iniziò a svilupparlo circa alla fine degli anni 70, all'inizio questo linguaggio era chiamato "C con classi" ma poi alla rifinitura fu rinominato in C++. Sul web esistono diversi compilatori per sviluppare in questo linguaggio di programmazione, come DJGPP o MinGW o anche GCC. Essi hanno avuto diversi problemi durante gli anni con il C++, come la gestione delle eccezioni e altre funzioni implementate. Ma andiamo a vedere nel dettaglio alcuni appunti di programmazione C++.

24

Punti costituenti

Partiamo dai punti importanti che costituiscono il C++, gli identificatori. Essi sono nomi utilizzati per raffigurare le variabili, le costanti e tutte le funzioni del software. L'identificatore è formato da diverse lettere, numeri e caratteri di vario genere. Quando si usa un identificatore, bisogna tenere il mente che i compilatori distinguono leggere maiuscole e minuscole quindi bisogna stare abbastanza attenti mentre si sviluppa. Per farvi un esempio pratico, ecco alcuni identificatori:
first_name max MAX i _second_name.

34

Le condizioni

Adesso passiamo ad un argomento più interessante, le condizioni. Nel C++ le condizioni principali sono:
if
if insieme a else
switch
Quando si utilizzano le condizioni, sono importantissime le parentesi graffe per far capire al C++ quando inizia una condizione e quando finisce. Ecco un esempio di istruzione con la condizione inclusa:
if (condizione){
(esegui questo);
}
Per fare una condizione più completa, di norma si usa anche l'else (altrimenti). Ecco come usarlo:
if (condizione){
(esegui questo);
}else{
(esegui quest'altro);
}

.

Continua la lettura
44

Cicli

Passiamo ai cicli for, while e do-while. Dunque, partiamo dal ciclo for, è un ciclo insieme ai suoi "colleghi" che definisce quante volte ripetere una determinata azione, per esempio:
for (valore, condizione, incremento){
(istruzione)
}
Passiamo al ciclo while, esso è usato, al contrario del for, per stampare tutti i risultati presenti, per esempio in una tabella. Andiamo a vedere insieme come utilizzare il while:
while (condizione){
istruzione
}
Ed infine, il ciclo do-while, che a differenza dei precedenti cicli, esegue l'operazione almeno una volta. Ovvero che una volta svolta tutta l'istruzione inserita da voi, va a controllare se tutto e giusto e a quel punto se tutto va bene, stampa il valore da voi richiesto. Se ciò non dovrebbe andare a buon fine, semplicemente non stamperà nulla. Ecco un esempio di impostamento del do-while:
do{
(istruzione)
}while (condizione).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Guida alla programmazione lineare

La programmazione lineare è una particolare disciplina sviluppata negli anni ‘40 da George B. Dantzig e John von Neumann. Tale disciplina, inizialmente, venne motivata dalla necessità di risolvere problemi complessi di pianificazione nelle operazioni...
Università e Master

Appunti di Linguaggi Formali

Tra tutti i concetti legati al mondo dell'informatica, quello del "linguaggio" riveste sicuramente un ruolo di rilievo, essendo alla base di ogni tipo di programmazione. Esso è definito come un insieme di stringhe basate su un determinato alfabeto. L'informatica...
Università e Master

Programmazione in C++: le classi

La tecnologia sta prendendo via via sempre più piede e quindi risulta negativo non conoscere almeno un linguaggio di programmazione. Tra i linguaggi più diffusi si trova sicuramente Java, ad esso è secondo C++, un mix tra linguaggio procedurale (ad...
Elementari e Medie

Come si usa il Past Continuous

Internamente a tale tutorial, vi andremo quindi a spiegare come si usa in modo corretto il Past Continuous. Nella lingua inglese, il Past Continuous è una forma verbale che, in italiano, non ha corrispondenze precise, e viene quindi tradotta con il termine...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Superiori

Come allenarsi per le Olimpiadi di Informatica

Le Olimpiadi di Informatica sono una competizione nazionale ed internazionale. Vi prendono parte ragazzi talentuosi nella programmazione, ed iscritti ad istituti secondari. Dal 2000, l'Italia partecipa con una propria squadra alla versione internazionale...
Università e Master

Come generare un'onda sinusoidale

In questa guida, vi illustrerò dettagliatamente come generare un'onda sinusoidale. Ho approfondito gli studi in base a questa tecnica, per un anno, metterò le mie conoscenze a vostra disposizione. Spero di essere il più chiaro possibile in questa guida,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.